Archivi per la categoria ‘FantastiKa Albi Show’

2011. Welcome into ‚Äúfantastikalbi.it‚ÄĚ and ‚ÄúAlbi di FantastiKa”. I Salvo Gagliardo fantastic literature writer.1

venerdì, 4 febbraio 2011

   

 

2011. Welcome into ‚Äúfantastikalbi.it‚ÄĚ and ‚ÄúAlbi di FantastiKa‚Ä̬†

Thank You very much¬†¬† for looking at my website. I’m a writer of fiction and fantasy literature, and this site is about my¬† creative work. ‚Äúfantastikalbi.it‚ÄĚ, and ‚ÄúAlbi di FantastiKa‚ÄĚ, are entered into second year and You can look what I produced here at this time. Many works I repeated here from my Facebook Pages, where I wrote many notes about many Themes, and where You can look at Youtube, Video, Photo, and where You can read many fantastic stuff that I wrote, novels, short stories, and my¬† pictures and illustrations, by the links published in my articles of ‚Äúfantastikalbi.it‚ÄĚ . I hope very soon to change my site, and to publish my narrative work and fantastic, novel or short stories. Thank¬† you for You comment or¬† opinion¬† after visiting my site. You write something and¬† You leave an address, I’ll give you answers. Enter You in the Website ‚Äú fantastikalbi.it‚Ä̬† here. Thank You very much. salvo. ¬†

 

  

Salvo Gagliardo  

2011. 

Welcome into <<fantastikalbi.it>> and << Albi di FantastiKa>> 

 I Robot, mr. ASIMO. 

Automaton, Robot. Artificial Intelligence, Android : I’m Mr. ASIMO. Thank You 

 

Back Page  

http://www.fantastikalbi.it/?p=1777 

Facebook Page. SalvoGagliardoProfile  

  http://www.facebook.com/fantastikalbi.it 

Albi di FantastiKa 

  

Albi di FantastiKa  is a virtual magazine,  whereby I  Salvo Gagliardo, fantastic literature writer and  fiction,  collect and  show  my works, fantastic novels and short stories, and their many  illustrations, or drawings, black and white  or color.  I was born and live in Sicily, and my original novels were written in italian.  But my stories are set in the world. 

I begin here showing  The Snack Isle, a modern fairy tale, a novel with many illustrations. This work was written by me many years ago, in the  Eighties. Here You read the introduction to work and your summary or synopsis and your Index. Thank You. 

 

   

 

I begin here showing  The Island of Snake , a modern fairy tale, a novel with many illustrations. This work was written by me many years ago, in the  Eighties. Here You read the introduction to work and your summary or synopsis and your Index. Thank You.  

  

   

The Island of Snake

 

a fantastic modern fairy tale 

by

Salvo Gagliardo

 

 

 

 Introduction to work

 

A fantastic  fairy story set in city, San Francisco,  and at  mysterious island in the Pacific Ocean. An ancient legendary King  awaits buried in his majestic grave and in the depths of a volcano, to be brought back to life with  magic by a young man and a curious little magician .  

He there are so many characters, including the  unique and cute little magician, called Quick, and  an adventurous young man named David Wakingot who sets out for the mysterious island attracted by a strange mental influence. There are also funny animals like birds, monkeys , llamas, turtles, sharks, whales and bats. The fairy tale has a happy ending with the marriage of David with his cousin Galaxy and the destruction of the legendary King rejected by strange creatures from outer  Space.   

 

 

Synopsis Part one

 

Abel Holywriter ‘s ¬†the first-character and the¬† ¬†narrator of ¬†an incredible story, and many fantastic. He ¬†assembles the fragments, awe and wonder, of a story safely out of the ordinary, that involved the life of a American young, ¬†born¬† in ¬†Montana, David Wakingot, a boy who lived, childhood and adolescence, ¬†with ¬†Noah Wakingot, the old father hunter and explorer, lover of wilderness, which gave ¬†to David ¬†charm and magic of the forests of North

The story could be called an urban fantasy, but inside there is a science-fiction, mystery, fairy tales for kinds and , the esoteric novel also.

But one day the old Noha Wakingot dies, ¬†and the young man is deeply upset. And to overcome the crisis David, he ¬†decides to fall in the warmer climates of California, ¬†where Toby Wiwestar, a mother’s brother, uncle ¬†Toby, has a beautiful house overlooking the Pacific Ocean, on a fantastic hill called Millkill, or ¬†White Hill, or Milk Hill too, near ¬†San Francisco city. And It‚Äôs in San Francisco ¬†that the young man enrolled in university medicine courses, ¬†were he knows ¬†Abel Holywriter, the narrator,¬† ¬†who has ¬†a small studio ¬†for psycho analyst, in the¬† Oriental Quarters of the city. To ¬†Milk-hill he meets a ¬†beautiful girl, the ¬†young cousin who lives in the belle house ¬†villa of Toby Wiwestar.

David arrived in San Francisco city, he enters the University, and  the first year of Medicine, recommended by Abel Holywriter,  the  sacred scribe of history, and the doctor of metal disorders of young man. In effect and very    soon,  David  accused depression, delusion, nightmares, annoying headaches. He  rented a small apartment across the Golden Gate, which is immersed in fantasy, possessed by strange visions with open eyes, by  flights of imagination, and often  accompanied by the sounds of a strange guitar and  strange  melodies,  oft in the company of Galaxy, and a beautiful Persian  cat that lies curled in a chair supremely blue velvet.

And here we come to ¬†<<The night‚Äôs port >>. It ‘s a day of rain and thunderstorms in San Francisco. The fog envelops the city, it‚Äôs ¬†rising from Ocean, lightning pierce the sky. I‚Äôs evening, and Wakingot waited in vain the¬† with the cousin, ¬†Galaxy, she did not come, And he, as if in a dream, leads ¬†to the port his jeep. There she meets a strange man in the fog and the pelting rain. It ‘s the Indian Tutark, the lame, a strange figure very picturesque, which ¬†warns Wakingot ¬†about a future disaster and about ¬†of some suggestions and fantasies of the mind, these ¬†could damage him tragically! This is a drunk or a poor homeless outcast? Maybe¬† is ¬†this a tramp or a strange prophet? Maybe ¬†Wizard? Questions that ¬†he can not solve. An heavenly ¬†curse weighs on an ancient and powerful king of the Earth, Wakingot must take this away. The sing-song voice of the strange creature stuns¬† and ¬†enchants, the ears of the poor Wakingot, and it tells ¬†the story of a king and of ¬†a curse, an ancient ¬†king sleeps under a huge volcano in an island of ¬†the Pacific Ocean. His name is Nunar Nash. The king will try with his magic arts to attract in the¬† mysterious island, ¬†where he sleeps a long sleep, the young man by ¬†extraordinary mental strength of Wakingot,¬† ¬†and¬† to return to live . David is upset by this strange story and he ¬†passes out. Is found in the morning and taken to a hospital in the city‚Ķ‚Ķ..

……read more ¬†¬†¬†

Part One

 

 

Chapter 1

David Wakingot

 

My name is Abel Holywriter,  and plays the honest profession, as  psychoanalyst,  in San Francisco, California. I knew the young Wakingot before his serious illness, before this ugly depression. I was driving it during his brilliant course of study at our University Medical Center Psychiatry. I can clearly remember his powerful figure, his body strong, your  vivid intelligence.

 

He was born in the north, between the Rocky Mountains in Helena, Montana. Here lies the root of its superannuated old family. Son of a wealthy manufacturer wiskie, he  had lived in the valleys, lakes and forests of the frozen north. Together with the old Noha Wakingot had fished, climbed glaciers, paddled canoes on slim. Together they slipped on the steep of snow under a blue sky and turquoise ski with burnished wood ash on which an old Indian had cut and colored her magic runes. The full moon had bivouacked between volcanic misty valleys. Their ears pricked up to cry wolf, their dark shadows wavering beneath the wings of an eagle crested night among rocks. Together they faced the terrible Grizzly with the sun shining coppery between the horns of a deer in the silent forests of Yellowstone. They had jackets made of reindeer and beaver hats, drank the cold water of snow, explored the dark cathedral of trees. In exhausting night marches had seen the sparkle of   the agile skull of a cougar, between the vortices of a blinding sandstorm saw the lithe snake slithering while a raven croaked from the bright beak on a tree by the light yellow of the moon, and the owl screeched from dead branches of a tree.

But one day Noha Wakingot died. He gave the ¬†soul to God the night of a cold winter, while the storm raged, and a cold wind like the blade of a sword tormented city, swirling snow, howling masses that dragged with it the’ soul of the weary old Noha.

© salvogagliardoproduzione.1999-2010.All rights reserved.

Are You  interested in this work? Yes, No? Give me a comment. Thank You.

 

 

 

This is a fantastic story written on a ¬†Alien visit. I really enjoyed ¬†the build¬† ¬†a story about SETI and on the waiting on a future contact with creatures from other planets. You will find here a lot of amused irony, but we know that The Gulliver’s Travels it was considered ¬†the ancestor of the science fiction. Thanks.

 

 

War of Insects

a fantastic  tale

By

Salvo Gagliardo

Synopsis

We are in 1970 and we are in the United States finally reached the area by the fantastic and long awaited message, an alien civilization from ¬†Star Focus, a ternary system that is seven light years from Earth is about to visit our planet. The message seems clear. The first is to receive the Radio Astronomical Observatory on ¬†Devils Tower, Wyoming, and appear first in the eyes of the astonished young astronomer David Mc Clarel. But the news cannot ¬†help but reverberate in the press that put in the ridiculous, but especially on the scientific staff of the Nation and of course the Pentagon and national defense. It takes just a conference held in camera, to take stock of the situation. There are the top brass’ s army rained down from Washington, and the more prominent of NASA and the scientific and academic communities. In general do not like that business, so you decide to put in place a plan to defend the planet and provided for such an exceptional case. In fact no one knows who contacted us and no one knows their intentions. The conference parade of scientists and engineers such as De Luna and Mc Clarel and five-star general as Hillary.

But things will evolve differently! In fact one day from an old chipped bathroom sink of an old farm in the south, in Virginia, belonging to the family of Sam Jordan, scrambles for a worn hose a strange spider mite, like all spiders, except that a almost metallic surface and a round little head that rotates 360 degrees, and 10 legs too long of intense light metal. Turns out, soon proves to be a bug with extraordinary powers, opening a hole in a wall with an extraordinary range of intense blue, and out of the dilapidated and neglected farm. But the oddities do not end, because later in the story and always from the usual rusty pipe will dawn on a fly just as strange and extraordinary, which is also a deep black, metal, and a round little head that rotates 360 degrees and also with ten legs and wings of an intense bright color.

Meanwhile, the spider mite continues its march through America ‘s body with his strange and sometimes emits light rays that prove once catastrophically destructive. The defense of the country has meanwhile started the great and powerful project to save the planet, and jeeps, planes, and thousands of armed men across the United States. But the first to be confronted with something inexplicable is Lieutenant Joseph Morello, whose jeep will literally pulverized by a mysterious blue beam, while men and vehicles are literally annihilated under the incredulous eyes of the generals. But it’s war, just that no one has seen the people ‘has unleashed! Meanwhile, the spider continues to move ahead destructive metal twirling its head and sending rays in all directions. There are no new closed-door conference at the Pentagon. There are a Hillary general, colonels and top brass of Defense, there are engineers at NASA, Al Simon and Louis Vall√©e, there are astronomers and Mc Clarel Primrose. The screen displays the rubble produced by the mysterious and invisible enemy from Outer Space.

…………continue 

©salvogagliardoproduzione. albifantastika. 2000-2009. All rights reserved.

 

 

Now I offer you read the ‚Äúbeginning‚ÄĚ ¬†of a long story my whole set in my hometown, Palermo, a city in great measure the character of my story. Rarely, I choose the places where I was born and lived, preferring to other locations, but my story is about a writer of fantastic literature who lives in Palermo, Shall G. ¬†who is interested in strange things ¬†and in amazing true adventures into ¬†unknown. Personally, for years now I am interested in everything about the fantastic, not excluding science fiction and with this work that I wrote several years ago I wanted to take stock of my career as a writer, putting its themes of this literature and referring to readings and texts, not excluding those which I have written, the backbone of this kind. A joke narrative, which I dedicated to HP. Lovecraft, a writer beloved by my character Shall Gallardo, which is a pseudonym and widely read by me and that ultimately will appear in this story. Thanks.

 

 

The seven gates of the dream

philosophical tale fantasy

Salvo Gagliardo

Shall Gallardo, he ¬†has mysteriously disappeared from Palermo, his native city. Disappeared. Deleted !He was erased and disappeared into thin air ! None of us knows where the small group is finished. And I think no one else, either in town or anywhere else on Earth. In this story, my name is George, but I will not reveal my real name, nor Shall G. tell his true identity. The fantastic researcher and writer of ¬†unknown and unusual, Gallardo is quite known as the writer of The God of Ice, A History of Transylvanian and Supernova 1973. In this brief note I will try to tell any single episode of the life of strange and extraordinary man whose mind was so painfully affected, and that left us works dominated¬† by a ¬†lit imagination and¬† an intense need to overcome the limitations ‘s human. Sicilian Baroque, Mazes, and Mystery Martian, The Alchemist, they are going to show, and its two complexes are known essays fantastic: The Time Machine and The Seven Gates of the Dream, left unfinished and published posthumously.

Shall missing for ten years, and I no longer live in Palermo, Having moved to Milan, the city of my parents, where I have my job, my family and spacious house. But fate and the coincidences that have wished they had spent many years in that wonderful south city , and I  lived side by side of my writer friend, with whom I shared strangely birth date, month and  years, and even some physical similarity. The newspapers that were occupied at the time of his disappearance, have spread as a joke, for fun, or even truth, some strange case of the small group that we had discussed in our long evenings together, terraces, gardens and in attics of our homes, under the stars and the moonlight, or in front of a crackling fireplace, including glasses and leftover meal, with ashtrays overflowing with cigarette butts and a long play Mozart on the plate of high-fidelity record player. I often read his best novels and I feel a great nostalgia in it, and I repent of our biting irony, but then we all tried to bring Shall G., as is now affectionately called him, in healthier coordinated and realistic.

His unique research in the libraries of Palermo had made a note and unmistakable figure: tall, lanky, thin, with brown hair falling in clumps on the curved front, and the thin mustache that had grown in recent times when he started to wear metal-rimmed glasses, clothes neglected and an ¬†air perpetually distracted and inattentive. He was born in a house near the Politeama, near a Waldensian church, with the blue sea and the port which could be seen from the large balconies, and there remained for the rest of his life. It was a beautiful spacious house and rich, and for us the small group almost mythical, and I lived not far away in the old quarter of Scin√† course, in ancient village of Saint Lucia. But for all of us was a mythical other his home, the mother, an old country house in Mons ¬†Borghetto, a small town 500 meters in height, located a few kilometers from the city. Shall ‘s going to live when he wanted to isolate themselves from the stress of the city or had to write the last few pages of his strange work. << Creative Retreat >> called them. He was a three-storey building of the country, which is also crammed with books, with a large aviary full of birds, three turtles, a big Persian cat, named Chang, and a wine cellar with selected wines, Sicilian wines, ¬†Shall G. only drank doc, had a passion for the Marsala ice, but sometimes even preferred the cherry red and very intense, and by the way here remember his fondness for good cigars that are often bought at the tobacconist <<Trinacria>>in ¬†Dante road. I also remember that in his cellar in the country, had equipped a real movie theater where he enjoyed his rich library of fantastic and science fiction works, and wrapped inviting locals to see the movies , few of which had written the script, as the story of Martian androids Rosen & C. a director of Palermo, I do not remember the name. But always remember the fantastic and magical winters in the snow on Mons ¬†Borghetto, like that of a distant and strange Christmas.

… … … …. Read more

 Some Links fron my Facebook Pages

http://www.facebook.com/fantastikalbi.it#!/note.php?note_id=10150102048804417

http://www.facebook.com/fantastikalbi.it#!/note.php?note_id=10150101496844417

http://www.facebook.com/fantastikalbi.it#!/note.php?note_id=10150100959419417

http://www.facebook.com/fantastikalbi.it#!/note.php?note_id=10150099676179417

 

Thank You.If what you read here has you interested, let me know this, and you write me a comment below, or you can send an email or leave your email address. Welcome. Salvo.

 

All rights of reproduction of this article  belong to Salvo Gagliardo©salvogagliardo Produzione.2011. All rights reserved

Fantastikalbi in Facebook.12

sabato, 8 maggio 2010

 

 

 Profile in Facebook

http://www.facebook.com/?ref=home#!/fantastikalbi.it

 Fantasikalbi in Facebook link1

 http://www.fantastikalbi.it/?p=854    

Fantasikalbi in Facebook link2

http://www.fantastikalbi.it/?p=890 

 Fantasikalbi in Facebook link3

http://www.fantastikalbi.it/?p=910 

 Fantasikalbi in Facebook link4

http://www.fantastikalbi.it/?p=932     

 Fantasikalbi in Facebook link5

http://www.fantastikalbi.it/?p=969

 Fantasikalbi in Facebook link6

http://www.fantastikalbi.it/?p=1008  

 Fantasikalbi in Facebook link7

http://www.fantastikalbi.it/?p=1049      

 Fantasikalbi in Facebook link8

 http://www.fantastikalbi.it/?p=1089     

 Fantasikalbi in Facebook link9

http://www.fantastikalbi.it/?p=1162    

 Fantasikalbi in Facebook link10

http://www.fantastikalbi.it/?p=1191       

 Fantasikalbi in Facebook link11

 http://www.fantastikalbi.it/?p=1220   

      

Gentile Visitatore, se sei interessato al mio Lavoro in Facebook, ti invito a Visitarmi.

Grazie 

  http://www.facebook.com/?ref=home#!/fantastikalbi.it

 

 

  

  

Invitation to Read

Albi di Fantastika

di Salvo Gagliardo

 

Dear Reader ,assieme a Fantastikalbi in Facebook,  in questi nuovi articoli voglio offrirti in lettura una parte della mia produzione di storie fantastiche in Albi di Fantastika. Vi troverai Presentazioni e Testi. Ti invito a leggerle a lasciarmi un parere. Grazie.

 

 

 

 

 

 

L’ Isola del Serpente

fiaba fantastica

by

Salvo Gagliardo

i capitoli 1.2.3. li troverai nel link

http://www.fantastikalbi.it/?p=1220          

 

Parte prima

Capitolo 4

San Francisco

 

 

Tutto  filò a meraviglia fino alle soglie del secondo anno di studi quando Wakingot venne ad abitare  a San Francisco. Allora spesso con il suo fuoristrada azzurrino  si inerpicava  sulle colline di Milkhill, ma avvolte era Galassia ad andarlo a trovare nel suo piccolo appartamento al Golden Gate di fronte alla Baia, arredato sobriamente, illuminato da grandi finestre, ricoperto di un bel legno chiaro. Vi si vedeva il traffico portuale,le nebbie che dal mare montavano sulla città, il San Francisco Oakland Bridge, le nuvole che planano sulle guglie dei grattacieli delle grandi Compagnie, i bacini del traffico commerciale, le gigantesche strutture petrolifere, l’ Oceano  e le stelle, una grande luna rossa, lo scintillante spettacolo notturno del Golden Gate con i suoi spettacolari ed infiniti serpenti di luce attraverso cui scorreva la pulsante città.

 

©salvogagliardoproduzione.1999-2010.All rights reserved.

 

 

L’ Isola del Serpente

fiaba fantastica

by

Salvo Gagliardo

Parte prima

Capitolo 5

La crisi

 

 

Le serate, spesso intime e con pochi amici, si chiudevano al suono di una strana chitarra, un originale ricordo di quei misteriosi viaggi.

Assai spesso, in quegli ultimi giorni, le sue canzoni. Ora vivaci, ora lente e che miscelavano parole strane e¬† originali, un assortito miscuglio di testi esotici accompagnati da suoni di una esasperata melanconia, da una struggente nostalgia per l‚Äô indefinito, sempre pi√Ļ si coloravano di stranezze, di testi scovati chiss√† dove che narravano di re e di antichissime civilt√†, di visioni terribili e di strane profezie. Fra queste misteriose regioni del sonno e del sentimento, riaffioravano¬† in uno sfondo magico, le Montagne Rocciose della fanciullezza, le valli e le grandi foreste innevate del Nord, le lunghe cavalcate nelle notte di plenilunio attraverso i boschi.

Le cadute di umore sempre pi√Ļ frequenti in Wakingot, i cedimenti di un‚Äô attenzione acuta, si moltiplicavano come buchi neri e come bolle vuote nel tessuto omogeneo del suo carattere. E nel secondo inverno della sua permanenza qui da noi, peggiorarono rapidamente e drammaticamente. Sempre pi√Ļ spesso David ¬†trascorreva le sue giornate a letto e nella pi√Ļ completa oscurit√†. Cos√¨ da amico mi trasformai in medico. Forse era l‚Äô intenso studio, o la recente perdita del padre. Nelle sue lunghe escursione argentine con la chitarra con il suo repertorio misteriosamente arcaico, di fronte ad una luna straordinariamente grande e piena, davanti alla grande finestra a vetri del suo appartamento, ¬†sotto lo scintillante chiarore delle stelle, affiorava il mistero della¬† ¬†sua strana condizione che scintillava impalpabile come gli occhi del gatto ¬†di casa accovacciato su un¬† soffice ¬†cuscino azzurro

Galassia incantata seguiva quella evocazione di mondi lontani e trepidava per la metamorfosi del suo amante i  cui occhi spesso si sprofondavano verso l’ orizzonte lontano  notturno in cui esplodevano strane luci, fulmini, flash elettrici e inquietanti bagliori. Si creava così un’ atmosfera esasperatamente surreale, e carica di tensione.  Nell’ ascoltarlo veniva spontaneo chiudere gli occhi ed evocare strane foreste attraversate da strani indiani,  o ruote di luce  che emergevano gigantesche  dall’ Oceano, dischi  d’ oro e d’ argento che subito sparivano fra le stelle, mostruose sirene dal corpo lucido e coperto di alghe.

Pi√Ļ volte Galaxy lo accompagn√≤ nei suoi lunghi vagabondaggi notturni per la citt√†. Ma anche spesso per sentieri nascosti e selvaggi rischiarati dalla luna accanto alle onde e ¬†agli schizzi di spuma dell‚Äô Oceano che li infradiciava. E sempre pi√Ļ la ragazza si chiedeva cosa stesse possedendo lo spirito ammalato del¬† ¬†suo amante!¬† E fu in questi giorni che si vegli√≤ in lui una passione prepotente per il dramma lirico. Davide era diventato un assiduo frequentatore di teatri d‚Äô Opera, sempre pi√Ļ sedotto dalle magiche scenografie e dall‚Äô orchestra che muggiva come un mare in tempesta, dai corni che evocavano l‚Äô arri di misteriosi Signori fra le magiche nebbie di laghi di fiaba. E un giorno David mi confess√≤ la strana ¬†passione di Noha Wakingot, il padre, per un gigantesco corno polinesiano che spesso suonava nelle solitudini dello Yellowstone.

Ma tutto precipitò quella brutta notte che ho cercato di ricostruire servendomi di frammenti, di memorie e di estratti di David e di Galassia. Una triste sera invernale la nebbia si era levata minacciosa dalla Baia e si espandeva sinistra sulla città. Aveva piovuto ininterrottamente e nel tardo pomeriggio di un pallido tramonto un vento gelido aveva cominciato a soffiare da nord. Dal mio studio avevo chiamato Wakingot, ma non lo avevo trovato. Mi ricordai del suo appuntamento con Galassia quella sera. La ragazza sarebbe giunta con il pullman. Pensai  che David sarebbe andato a prenderla alla fermata.

Ma prima qui vi parlerò di un sogno ricorrente nei sonni di Davide e che si lega strettamente a questa strana  storia.

©salvogagliardoproduzione.1999-2010.All rights reserved.

 

 

Albi di FantastiKa

di  Salvo Gagliardo

 

Gli Albi di FantastiKa  è il << Sistema>> in electronic format,  in  cui io, Salvo Gagliardo, ho  racchiuso la mia  molteplice e varia produzione di storie e progetti legati al Fantastico,  una maniera di presentarli   facilmente riconoscibile, e in cui  il Lettore  potrà muoversi agevolmente,  guidato dalle Rubriche che accompagnano le  Presentazioni.

Distribuiti  variamente, vi potrete trovare di tutto, dalle storie di Vampiri, ai misteri Spaziali, al Fantasy di Mago Merlino, all’horror e ai piccoli brividi di storie inquietanti, all’affascinante tema degli Alieni e degli Ufo, non  vi mancherà la fantascienza con gli enigmi scientifici che solleva e sempre offerta  secondo il mio stile, e col tempo progetto di arricchire le pagine di schede introduttive varie e interessanti sui singoli temi ed argomenti. Questo fa parte dei miei programmi  futuri per avviare un’ iniziativa che ritengo in sintonia coi tempi. Intanto godetevi la storia  che Vi  offro.  E  grazie per  il tempo che mi dedicate.

 

Opere in Rosso

 

Cari amici e care amiche, Opere¬† in Rosso √® una delle Rubriche degli Albi di FantastiKa con cui presento tutto quello che ho fin qui prodotto e tutto quello che conto di produrre sul pi√Ļ macabro ed affascinate mostro della letteratura: il Vampiro. A questo proposito Vi dico subito che il mio portafoglio di produzione¬† √® abbastanza ricco, spaziando da racconti ambientati in Transilvania, a storie che si sviluppano nelle future citt√† spaziali, ho anche un romanzo ambientato nella Sicilia del Settecento, a Palermo, la mia citt√† natale. Inoltre ad arricchire le storie e i files¬† vi potrete trovare schede abbastanza informate sul cupo e terrificante mondo dei Vampiri e naturalmente delle Vampire, informazioni sulle pi√Ļ famose opere letterarie che hanno trattato questo tema, qualche saggio letterario e varie altre notizie di cinema di altre arti. Tutto questo lo potrete trovare nei miei¬† Albi. Ed ora buona lettura.

 

©salvogagliardoproduzione. 1999-2010. Albi di FantastiKa. All rights reserved.

 

 

 

 

 

Una Storia Transilvana

 A  romance

By

Salvo Gagliardo

 

Soggetto

 

 Adrianus Ghery, un vecchio medico e scienziato ungherese deve svelare il tremendo mistero che si annida in Transilvania, nelle strane morti che le tradizioni locali attribuiscono ad un vampiro.

Nella tranquilla casa dello studioso a Budapest, dove Ghery vive con la moglie, un giorno il vecchio scienziato riceve una lettera con la triste notizia della morte di Dora Kondor, una bella  ragazza che Ghery conosce bene e che è figlia di un suo caro amico, Ferenc Kondor,  un ricco e stimato proprietario terriero di Erdely, la cittadina dove si sviluppa la nostra storia e che potete trovare nel Distretto di Cluj nel cuore della Transilvania.

Ghery addolorato decide di mettersi in viaggio al pi√Ļ presto per saperne di pi√Ļ di quella strana storia. Sul treno fa la conoscenza del Consigliere Meyrink e di alcuni contadini che gli parlano di altre morti, di altre belle ragazze uccise e di strane malattie simili a quella che ha stroncato la povera Dora. E da Meyrink, un vecchietto arzillo con una piccola barba a punta, il dottore conosce per la prima volta il nome e l‚Äôesistenza di Igor Mezen, uno strano ussaro giunto nel Distretto di Cluj per entrare in possesso di alcune propriet√† lasciategli da un parente, e morto da poco in un duello alla pistola. Un tipo prepotente e rissoso quest‚Äôussaro, con qualcosa di sovrannaturale e di terrificante, e con un debole per le belle ragazze. Di lui si parla gi√†¬† come di un vampiro. La conversazione tra Ghery e il piccolo Consigliere, continua in una locanda di Cluj, al Gallo D‚ÄôOro, dove il dottore apprende altri particolari del duello che ha ucciso Mezen. Ed infine Ghery raggiunge Erdely e la casa dell‚Äôamico, dove Ferenc Kondor vive con l‚Äô unica figlia rimastagli, Eva.

Ma quella stessa notte Eva viene rapita da una creatura immonda, mentre la luna piena brucia accecante sui tetti della cittadina, un essere simile ad un cadavere putrefatto che si sposta su una carrozza nera simile ad un mostruoso catafalco. La storia non finisce qui, perché la mattina fra le lacrime di Ferenc, Ghery si mette subito sulle  tracce di Eva e giunge al Monastero della Croce Nera dove vivono alcuni monaci e diretto dal Priore Roman Swartzenberg. Si tratta di un’antica fortezza appartenuta all’Ordine dei Cavalieri Teutonici. Sembra che Mezen vi abbia trascorso una notte tempestosa in cui si è scontrato in una lunga ed appassionante partita a scacchi, memorabile e fatale, con un inviato dell’Ordine, Ladislao Zoltheny e che il principe Zoltheny sia morto nella partita proprio nel momento in cui Mezen gli dava scacco matto. Qui l’assortita compagnia di monaci, fra cui Elias Tabor, frate Almas, padre Bartock , l’umile frate Simplicius, e lo stesso Priore, promettono a Ghery di dargli una mano e di andare insieme a scovare il vampiro nella sua vecchia tomba di famiglia, di trafiggergli il cuore con una paletto di frassino acuminato. Per metter in atto questo piano si rivolgono al principe Bajkal, un cugino di Schwartzenberg, che vive in un fiabesco castello su una collina e che è stato l’amico del cuore di Igor Mezen. La spedizione tuttavia fallisce, ma i monaci riescono a togliere da sotto gli artigli del mostro la giovane Eva e a portarla in salvo nel monastero ben protetta dalle solide mura dell’antica fortezza teutonica. Intanto Frenc Kondor si è suicidato per il dolore. Ma la storia continua, perché Eva, protetta dai frati e dal dottor Ghery viene nuovamente minacciata dal mostro, l’abbazia  prende fuoco in una notte memorabile e di orrore, e Ghery fa in  tempo a sottrarre di nuovo Eva a Mezen, o almeno a ciò che resta di lui,e a portarseli a  Budapest, a casa sua. E qui si svolge l’ultimo atto della nostra storia. Igor Mezen raggiunge Budapest e profana il tranquillo rifugio dello studioso che in uno scontro notturno che ha del sovrannaturale, riesce ad intrappolare il mostro e al mattino a sottoporlo ai raggi mortali del sole nascente che lo decomporranno e lo trasformeranno in una pozzanghera putrescente.

 

 

© Salvo Gagliardo produzione.  Realizzazione grafica marzo 2005. Prima stesura dicembre 1987. Gli viene garantito ogni diritto.

 

 

 

Una Storia Transilvana

 A  romance

By

Salvo Gagliardo

 

Capitolo I

Adrianus Ghery

 La mia storia è fatta di tenebre e di meraviglie

Sh. Le Fanu-Carmilla

 

 

 

Nella nobile ed antica città di Budapest, in una gelida sera d’inverno, ai primi del Novecento, un vecchio signore, ancora sano e rubicondo, con le guance piene ed una evidente  pappagorgia sotto un piccolo mento delicato ed infantile, scendeva con un certo sforzo da una carrozza pubblica il cui nero, cupo e quasi tenebroso, contrastava il bianco, immacolato dei due cavalli, che soffiarono  dalle scure e profonde narici,  nuvole di vapore che subito levitarono nella piccola piazza in parte cancellata dalla nebbia e illuminata grigiamente da alcuni fanali giallognoli e tetri. In quel momento l’orologio dell’antica torre batté con monotonia le nove in un cielo che minacciava un’abbondante  pioggia.

Il dottor Ghery era appena tornato da Vienna dopo un  lungo ed importante convegno scientifico. Adrianus Ghery era l’illustre decano fra i chirurghi dell’Ospedale Kossuth, l’antica e verdognola costruzione settecentesca che si specchiava, solenne e maestosa, sulle vaste  acque del Danubio. Il suo bastone da difesa  risuonò secco sul selciato umidiccio. Del tutto solo, il vecchio si avviò contro il muro di nebbia che fluttuava, densa e  ad onde, dai portici bui e che lasciava appena scorgere i grotteschi frontoni gotici, gli archi e le guglie, e le altre pittoresche architetture della piazza. Una luna fosca, quasi maligna, giocò a nascondino fra gli impressionanti bassorilievi scolpiti delle colonne del portico ed i paurosi doccioni delle grondaie. Da una fontana esagonale di mattoni rossastri   al centro, scorreva inarrestabile l’acqua sulle antiche pietre levigate del pavimento. Gli occhi giallo oro di un gufo  scintillarono dal fondo di  una nicchia. Ghery sollevò lo sguardo e guardò   in alto la coppia di finestre del suo studio che davano sulla piazza come il pittoresco castello gotico in cui abitava. Le finestre a sesto acuto  erano spente, e sui vetri si specchiava l’inquietante plenilunio che ogni tanto faceva capolino fra gli squarci della densa  foschia. L’arrugginito cancello cigolò sinistro nella nebbia. Il vecchio attraversò il cortile circondato da piccole colonne ed arricchito  da una vasta  siepe, ed entrò in casa per una piccola scala a chiocciola.

 

Lena Ghery era una bella signora, alta e matronesca, con i capelli color rosso rame. Accolse  subito il marito con un sorriso e lo aiutò a disfarsi del pesante soprabito, togliendogli dalla mano grassa e maculata, la borsa da viaggio color sanguinaccio. I corridoi e le stanze erano teporosamente illuminate da gas azzurrini e da fiammelle arancione,  La coppia di finestre sulla piazza si accese all’improvviso  di una luce verdognola: il dottor Ghery era entrato  nel suo studio. Sistemò la sua roba e si sprofondò sul  cuscino di velluto  azzurro della sedia a dondolo davanti al caminetto. Si accese la pipa con le fiamme rosseggianti, e la sedia di  un bel legno scuro prese ad oscillare  sonoramente sul tappeto cremisi e spesso. Un enorme cane bianco, Mattia, stava accucciato ai suoi piedi. Ovunque c’erano libri e riviste scientifiche, sparpagliate sul tavolo, o poste in bell’ordine sugli scanni e nelle teche lungo le pareti. C’era anche un ricco assortimento di crani e nelle bacheche di vetro riposavano grossi insetti tropicali, farfalle, ragni e rettili, imbalsamati. Su una mensola, fra vari minerali e conchiglie esotiche era in bella mostra un moderno microscopio assieme ad un busto di Plinio e ad un altro di Paracelso. Riproduzioni delle Tavole  anatomiche di Leonardo erano appese alle pareti.

 

 

Capitolo II

La lettera

 

La parola vampiro è  di origine ungherese  e significa probabilmente strega o diavolo.

Almanacco Universale delle Cose Pi√Ļ Strane

 

 

La cena fu subito¬† a tavola,con la¬† zuppiera fumante, i piatti¬† istoriati, le pesanti posate d‚Äôargento, la tovaglia ricamata ancora fresca di bucato. Ghery era gi√†¬† seduto con in mano una voluminosa posta e la Gazzetta Magiara. Fra le lettere ancora d‚Äôaprire¬† c‚Äôera una busta grigia e larga che il dottore fiss√≤¬† con attenzione, la scrittura era lunga e forte,ma rivelava una intensa emozione. Ghery la riconobbe all‚Äôistante, era quella dell‚Äôamico Condor che scriveva da Erdely in Transilvania. Accanto alla busta erano posati i piccoli¬† occhiali con la¬† montatura dorata del¬† dottore per la rituale lettura del dopocena. Ferenc Condor l‚Äôamico pi√Ļ intimo di¬† Ghery era un sassone poderoso¬† coi capelli rossi e corti. Gli era morta la moglie quando era nata Eva, la secondogenita. Dora era la pi√Ļ grande e la pi√Ļ simile al padre, alta, massiccia e con gli occhi celesti. ¬†La ragazza aveva ¬†¬†avuto una brutta avventura¬† d‚Äôamore con un ussaro di guarnigione ad Erdely, e a storia finita, l‚Äôussaro aveva lasciato la citt√†. Era tutto ci√≤ che Ghery¬† si ricordava.¬† Il dottore stacc√≤¬† gli occhi dalla busta che gli stava procurando una strana tensione, e torn√≤ ad ascoltare il cicaleccio interminabile della moglie che si alz√≤ dalla tavola e and√≤ al pianoforte per eseguire l‚Äôamato Litz. Ghery con un boccale di birra davanti fece guizzare la fiammella azzurrina dell‚Äôaccendino e si accese un grosso sigaro, un Virginia. Inforc√≤ i piccoli occhiali rotondi sul naso paonazzo, apr√¨ la busta con la mano che gli tremava e lesse la lettera in silenzio. Seppe cos√¨ che Dora era morta! L‚Äôamico gliene dava ampi ragguagli. Il dottore ¬†ne fu profondamente addolorato. Scrisse subito un biglietto di condoglianze e progett√≤ di fare presto¬† un viaggio in Transilvania.¬† Dora Condor, cos√¨ sembrava dalla lettera, era stata uccisa da una misteriosa ¬†malattia, lui doveva saperne di pi√Ļ di quella strana faccenda

©Il romanzo è stato iniziato nel 1987.E successivamente elaborato come editing.salvogagliardoproduzione 1999-2010. All rights reserved.

articolo precedente     http://www.fantastikalbi.it/?p=1220    

 

 

Fantastikalbi in Facebook.11

martedì, 4 maggio 2010

 

image001 

 Profile in Facebook

http://www.facebook.com/?ref=home#!/fantastikalbi.it

Fantasikalbi in Facebook link 1

 http://www.fantastikalbi.it/?p=854

Fantasikalbi in Facebook link2

http://www.fantastikalbi.it/?p=890 

Fantasikalbi in Facebook link3

 http://www.fantastikalbi.it/?p=910

Fantasikalbi in Facebook link4

 http://www.fantastikalbi.it/?p=932

Fantasikalbi in Facebook link5

 http://www.fantastikalbi.it/?p=969

Fantasikalbi in Facebook link6

http://www.fantastikalbi.it/?p=1008

Fantasikalbi in Facebook link7

http://www.fantastikalbi.it/?p=1049

Fantasikalbi in Facebook link8

http://www.fantastikalbi.it/?p=1089

Fantasikalbi in Facebook link9

http://www.fantastikalbi.it/?p=1162

Fantasikalbi in Facebook link10

http://www.fantastikalbi.it/?p=1191

  

Gentile Visitatore, se sei interessato al mio Lavoro in Facebook, ti invito a Visitarmi.

Grazie 

  http://www.facebook.com/?ref=home#!/fantastikalbi.it

 

Invito a Hollywood di Fantastikalbi.

 

Gentile Visitatore/trice, da come ti sarai accorto il sito che stai visitando d√† un certo spazio alle Fiction e al Cinema, essi sono parte integrante di un Progetto unico che ¬†ha come obbiettivo quello di fare conoscere l‚Äô Universo del fantastico e l‚Äô Universo di Salvo Gagliardo, scrittore di fantastico e fiction. Vi √® anche una sezione del Sito dedicata al Cinema, ma anche ad una possibile scuola creativa di Fiction, ‚ÄúHollywood Fiction‚ÄĚ. √ą per√≤¬† una sezione in fase di allestimento. Molti¬† articoli che leggerai o che hai gi√†¬† letto in questo Fantastikalbi in ¬†Facebook riguardano il cinema e la televisione, spettacoli e film che hanno come tema il fantastico. Anche questo Post 8. che leggerai, ha vari articoli su film che ho focalizzato ¬†per iniziare un discorso sul cinema e la sceneggiatura. Ti invito quindi a leggerli¬† e ad essere paziente per la futura strutturazione organica di un settore articolato riguardante le fiction. Grazie.

 

Pic_0227_138

 

Salvo Gagliardo  

 

 

Analysis Fiction

The War of the Words. Steven  Spielberg maker1

Di Salvo Gagliardo

Presentazione del film di Steven Spielberg La Guerra dei Mondi.

 

Premessa. La lunga storia di La ¬†Guerra dei Mondi, il romanzo pi√Ļ fortunato¬†¬† e pi√Ļ catastrofista della storia dell‚Äô uomo risale alla Londra vittoriana del 1897 ¬†quando nel Magazine Pearson apparve per la prima volta The War of The Words, un lavoro fantascientifico¬† di Herbert George Wells.Il romanzo fu letto con successo e subito dopo usc√¨ in volume. In quello scorcio di fine secolo si era parlato parecchio di Marte e non pochi pensavano ¬†che fosse un pianeta abitato, Wells su quell‚Äô interesse che riverberava¬† anche dai¬† giornali e sull‚Äô ¬†opinione pubblica, gioc√≤ la carta¬† fortunata dell‚Äô invasione marziana della Terra. Da quel fortunato giorno, Marziano √® rimasto sinonimo di Alieno. Ormai √® quasi leggenda che un altro Welles,Orson Welles, la sera del 30 ottobre del 1938, esattamente la vigilia di Halloween, raccont√≤ ¬†in una diretta radiofonica rimasta storia e leggenda, agli americani terrorizzati, un‚Äô altra invasione da Marte, o meglio la stessa narrata da Wells e adattata ad un radiodramma, che shocc√≤ talmente la popolazione che questa si precipit√≤ per le strade urlante e in preda al terrore. Il giovane Welles rischi√≤ il posto, ma visto l‚Äô indubbio ¬†successo ottenne la gratifica di nuovi contratti. L‚Äô invasione marziana non ci fu, ma poco dopo ci fu lo Sbarco In Normandia. E veniamo al 1953, in pieno dopoguerra e guerra fredda, il regista Byron Haskin decide di portare sugli schermi l‚Äô opera di Wells con il film The War of the Words. Il film riscuote un certo successo, e resta negli annali come uno dei migliori film di fantascienza prodotti negli anni Cinquanta. Dovr√† passare del tempo perch√© l‚Äô abile e fortunato regista americano Steven Spielberg, una leggenda vivente ¬†nel mondo del fantastico e delle movie, riproponga ¬†il romanzo di Wells per gli spettatori di tutto il mondo. E‚Äô il 2005 e Spielberg ha gi√† realizzato film come Incontri Ravvicinati e Jurassic Park, professionalmente sembra maturo per affrontare il romanzo dello scrittore inglese. Mago degli effetti speciali Spielberg ha alle spalle una onorata carriera di filmaker doc, e la sfida di La guerra dei Mondi pu√≤ essere affrontata genialmente e con tutta sicurezza da un artista del suo calibro e della su esperienza. Tom Cruise ne diviene l‚Äô attore protagonista, ma come in tutti i film di Spielberg il vero protagonista √® L‚Äô America presa coralmente se non epicamente, Spielberg √® l‚Äô erede¬† dei grandi registi dell‚Äô epica americana, e la sua firma √® garanzia di successo. Le intenzioni de regista sono forse quelle di ripetere il successo catastrofistico di Orson Welles del 1938 o di ripeterne in fiction l‚Äô impatto emotivo. Ma in mano sua la storia diventa una foresta intessuta di¬† ¬†simboli pi√Ļ o meno espliciti e di richiami messi qua e l√† in tutta la pellicola. Come √® proprio di questo straordinario e fantastico regista che avvolte non sa rinunciare alla complessit√† simbolica del ¬†popolo da cui viene, quello ebraico, tutti i suoi grandi film sono pieni di questi simboli. Qui √® chiaro che si allude al terrorismo minacciante dopo la caduta ¬†delle Due torri, che evidentemente sostituisce nell‚Äô anima americana la paura del comunismo e dei russi. Non √® u caso che all‚Äô inizio si pensi ad un attentato terroristico.

Ma veniamo alla storia. Alla fine di una settimana lavorativa di un giorno qualsiasi l’ operaio portuale Ray Ferriere si accinge a passare come altre volte il suo week end assieme ai suoi due figli, Rachel e Robbie, avuti  da Mary Ann, la giovane sposa da cui si è separato e che vive con un nuovo fidanzato. Rachel è una ragazzina bionda e rigorosamente vegetariana, Robbie è un ragazzo un po’ ribelle e in conflitto con il padre, lui, Roy è un giovane dinamico e pieno di vita. Ma la storia di un tranquillo week end sembra  andare in  tuttaltre  direzioni, come vedremo.

Già le televisori di quel giorno mandano servizi allarmanti, in diverse parti del pianeta stanno accadendo strani fenomeni meteorici, in Russia ed in Ucraina strane Sfere di Luce o Fulmini  Globulari hanno mandato in tilt le Centrali Elettriche. Presto il fenomeno si sposta nel New Jersey e nella città dove abita Roy. Splendide inquadrature  del cielo  a cui siamo abituati da Incontri Ravvicinati preannunciano tempeste con fulmini e anomali tempeste magnetiche che mettono fuori uso le centraline elettriche locali. Dapprima Roy ne è affascinato ma poi vista  Rachel allarmata decide di serrarsi in casa, mentre fuori i fulmini squarciano il cielo. Robbie prende la macchina del padre senza permesso e va in città, Roy lo raggiunge ma la città è  già  sottosopra allarmata da quello che sta accadendo, fulmini ovunque scardinano l’ asfalto stradale, e poi fanno crollare il Campanile e la Chiesa del quartiere. E infine dalle profondità della Terra squarciata si alzano strane e gigantesche macchine fantastiche, i tripodi che seminano il panico e la distruzione. La gente fugge terrorizzata ma i tripodi le danno la caccia e ci sono inquadrature che mostrano le persone letteralmente smaterializzate dai raggi che  i tripodi emettono. Per gli amanti della fantascienza questa è una vera pacchia, ci sono inquadrature che ricordano da vicino le illustrazioni dei vecchi pulp americani di scientifiction, quelli di Ugo Gernsback ad esempio o quelli di John Campbell.

Roy torna a casa e cerca di convincersi che quello che sta accadendo non è possibile, deve pensare a Mary Ann, ma la moglie sembra partita per Boston, non gli resta che imbarcare i ragazzi in macchina e puntare verso la capitale del Massachusetts.

Continua…………..

©salvogagliardoproduzione.2010. All rights  reserved.

 Pict0084

Analysis Fiction

The War of the Words. Steven  Spielberg maker2

Di Salvo Gagliardo

Presentazione del film di Steven Spielberg La Guerra dei Mondi

 

A preambolo di questa¬† nuova nota,¬† devo osservare la diversa concezione degli Alieni da parte di Spielberg a pi√Ļ di trenta anni dal¬† film che lo rese famoso Incontri Ravvicinati,¬† per avere presentato un certo tipo di alieno oggi chiamato Grigio dagli appassionati, ma un Grigio buono anche se enigmatico e pieno di considerazioni che meriterebbero degli approfondimenti. E‚Äô anche vero che assai spesso gli alieni di Hollywood si sono fatti sempre pi√Ļ mostruosi e minacciosi, intrusivi e aggressivi, , una¬† lezione che √® stata¬† fatta propria¬† da Steve Spielberg¬† in questo ultimo film, i mostri di Alien, o i mostri di Indipendence Day, le diverse creature in film di abduction. Insomma dallo Spazio non pu√≤¬† che venirci l‚Äô orrore. E questo mi ricorda una quartina di Nostradamus-¬† Nel 1999 verr√† dal cielo il re del terrore- ed √® venuto come sappiamo,¬† anche se non ha del tutto rispettato la cronologia. E chiaramente La Guerra dei Mondi di Spielberg richiama da vicino¬† gli orrori del Word¬† Trade Center di New York. E‚Äô chiaro e lampante. Ma ci sono dentro¬† tutti i film di guerra e ci sono tutti i film che negli ultimi anni sono stati prodotti su soggetti apocalittici e catastrofistici. Lo spirito del film √® quello, con in pi√Ļ valenze e simboli in Immagine che richiederebbero particolari approfondimenti.

Ha quindi inizio la lunga fuga da un New Jersey invaso da forze potenti e del tutto estranee alla nostra Terra, e che appaiono sempre pi√Ļ drammaticamente indistruttibili e destinate a dominare il pianeta e a spazzare via in un genocidio di portata biblica l‚Äô intera umanit√†. Lo spirito √® questo, Ray Ferrier, Robbie e Rachel sono in fuga dentro uno scenario sempre pi√Ļ apocalittico, sono in fuga dentro ad una guerra stavolta scatenata da Potenze impensabili e imbattibili per definizione. La ricostruzione scenografica e apocalittica di cui Spielberg √® maestro, dallo Squalo a Jurassic Park √® davvero magnifica, magnifico il ritmo epico imposto dal regista che ricorda anche i grandi cineasti russi del passato. Via via¬† vi si vanno intrecciando le diverse storie di gente ridotta a nulla e a fuggire un nemico grande quanto il cielo. Spielberg da una parte riesce a comunicare attraverso le diverse scene il senso di impotenza dell‚Äô uomo ma a anche la speranza nella possibilit√† che tutto finisca. Ray pu√≤ fare poco, ma pu√≤ ancora lottare, difendersi e difendere le creature che gli sono pi√Ļ care di fronte ad uno spietato nemico quasi impersonale simile al gigantesco orco delle vecchie fiabe. Splendida l ‚Äėidea degli stracci, ci√≤ che resta degli uomini sono stracci che svolazzano in aria, almeno per ora, successivamente e verso la fine l‚Äô Alieno √® anche Predator e non rifugge dal¬† sangue. Aerei che precipitano, gente ovunque allo sbando in una atmosfera da Fine del Mondo o da ultimi giorni della Terra. C‚Äô√® Robbie che invece brucia per unirsi ai soldati impegnati nel respingere l‚Äô attacco e pi√Ļ volte dimostra di essere un giovane pronto a combattere. Ma la presenza dei bambini nei film di Spielberg anche stavolta viene riconfermata, e restano memorabili le inquadrature della piccola Rachel e dei suoi occhi sbalorditi di fronte a quelle enormit√†. E Ray Ferrier la difender√† fino alla fine della fiction. La bambina o i bambini testimoni di un orrore! Troviamo bambini in buona parte dei film di Steven Spielberg, chi pu√≤ dimenticare la bambina vestita di scarlatto nel film Schindler List?

Continua……

©salvogagliardoproduzione.2010. All rights  reserved.

 Pict0062

Analysis Fiction

The War of the Words. Steven  Spielberg maker3

Di Salvo Gagliardo

Presentazione del film di Steven Spielberg La Guerra dei Mondi

 

 

Ci sono scene davvero terribili, come quella della nave traghetto attaccata da Tripodi usciti dal mare. Qui la consumata abilit√† di Spielberg ci rimanda a tutte le fiction di orrori marini, non escluso Lo Squalo. Robbie si perde nel correre verso i soldati che fronteggiano I Tripodi, e Ray e Rachel si ritrovano in una specie di cantina con un altro personaggio transfuga, Ogilvy. E qui ¬†avviene qualcosa, perch√© Ray √® costretto ad eliminare l‚Äô uomo che era diventato troppo pericoloso per la loro sopravvivenza e inoltre per la prima volta vediamo ¬†Roy affrontare e distruggere un marchingegno alieno, gli alieni non sono indistruttibili, da qui la storia si avvia verso il finale. Vediamo anche i veri abitanti dei mostruosi tripodi, dei Grigi con tre dita diventati dei Gremlins! Creature mostruose che ricordano anche la Creatura aliena di Alien. Veniamo a sapere anche che uno di quei cosi √® stato distrutto dai giapponesi. La fiction si avvia alla sua conclusione. In ¬†una atmosfera sempre pi√Ļ rovente, dopo¬† che Ray e Rachel sollevati e catturati dagli alieni hanno rischiato di essere uccisi, anche stavolta gli Alieni vengono distrutti da Ray, fra citt√† devastate e uomini uccisi orrendamente, fra eserciti in marcia e gli orrori di una guerra, il ritmo convulsivo sembra cessare e improvvisamente i mostruosi Tripodi vengono gi√Ļ sfasciandosi come ¬†latta vecchia. Le forze di attacco hanno ceduto all‚Äô imprevedibile e come nel romanzo originario esse vengono annichilite e uccise dai virus che la natura ha posto a difesa del nostro pianeta e contro cui gli alieni ¬†sono impotenti.¬† Ray e Rachel ora ¬†possono andare verso la casa di Mary Ann a Boston, gli alieni sono morti dentro le loro strane astronavi, e a casa ad attenderli non c‚Äô√® solo Mary Ann ma c‚Äô√® anche Robbie. La fiction cos√¨ pu√≤ chiudersi come si √® aperta, con ¬†le parole letterali del libro di George Herbert Wells

©salvogagliardoproduzione.2010. All rights  reserved.

 

 

Pic_0502_317

Invito alla Lettura degli Albi di Fantastika

Gentile  Lettore/ce, questa volta aggiungo alle note in Facebook riguardanti il cinema o il fantastico nella scienza stralci della mia produzione letteraria nel campo del fantastico, quindi troverai  storie e storie su diversi temi e soggetti ma in ogni caso storie  fantastiche tratte dai miei Albi di Fantastika   che è la Formula entro cui ho racchiuso la mia produzione letteraria in questo campo. Il sito fantastikalbi.it  è ancora in fase di strutturazione per cui il tuo aiuto sarà ben gradito, puoi lasciare messaggi e commenti. grazie.

 

 

Pict0016

L’ Isola dl Serpente. Presentazione. Una fiaba fantastica metropolitana, ambientata in parte a San Francisco e in una misteriosa isola dell’ Oceano Pacifico. Un antico re leggendario attende nella sua tomba maestosa nelle profondità di un vulcano di essere riportato in vita. Vi sono tanti personaggi, fra cui un piccolo mago singolare e simpatico di nome Quick, un giovane avventuroso di nome David Wakingot che si mette in viaggio verso l’ isola misteriosa attratto da una strano influsso mentale, vi sono tanti animali divertenti come uccelli, scimmie, lama, tartarughe, squali, balene e pipistrelli. La fiaba ha un lieto fine con il matrimonio di David con la cugina Galaxy e la distruzione del leggendario re riportato in vita dalle arti magiche di Quick ma poi risprofondato nella sua grandiosa tomba da strani esseri venuti con dei Dischi  Volanti dalle profondità dello Spazio.

 

Pict0022

Albi di Fantastika

L’ Isola del Serpente

fiaba Fantastica

by

Salvo Gagliardo

 

Parte prima

Capitolo 1

Davide  Wakingot

 

Il mio nome √® Abele Holywriter e svolgo l ‚Äėonesta professione di psicanalista nella citt√† di San Francisco, California. Conoscevo il giovane Wakingot prima della sua brutta malattia, prima di quella brutta depressione. Fui io a guidarlo durante il suo ¬†brillante corso di studi¬† al Medical Psichiatry Center della nostra Universit√†. Ricordo con grande chiarezza la sua figura possente, il suo corpo robusto, e l‚Äô intelligenza vivida.

Era nato nel Nord, fra le Montagne Rocciose, ad Helena, nello Stato del Montana. Qui risiedevano le vetuste radici della sua antica  famiglia. Figlio di un ricco fabbricante di Wiskie, era vissuto fra le valli, i laghi e le ghiacciate foreste del nord. Assieme al vecchio Noha Wakingot, aveva pescato, scalato ghiacciai, pagaiato  su snelle canoe. Assieme erano scivolati per i fianchi ripidi dei nevai sotto un cielo azzurro e turchese con scii di frassino sul cui legno brunito un vecchio pellerossa aveva inciso e colorato le sue rune magiche. Nelle notti di luna piena avevano bivaccato fra nebbiose valli vulcaniche. Le loro orecchie si drizzarono all’ urlo del lupo, le loro ombre esitarono sotto le ali scure di un aquila fra rocce notturne crestate. Assieme affrontarono il terribile Grizzly con l sole che splendeva fra le ramate corna di un cervo nelle silenziose foreste dell’ Yellowstone. Si erano fabbricati giacche di renna e berretti di marmotta, avevano bevuto l’ acqua gelata dei nevai, esplorato le cupe cattedrali di alberi. In estenuanti marce notturne avevano visto scintillare l’ agile cranio di un puma, fra i vortici accecanti di un tempesta di sabbia videro sgusciare l’agile serpente mentre un corvo dal becco luminoso gracchiava su un albero al chiarore giallastro della luna e il gufo  stridette fra i rami secchi di un albero.

Ma un giorno Noha Wakingot morì. Diede l’ anima a Dio la notte di un gelido inverno, mentre imperversava la tempesta, e un vento gelido come la lama di una  spada tormentava la città, facendo turbinare ululanti masse di neve che trascinarono con sé l’ anima affaticata del vecchio Noha.  

©salvogagliardoproduzione.1999-2010.All rights reserved.

 

Pict0033 

Albi di Fantastika

L’ Isola del Serpente

fiaba Fantastica

by

Salvo Gagliardo

 

Parte prima

Capitolo 2

Tobia Wiwestar

Fu cos√¨ che David Wakingot scese nei climi pi√Ļ caldi della California . La madre, Veronica. Era morta, e le sorelle, Atlanta e Diana, erano le prosperose madri di cinque bei pargoli. La morte del vecchio Noha rese melanconico e cupo l‚Äô animo naturalmente luminoso di David. N√© la generosa ospitalit√† dello zio Tobia fu sufficiente a ridargli l ‚Äėantico e sereno splendore. Tobia, fratello di Veronica, abitava nella grande casa bianca¬† a picco sul muggente oceano Pacifico. Era la Bianca Collina di Latte, Milkhill, ¬†quella che strapiombava in basso,¬† una rupe di un biancore splendente a nord di San Francisco. Fu qui che Wakingot si innamor√≤ perdutamente della cugina ¬†Galaxy.

Davide fece il uso ingresso nelle sale spaziose della nostra Universit√† alcuni mesi dopo il suo arrivo a Milkhill. Il giovane godeva di una splendente salute. Il vecchio Tobia Wiwestar ¬†era un uomo ricco e un solitario lupo di mare. Una barbetta bianca incorniciava un piccolo volto delicato e sensibile. Fra le sue numerose imbarcazioni ce ne era una di un bel colore azzurro e bianco, la Cloud. E non era raro vedere sul ponte rosso del battello che scivolava sulle acque schiumose quattro strane figure, un vecchio sottile, un giovane imponente e robusto e una gentile ragazza bruna assieme ad un pacifico e sonnacchioso segugio francese, Seneca. Un giorno un‚Äô improvvisa tempesta aveva strapazzato malamente la Cloud e trascinato ¬†gi√Ļ ¬†il vecchio Tobia Wiwestar. Il suo corpo scomparve fra la schiuma vorticante. Davide si tuff√≤, lo insegu√¨ e lo riport√≤ in superficie dalle profondit√† dell‚Äô oceano. Un piccola ¬†avventura ¬†quella che rivel√≤ il suo straordinario coraggio e la sua straordinaria forza fisica. Una fitta nebbia rendeva il mare invisibile. Furono spenti i motori, l‚Äô elica cess√≤ di girare, il battello si ferm√≤ barcollando sulle onde. L‚Äô acqua precipitava a cascate sul rosso ponte dove era rimasta solitaria Galassia. Seneca si era rannicchiato tremante nel fondo della stiva. La ragazza trascorse un brutto ¬†quarto d‚Äô ora. Poi dalle murate usc√¨ una testa fradicia d‚Äô acqua, una faccia contratta dalla fatica, un corpo massiccio ancora spumeggiante d‚Äô acqua marina, Era David Wakingot. L‚Äô oceano ¬†si era improvvisamente calmato. Il corpo di Tobia inerte ¬†come un sacco, fu ¬†deposto sul ponte e rianimato. Wakingot non disse nulla, non apr√¨ bocca. Ma un giorno, mentre i quattro se ne stavano a contemplare dal parapetto una notte piena di stelle e la luna rossa che ¬†si specchiava sulle acque tranquille, Wakingot ricord√≤ e raccont√≤ delle impressionanti luci sul fondo del mare in quell‚Äô avventura fra le nebbie.

©salvogagliardoproduzione.1999-2010. All rights reserved.

 

Pict0086

Albi di Fantastika

 

L’ Isola del Serpente

fiaba fantastica

by

Salvo Gagliardo

 

Parte prima

Capitolo 3

Il mio  arrivo a Milkhill

 

Conoscevo da anni il vecchio Toby Wiwestar e molte erano state le occasioni per una visita lass√Ļ a Milkhill. Al mio arrivo era sempre il fedele Seneca a sgambettarmi davanti, con le grandi orecchie setolose, penzolanti e passive. Galassia, sorridente, giungeva fremendo come una cerbiatta. E infine mi accoglieva Tobia, il grande vecchio della Collina di Latte, con la ghirlanda di neve attorno ad una faccia astuta e sottile. Mi permetteva di portare dentro per il lungo viale alberato, il cabriolet rosso con cui giungevo dalla mia San Farcisco.

Fu cos‚Äô che lo conobbi, che conobbi David Wakingot. Eravamo seduti nella accogliete sala degli Ospiti, circondati da fiori e da oggetti preziosi.. L‚Äô inverno teneva acceso un caminetto scoppiettante, e¬† vi oscillava accanto su una sedia a dondolo, aureolato dal fumo azzurro della sua pipa. Il giovane Wakingot mi si sedette di fronte su una sedia dai maestosi braccioli. Seneca abbandonato il suo posto teporoso accanto al caminetto, gli si accucci√≤ ¬†subito ai piedi. Seppi che Davide era soggetto a fastidiose emicranie che lui stesso attribuiva all‚Äô aria umida della California. Gli suggerii di iscriversi al corso di medicina vendendolo incerto ¬†sull‚Äô indirizzo dei suoi studi. Wakingot nel passato aveva intrapreso viaggi insoliti e straordinari, spinto da inquietanti fantasie che spesso e sempre pi√Ļ spesso lo dominavano. Fui sempre pi√Ļ certo di avere a che fare con ¬†una personalit√† straordinariamente forte, direi magnetica. Cosa che quel pomeriggio mi fu confermata¬† quando Wakingot aveva attraversato la soglia della Sala degli Ospiti. Era come se un fantastico generatore di energia avesse stravolto in quel momento ogni equilibrio.

©salvogagliardoproduzione.1999-2010.All rights reserved.

  

 

 

 

 

 

 

  

 

 articolo precedente  http://www.fantastikalbi.it/?p=1191

articolo successivo

Fantastikalbi in Facebook 1.

martedì, 2 marzo 2010

image001 

Fantastikalbi in Facebook

link Facebook Profilo

  http://www.facebook.com/?ref=home#!/fantastikalbi.it

Link Fantastikalbi in Facebook.2:

 http://www.fantastikalbi.it/?p=890

Gentile Visitatore, se sei interessato al mio Lavoro in Facebook, ti invito a Visitarmi.

Grazie 

  http://www.facebook.com/?ref=home#!/fantastikalbi.it

Il Fantastico in Rete

Rod Serling. Ai Confini della Realtà(1).

di

Salvo Gagliardo

 

‚ÄúState per entrare in un‚Äôaltra dimensione. Una dimensione non solo della vista o del suono ma della mente. Un viaggio nel meraviglioso mondo dell‚Äôimmaginazione‚ÄĚ

                          Rode Serling. The Twligt Zone.

 

 

¬ę¬†C’√® una quinta dimensione, oltre a quelle che l’uomo gi√† conosce. √ą senza limiti come l’infinito, e senza tempo come l’eternit√†: √® la regione intermedia tra la luce e l’oscurit√†, tra la scienza e la superstizione, tra l’oscuro baratro dell’ignoto e le vette luminose del sapere. √ą la regione dell’immaginazione, una regione che si trova ai confini della realt√†.¬†¬Ľ Cos√¨ si apre una delle serie pi√Ļ amate della Televisione Americana, andata in onda negli Anni Sessanta e riproposta in quegli anni anche in Italia. Chi √® di quelle generazioni se la ricorder√†. Come si ricorder√† dell‚Äô uomo giovane, magro e ben vestito, con lo sguardo vivo e ¬†pensieroso, di aspetto slick e di grande fascino e suggestione vocale. Quell‚Äô uomo √® stato Rode Serling, oggi forse ignorato in Italia, ma che in America, assieme¬† ad altri, ha fatto la televisione. La notte del 2 ottobre 1959 fu una notte epica, infatti and√≤ in onda per la CBS il primo episodio di The Twligt Zone. Ai Confini della Realt√†. L‚Äô episodio era Where‚Äôs Everibody? La Barriera della Solitudine. Era scritto da Rod Serling, era diretto da Robert Stevens ed era interpretato da Earl Holliman e James Gregory. Parlava di un uomo che si trovava improvvisamente solo¬† in un cittadina fantasma e totalmente deserta. Alla fine, come in The Truman Show, si scopre che tutto √® solo un esperimento scientifico ¬†per scoprire la capacit√† dell‚Äô uomo di resistere ¬†in solitudine negli spazi cosmici. Era un episodio allucinante e fantastico e per la prima volte la televisione si apriva a temi surreali e da fantascienza. La serie fu definita science fiction, horror,mistery, drama, e speculative fiction, la prima serie, la serie classica dur√≤ fino al 1964, e consistette in 156 episodi divisi in cinque stagioni., ebbe sceneggiatori del calibro di Ray Bradbury, Richard¬† Matheson e ¬†Charles Beaumont e registi come Steven Spielberg, ¬†Joe Dante, e John Landis hanno riconosciuto l‚Äô ampio debito che hanno contratto ¬†verso questa serie realizzando insieme un film a tre che la celebrasse. La serie vant√≤ un cast di eccezione, fra cui, Telly¬† Savalas¬† Dennis Hopper Burt Reynolds, Ron Howard, Charles Bronson,Peter Falk, Robert Duval, ,Buster Keaton, Ida Lupino, Mickey Rooney, Dana Andrews. E soprattutto vide l‚Äô esordio di Robert Redford e il canadese William Alan¬†¬† Shatner, allora quasi esordiente che prese parte a diversi episodi della serie, ma che sarebbe rimasto famoso¬† come Captain Kirk, il mitico comandante dell‚Äô Astronave USS Enterprise, della serie Star Trek. Where‚Äôs Everibody non ottenne il successo sperato, ma il successivo¬† Time enough at last, con Burgess Meredith,¬† consegnava la serie alla storia. Parlava della vita dell‚Äô ultimo uomo rimasto solo sulla Terra dopo una catastrofe nucleare.

Ma chi era Rod Serling, l‚Äô ideatore e lo sceneggiatore¬† pi√Ļ attivo della serie? American screenwriter, uomo di spettacolo, sceneggiatore, scrittore, uomo di talk show, Serling era nato nel 1924 a Syracuse, New York.¬† da una famiglia di ebrei. Nel 1943 ¬†si era arruolato ¬†nell‚Äô Esercito, e durante la 2 Word War, ¬†era stato paracadutato ¬†in Normandia, e aveva combattuto nel Pacifico e in Giappone, guadagnandosi delle onorificenze, ma beccandosi diverse ferite e uno shock traumatico che lo assiller√† per tutta la vita, con incubi notturni e flashback paurosi. Serling era ¬†un grande fumatore e il fumo lo port√≤ alla tomba con un attacco cardiaco nel 1975 a soli cinquanta anni. Tornato dalla guerra cominci√≤ ad interessarsi alla radio e alla televisione, Sono gli Anni Cinquanta e il mondo √® appena uscito dalla pi√Ļ tremendo conflitto della ¬†storia. La radio era gi√† attiva, ma la televisione in bianco e nero,¬† stava facendo i suoi primi passi. Presto Serling entra nella CBS, con l‚Äô ¬†intenzione di emulare il pi√Ļ anziano Norman Corwin, anche lui di origine ebraica. Dirige vari spettacoli e programmi finch√© approda a The Twilight Zone. Serling era stato pilota di guerra e questa esperienza lo aveva per sempre segnato, molti suoi episodi richiamano piloti ed aerei, e Twligt b. Zone nel gergo dei piloti ¬†sta per zona di confine, ossia √® quel punto ¬†durante l‚Äô atterraggio in cui il pilota perde ogni tipo di ¬†orientamento. Qualcosa che ci ricorda ¬†la storia della¬† Pattuglia Perduta e¬† degli Avenger dati per dispersi nel Triangolo delle Bermuda, Una storia che avrebbe potuto figurare magnificamente nel palinsesto di Ai Confini della Realt√†.

continua……………

©salvogaliardoproduzione2010. All rights reserved

 

 

image001 

 

Il Fantastico in Rete

Rod Serling. Ai Confini della Realtà(2)

di

Salvo Gagliardo

 

¬†Serling viene da una Tv sociale, da una Tv che mostra i problemi della gente, il suo background √® fatto di gente comune, di American Life,di¬† aerei, di piloti, di boxer, di meccanici, di baristi, di addetti¬† ai ¬†distributori di benzina, ¬†di gente di colore, di tassisti. Ed √® a questa gente comune che accadono le cose pi√Ļ impensabili che li proiettano in mondi assurdi e alternati, e li mettono di fronte a paradossi, fatti di alieni o di capovolgimenti delle situazioni normali, di paradossi temporali che chiamano in causa le teorie relativistiche di Einstein. ¬†Che succede ad ognuno di noi se tornando a casa scopre che la casa non √® la sua, che la sua famiglia non √® la sua¬† e che rischia di essere arrestato come vagabondo o altro?¬† Sono situazioni classiche, situazioni da incubo, situazioni¬† alla Kafka,¬† di quegli anni affrontate da alcuni scrittori di fantascienza che la guerra aveva proiettato in altri mondi venuti fuori come da buchi neri prodotti dalla Bomba A o dai Campi di Sterminio! Sono gli anni in cui Philip Kindred Dick comincia¬† a scrivere storie simili fatte di labirinti infiniti a scatola cinese dentro cui il perfido demiurgo si diverte a gettare l‚Äô uomo fatto a immagine e somiglianza di Dio. Ma sono anche gli anni del Mattino dei Maghi uscito in Francia nel ¬†1960¬† e che apriva la mente a nuovi spazi e paradossi dell‚Äô esistente che non poteva essere vissuto pi√Ļ con la tranquillit√† e la certezza del passato. Serling si serviva degli ammennicoli della fantascienza e del fantastico per denunciare i mali dell‚Äô americano medio afflitto dalla paranoia e dal consumismo, dal conformismo e impaurito dal comunismo. Sono anni in cui le tranquille cittadine americane mostrano in realt√† un sottofondo di bigottismo e conformismo se non di razzismo intolleranza. Usciti da una guerra vittoriosa sul ¬†¬†¬†¬†nazismo in Europa, gli americani si scoprivano ¬†anche loro un po‚Äô nazisti. Sono gli anni di George¬† Hoower¬† e della FBI, e sono anni in cui ancora nel sud si uccidono i neri. Ma sono anche gli anni di Kennedy e di Martin Luter King. Sono gli anni della Potenza militare americana. Gli UFO fanno capolino nei cieli a stelle e strisce e impauriscono la citt√† di Washington D.C., e Adamski si appresta a narrare la sua meravigliosa favola di Orthon, il Venusiano venuto dallo Spazio. ¬†Il Project Blue Book √® in azione, e il professor Hyneck studia gli strani fenomeni chiamati UFO. ,La NASA sotto¬† la guida di Werner von Braun si prepara a mandare gli uomini sulla Luna. All‚Äô inizio ogni telefilm durava non pi√Ļ di mezzora, il tempo giusto per costruire effetti e climax, e per risolverli nel¬† ¬†finale a sorpresa,¬† gli switching endings, che renderanno famosi tutti gli episodi della serie. Ma poi, i Direttori vollero che ogni episodio durasse un‚Äôora. Un tempo troppo lungo che costringeva il povero Serling ad un vero tour de force. Fatto sta che la ¬†prima serie o serie classica si chiuse nel nel 1964, in piena Guerra in Vietnam. Serling continuer√† a produrre programmi fantastici, storie gotiche e nere con puntate sull‚Äô Occulto. Un buon programma di questo tipo p talk show non pu√≤ fare a meno del paranormale, e Serling ha anticapo Larry King. Oggi le sue storie sono state raccolte in antologie e libri. Serling torna alla radio nel 1974. Negli ultimi anni √® tornato a New York ad Ithaca¬† come insegnate. E ha continuato a lavorare come script writer per Jacques Cousteau e Brian de Palma. E‚Äô morto a Rochester a cinquanta anni.

Where‚Äôs Everibody?, The Invaders, The Eye of The Beholder,¬† It‚Äô Good Live,¬† To¬† serve¬† Men,¬† I sing the body electric, Nick of time, Nightmare at 2000 feet, vengono generalmente considerati¬† fra gli episodi meglio riusciti. E‚Äôstata una serie mitica, quasi leggendaria, oggi ampiamente riproposta in DVD, e per la prima volta in Tv, un mezzo che si sa molto conforme¬† regole e canoni, si parlava di certe cose, dove l‚Äô uomo si faceva domande sulla sua vera identit√† e sulla natura del mondo e del potere, dove cominciava¬† a crescere l‚Äô industria della cospiracy, e dove lo strano e il¬† surreale diventavano oggetto di spettacolo televisivo, dove si cominciava a parlare di esperimenti off limits fatti dai laboratori governativi e dove il vecchio HP. Lovecraft si coniugava ai misteri della NASA e dello Spazio. Dopo seguiranno X Files e varie proposte televisive¬† di Steven Spielberg nel campo dell‚Äô Insolito, tra parentesi Spielberg deve molto anche a Serling di cui si √® nutrito quando era ragazzo nell‚Äô Ohio o in California. ¬†¬†Come ¬†scrittore di fantastico,io ¬†¬†ho voluto creare una nota su Serling¬† non solo per una certa nostalgia di quei ¬†tempi in cui anche io ero ragazzo , ma perch√© ritengo che c‚Äô√®¬† una dimensione per cui l‚Äô uomo non √® fatto, ma che attrae l‚Äô uomo magneticamente oltre la soglia, questa si chiama Mistero, ma il Mistero¬† ha il suo prezzo anche per l‚Äô uomo fatto ad Immagine di Dio. Per dirla con Serling‚ÄĚ Stai viaggiando attraverso un’altra dimensione, una dimensione non solo di immagini e suoni, ma di mente, un viaggio in una terra meravigliosa i cui confini sono quello della fantasia. Questo √® il cartello pi√Ļ avanti, la prossima tappa, la Twilight Zone.‚ÄĚ Grazie.Salvo Gagliardo.

 

©salvogaliardoproduzione2010. All rights reserved

Pict0001

The UFO Romance

Globular Extraterrestrial Intelligence

by

Salvo Gagliardo

 

Sarebbe davvero fantastico, oltre che esilarante, ¬†che gli uomini si ostinassero¬† a scrutare gli Spazi in cerca di un proprio simile, ossia di ¬†un Essere¬† capace di ragionare come lui o ¬†con lui, o¬† di sragionare, anche questa √® una forma di ragionamento, e di comunicazione, ¬†quando quell‚Äô Essere¬† ce l‚Äô ha proprio ¬†sotto il naso! ¬†Questa mi sembra l‚Äô esilarante storia di un Alieno in visita occulta sul nostro pianeta, che per passare un po‚Äô di tempo si reca a vedere un film di fantascienza umano ¬†che parla di Alieni. Se √® capace di ridere, le sue risate dovrebbero giungere alle Stelle! Non so, da molti anni mi occupo di giungere a qualcosa di credibile ¬†speculando sulla possibile vita nella Spazio extraterrestre, e ogni volta ¬†vado a cozzare contro una immagine ricorrente, simile¬† ad un Archetipo, ¬†quella delle Sfere ¬†di Luce. Uno dei fenomeni pi√Ļ diffusi e meno controversi fra gli ¬†Oggetti Aerei ¬†Non Identificati. Dico meno controversi, perch√© l‚Äô esistenza di queste sfere √® ineccepibile, e confermata in assoluto dall‚Äô Imprimatur Scientifico. Niente da dire. Queste ci sono! Ma cosa sono? Nel mio lavoro di scrittore di fantastico mi sono sempre trovato a gettare gi√Ļ soggetti ed idee che per√≤ non ho poi ultimato ¬†in prodotti finiti, uno di questi √®, che gli uomini giungono ¬†¬†¬†a colonizzare un pianeta o un satelloide del o fuori del ¬†Sistema Solare, e dopo secoli o millenni di colonizzazione un fenomeno molto simile ai nostri UFO resta per la scienza e per gli abitanti irrisolto! Un racconto che sa di Stanislav Lem! Noi abitanti della Terra siamo di fronte a qualcosa di simile!

La storia degli ¬†Extraterrestrial Intelligence Globes , ossia delle Sfere Luminose, o meglio ancora pi√Ļ¬† universalmente note ¬†come Foo Fighter. ¬†si impose ¬†all‚Äô opinione pubblica, o meglio ai diversi Servizi di Sicurezza ¬†della Difesa, negli anni della ¬†2 World War. Varie ¬†sono le teorie sul nome con cui¬† sono stati chiamati,¬† Io ¬†qui riporto la pi√Ļ ¬†divertente. Sembra che un operatore radar della U.S.¬† Air Force ¬†¬†di nome¬† Donald Meyers, ¬†¬†si trovasse in missione di guerra , nel novembre del 1944. E che Donald fosse ¬†un appassionato lettore dei fumetti di Bill ¬†Holmann, e delle sue strisce ¬†che apparivano regolarmente ¬†sui giornali di ¬†quel tempo, e ¬†in cui si trovava la parola¬† ¬†Foo, un termine forse orientale ¬†ricavato da una cineseria ¬†del¬† disegnatore americano e che richiamava il fuoco. Quel ¬†novembre del 1944 il nostro uomo¬† si trovava ¬†¬†in missione, ed ¬†aveva visto una palla di fuoco di un forte colore rossastro ¬†inseguire l‚Äô aereo, sembrava che non volesse mollarlo e che ce ¬†¬†l‚Äô avesse con lui. Quando rifer√¨ la cosa al ¬†suo diretto superiore, Donald ¬†tir√≤ fuori dalla tasca un fumetto di Holmann e disse come se gridasse- Quello era un ¬†fottuto Foo Fighter! Fuckin Foo Fighter! Pi√Ļ tardi per una certa decenza forse, fu tolto il Fuckin e rest√≤ Foo Fighter! ¬†

E il fenomeno delle sfere di fuoco durante il secondo conflitto mondiale non pass√≤ inosservato,n√© venne minimizzato, tuttaltro, infatti in quegli anni le nazioni interessate al conflitto, ognuna per suo conto, avevano aperto dei dossier segreti sul fenomeno e istituito le prime Commissioni di Indagine sugli Oggetti Aerei Non Identificati. Oggi questo lo si sa per certo. Se quelle cose che inseguivano gli aerei come fantastici delfini non erano di ¬†fabbricazione americana, tedesca, inglese, francese, russa o altro, allora da dove venivano? E soprattutto, che cosa erano? Il fenomeno non rest√≤ isolato ma continu√≤ a manifestarsi in vari modi e in diversi posti della Terra. Non sto qui a farvene¬† la storia che potete trovare tranquillamente su Internet o sui libri, gli Archivi del pianeta sono pieni di avvistamenti di Sfere luminose di vari colori e grandezze che sembrano ¬†qualcosa di pi√Ļ di un semplice fenomeno naturale e meteorico. Vi sono luoghi in cui queste sfere si manifestano con frequenza, ma anche fuori, nello Spazio¬† cosmico sono state avvistate ¬†dagli¬† astronauti. Negli Anni ¬†Quaranta e Cinquanta furono oggetto di studio del dottor Lincoln La Paz, un esperto americano di meteoriti e fenomeni meteorici, La Paz fu anche coinvolto nell‚Äô affare Roswell. ¬†Ma va anche ¬†¬†ricordato un altro scienziato, il canadese Michael Persinger che ha a lungo esaminato ¬†gli effetti degli intensi campi magnetici sprigionati dagli UFO e dalla Sfere sul cervello umano. ¬†I Globi ¬†sono stati ¬†l‚Äô oggetto di studi di esperti di elettricit√†,¬† di ¬†fulmini globulari, e di sismologhi, ¬†cha hanno pi√Ļ volte notato la coincidente comparsa delle ¬†sfere e assieme ai terremoti.. Le teorie sono tante, e quelle dei plasmi stellari sono forse le pi√Ļ interessanti. Ma qui essendo uno scrittore aperto al fantastico sollevo una questione che riguarda le forme di vita presenti nell‚Äô Universo. Nessuno ci dice che queste forme aliene debbano necessariamente somigliarci, nessuno ci dice che la loro struttura organica debba essere simile alla nostra, e nessuno ancora pu√≤ radicalmente negare che proprio queste fantastiche sfere, o¬† almeno alcune di esse, essendo le altre generate da effetti spiegati naturalmente, e ¬†che si spostano ¬†con << intelligenza>>, non siano proprio alcune di queste forme di vita aliene giunte ¬†sul nostro pianeta in un lontanissimo passato,Ci fa piacere immaginare notti magiche ¬†straordinariamente stellate o notti nevose e glaciali in cui questi globi restano come sospesi¬† sugli alberi simili a Palle di Natale, o immaginare un possibile contatto ufficiale con Creature di Altre Stelle, preparato da un simile e fantastico spettacolo, forse i nostri antenati migliaia o centinaia di anni fa hanno assistito nel cuore delle Foreste e dei Boschi, o nei grandi deserti del pianeta, fra sabbie e cammelli, ¬†a spettacoli simili. Perch√© non pensare agli Angeli, ad una versione cosmica¬† di Angeli, e forse anche di Demoni, ¬†o ad ¬†antichissime forme di Intelligenze Extraterrestri. Cosa ¬†ne sappiamo quando ¬†e dove per la prima volta ¬†√® apparsa l‚Äô Intelligenza Cosciente nell‚Äô Universo? Cosa ne sappiamo delle ¬†prime forme di vita di questo Universo e delle ¬†prime forme di vita intelligente? Forse la fantasia corre sbrigliata, ma la possibilit√† che ¬†una¬† ¬†Intelligenza¬† Evoluta possa prendere l‚Äô aspetto ¬†di una Sfera non √® niente affatto cos√¨ remota o da escludere! Siamo ancora dei grandi provinciali e dei falsi sapientoni anche in questo! ¬†Grazie Salvo Gagliardo.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights rese

 

 Pict0011 

 

Taccuini di Fantastika 

Una Fantasia Cosmica

di

Salvo Gagliardo

 

Soffermarci a considerare la Vastità dell’ Universo ci spaventa. Ogni giorno gli Astronomi estendono i suoi confini anche nel tempo oltre che nello spazio. Si parlava di 10 miliardi di anni poco tempo fa, oggi si è arrivati a quindici , domani si estenderà questo limite e forse l’ Universo in cui abitiamo ci apparirà  vecchio di venti o trenta miliardi di anni, Una cifra per noi incalcolabile, e davvero autenticamente astronomica.

La quantità di stelle e di galassie in esso contenute  è davvero impensabile, inimmaginabile e incalcolabile, la matematica ci viene incontro e ci estrapola delle quantità ma sono solo calcoli astratti e approssimativi! Ricordo che solo qualche anno addietro i libri contavano 100 milioni di stelle nella nostra Galassia, oggi si parla di miliardi di stelle!

Eppure noi esseri umani non riusciamo soltanto ad immaginare cosa pu√≤ esserci l√†, e continuiamo a ritenerci singolarmente unici in questo Universo! Siamo decisamente ancora affetti da una forma di provincialismo¬† antropocentrico. Carl Sagan un giorno parl√≤ di sciovinismo antropocentrico!¬† Ma cerchiamo ora ¬†di capire un po‚Äô la nostra ¬†storia per immaginare qualcosa che ci¬† trascende e che va oltre ci√≤ che la nostra piccola mente pu√≤ riuscire solo vagamente ad immaginare! La vita appare in un pianeta di un Sistema Stellare, nel nostro caso il Sole. Vi sono altri pianeti attorno, ma noi ancora non sappiamo con precisione se l√¨ c‚Äô√® vita e che tipo di vita. Da questa molteplicit√† di vita nel nostro pianeta si fa avanti per una misteriosa legge evolutiva un’unica specie, l‚Äô uomo, capace di guardare all‚Äô Universo con occhi diversi e di progettare viaggi che possano portarlo ¬†da pianeta ¬†all‚Äô altro, da una stella all‚Äô altra. Sembra che nel nostro, sulla Terra, siamo una specie unica, non ci sembra che altre specie abbiano iniziato questo cammino evolutivo, ma possiamo ipotizzare che¬† in altri sistemi stellari le specie possono essere anche pi√Ļ di una! Noi quindi siamo figli del pianeta che ci ha generato e in questo siamo perfettamente adattati, poi siamo anche figli della Stella o delle Stelle la cui luce e i cui effetti permettono alla vita stessa ¬†di esistere. Se un giorno troveremo vita sugli altri pianeti con questa condivideremmo il Sole! E quindi avremmo qualcosa in comune! Sappiamo che non √® possibile abbandonare il pianeta di origine senza una adeguata conoscenza e senza le adeguate tecnologie,per cui abbiamo dovuto attendere circa due milioni di anni affinch√© anche il pi√Ļ piccolo progetto di viaggio estraplanetario potesse minimamente realizzarsi. Ma la nostra immaginazione non ci fa escludere che Dio nella sua infinita grandezza abbia progettato Creature capaci di viaggiare naturalmente attraverso lo Spazio, forse creature a forma di sfere o di luce o altro? Ne incontreremo? Gli Angeli?

Per una legge naturale, la vita sorta in un pianeta conosce delle grandi ¬†¬†difficolt√† fuori dalla sua zona di origine. Si richiedono speciali¬†¬† ¬†cautele e molte conoscenze. Poi giunge il momento di potere quasi senza rischi allontanarsi dal proprio pianeta per esplorare prima i pianeti vicini e poi quelli pi√Ļ lontani e se il caso colonizzarli. Operazione sempre pi√Ļ difficile che richiede da parte della specie interessata un alto livello di sviluppo ¬†e di evoluzione. Ed ecco questa specie portarsi fino ai confini del proprio sistema stellare, forse ha incontrato altra vita diversa, forse no, forse ha scoperto tracce di civilt√† diverse dalla sua nel Sistema Stellare, o forse no. Forse si √® imbattuta in manufatti strani o in strani veicoli che fanno pensare ad una precedente civilt√† o a qualche civilt√† aliena. E infine, dopo secoli o millenni di sviluppo. Questa specie √® finalmente¬† pronta a decollare per le altre stelle. Ma ¬†per farlo si richiede una lunga evoluzione, un sempre maggiore livello di sviluppo e di conoscenze. Impiegher√† forse secoli per questo, ma alla fine pu√≤ esplorare le stelle attorno. Ha inizio una nuova grande avventura ma nel nostro caso, la specie che le d√† avvio, ossia l‚Äô uomo, non √® pi√Ļ quella di partenza, sono passati secoli o millenni. E ¬†quando ¬†l‚Äô uomo potr√† lasciare la sua Stella ¬†sar√† molto diverso da quello che √® ora! La sua struttura organica gli permetter√† di affrontare questa avventura? I nostri scrittori di fantascienza si sono sbizzarriti a trovare ogni tipo di soluzione ¬†a questo problema, ma nessuno ci ha veramente fatto capire che ogni ¬†specie √® profondamente e quasi radicalmente legata alla stella che l‚Äô ha fatta nascere! E che per ¬†affrontare la sfida di nuove stelle si richiede un grado di evoluzione che noi attualmente siamo lontanissimi dall‚Äô avere raggiunto! Ma altre ¬†civilt√†, altrove, e ¬†molto pi√Ļ antiche della nostra possono esserci riuscite! Se applichiamo questo schema generale alle infinite combinazioni che ¬†l‚Äô Universo nella sua complessit√† offre resteremmo davvero sbalorditi! E la nostra piccola storia personale di piccola¬† specie evoluta ci sembrer√† davvero marginale! quasi insignificante! Oggi che parliamo di Alieni o altro, Vi invito a queste considerazioni, e all‚Äô impossibilit√† fino ad oggi per noi di concepire una Creatura Aliena molto pi√Ļ avanti di noi nell‚Äô Evoluzione! Si va oltre Alice nel Paese delle Meraviglie! Le combinazioni possibili in altri Sistemi Stellari sono infinite, Sistemi con tre o quattro stelle, con dieci,cento, mille pianeti ruotanti attorno a diverse stelle, stelle per noi inconcepibili, buchi neri, stati di singolarit√†. Questo l‚Äô Universo in Evoluzione in cui anche noi piccola specie, anche noi evolutiva, viviamo. Sapremo capire cosa c‚Äô√® davvero Oltre e cosa ci aspetta? Salvo Gagliardo.

©salvogagliardoproduzione,2010. All rights reserved

Pict0002 

 

UFO Romance

A strange Story: The Roswell Texas.

Cosa accadde quel mattino del 19 aprile 1897 ad Aurora, TX?

Dedicato a HP. Lovecraft & a Ambroce Bierce,  e scritto da Salvo Gagliardo.

 

Sembra di leggere qualche raccapricciante e fantastico racconto dell‚Äô americano HP.Lovecraft di Providence Rhode Island, o qualche pi√Ļ moderna storia di Stephen King sull‚Äô invasione da parte di Alieni di una qualche cittadina rurale del New England, solo che qui non siamo nel New England, caro ai due scrittori di fantastico, ma bens√¨ ad Aurora, una piccola cittadina a nord del Texas, e il tempo considerato √® il XIX secolo, e precisamente il 1897. Chi ha dimestichezza con i racconti di HP. Lovecraft posso¬† indirizzarlo sullo splendido The Colour out of Space, Il Colore venuto dallo Spazio,ma qui sono in gioco anche altre suggestioni che rimandano persino a Jules Verne.

Nel XX secolo molte persone appassionate di UFO e di Flying Saucers, sono andate a spulciare nelle emeroteche dei quotidiani degli U.S. del XIX secolo ed hanno scoperto che gli anni 1896-1898 gli Stati Uniti ¬†sono stati interessati da uno strano fenomeno, i cieli degli U.S. sembrarono ospitare qualcosa di molto insolito per quei tempi, a proposito, se volete potete dare anche un‚Äô occhiata a Hans Pfaal-A Tale, di Edgar Allan Poe! Fatto sta che furono viste molte volte strani oggetti volanti sorvolare soprattutto il West Coast e il Middle West. Somigliavano a giganteschi dirigibili, ma forse non lo erano perch√© rispetto a questi avevano qualcosa di pi√Ļ e di strano. Sembravano dei giganteschi sigari sospesi in aria, o anche qualcosa d‚Äô altro, furono chiamate aeronavi in tempi in cui i fratelli Wright erano da venire, io le ho chiamate le astronavi di Jules Verne. E‚Äô possibile che qualche geniale e fantasioso americano le avesse costruite nel giardino di casa, ¬†o nel proprio box, i dirigibili esistevano in quel tempo, anche se lo Zeppelin sarebbe apparso nel secolo successivo ed era tedesco. Ma c‚Äôera qualcosa in pi√Ļ, qualcosa di inquietante e di fantastico. C‚Äôera qualcosa che faceva pensare a navi giunte da un altro mondo pi√Ļ che agli abili e riusciti tentativi di un meccanico a stelle e strisce. Volavano stranamente e spesso raggiungevano velocit√† per allora impensabili! Apparivano e sparivano per poi riapparire in un gioco di inganni e di suggestioni. Furono ¬†in molti a vederli, e i cronisti del tempo spesero parecchio del loro inchiostro. Avvolte i loro piloti apparivano o erano gente come noi, vestiti da comandanti di aeronavi e avvolte salutavano benevoli con la mano, altre volte planavano e scambiavano quattro chiacchere con chi aveva avuto la fortuna di vederli, ma altre volte lassopra a bordo c‚Äôera gente che aveva qualcosa di diverso, in ogni caso non sembrava umana. Questo √® quello che si legge nelle vecchie cronache degli Stati Uniti, su quei vecchi giornali ingialliti dal tempo. La gente sembrava elettrizzata o divertita¬† da quelle fantastiche apparizioni, finch√© un giorno‚Ķ

E‚Äô l‚Äôalba del 17 aprile 1897, e ad Aurora,TX, ¬†la luce stenta ad affermarsi sul buio della notte. La cittadina ¬†√® un piccolo centro country nel North Texas. Aurora oggi come ieri √® un vecchio centro tuffato dentro sterminati campi gialli e verdi dove pascolano buoi e cavalli, e altri animali da cortile. In¬† cielo le nuvole si inseguono veloci, mentre in terra si susseguono campi, alberi, mandrie ¬†di buoi e qualche fattoria cascante. Un tempo si estendevano a vista le piantagioni di cotone e forse di mais. La terra √® in parte secca e in parte umida ed √® da sogno vederla sotto la luna piena in estate, sembra lo scenario giusto per un¬† racconto di Faulkner o di Steinbeck, o la scenografia di un film di John Ford. E‚Äô la vecchia terra dei pionieri, il mitico¬† Texas dei cow boy con le vacche al pascolo, con¬† i carri, i cani, le galline e dietro qualche masso un serpente a sonagli che si gode il fresco. Roswell meno di un secolo dopo non sarebbe stata molto diversa. Al tempo dei fatti e in quell‚Äô alba del 17 aprile, Aurora era ancora una citt√† del West, situata sulla Old Chilsom Trail, ossia sulla strada che aveva portato le ¬†carovane dei pionieri ¬†verso l‚Äô ¬†Ovest. Una citt√† del sud che aveva conosciuto la Guerra Civile e che contava quindici saloon per giocare e divertirsi, una piazza ed una fiera di bestiame rinomata in tutto il TX. Ma questa citt√† avrebbe rischiato di divenire una citt√† fantasma, con i saloon vuoti come le case, e le strade praticate solo da qualche gallina e qualche cane. Ma in quel 17 aprile 1897 c‚Äô√® anche¬† qualcosa che non va, infatti come in una sceneggiatura, uno script¬† ¬†che si rispetti, l‚Äô arrivo di un mostro alieno dal cielo √® segnato da epidemie e strani eventi che vengono annotati ¬†nei registri di Aurora, √® quello che ha scoperto chi ¬†√® andato a scartabellare in questi registri comunali e nelle vecchie cronache, infatti sembra che la citt√† fosse stata colpita da qualche calamit√† epidemica¬† ¬†che aveva rovinato il raccolto di cotone e da un gigantesco ¬†incendio che aveva bruciato una parte della citt√†. Nuove epidemie, come quella di tifo, avrebbero continuato a colpirla facendola sempre pi√Ļ ¬†una citt√† maledetta e assottigliandone il numero di abitanti. Oggi Aurora conta circa 300 abitanti di cui molti vecchi, allora al tempo del fatto ne contava circa 3000!

E ¬†veniamo a quell‚Äô alba. Era ancora notte. Ma qualcuno vide nei cieli e sui campi di Aurora qualcosa, una¬† specie di sigaro gigantesco, forse, o un dirigibile alquanto strano o forse un Disco Volante, ma allora nessuno poteva chiamarlo cos√¨. Sono i piccoli Charlie Stevens e ¬†Mary Evans a vederlo, allora rispettivamente di dieci e quindici anni. ¬†Lo descrisse¬†¬† E.E.Haydon nel suo articolo apparso sul Dallas Morning News del 19 aprile. Oggi reperibile. Ma Haydon godeva fama di essere un gran burlone! Non sappiamo se la cosa si era fatta viva altre volte in quei giorni. Forse! L‚Äô oggetto sembra in difficolt√† e procede lentamente e troppo in basso per non destare apprensione e infine si scontra e precipita su una collina a nord di Aurora, e ¬†su un mulino a vento, il mulino del giudice J.S. ¬†Proctor, ¬†vicino ad un pozzo, distruggendolo, distruggendo il giardino vicino e ¬†distruggendosi. Il boato deve essere stato atterrente in quella notte e poi le fiamme che si sono subito ¬†alzate dal colle. L‚Äô intera Aurora deve essersi svegliata e deve essere accorsa sul posto in fiamme. Forse ancora immerso in uno strano bagliore.¬† Anche i genitori di Charlie e di Mary si sono¬† messi in marcia. E giunti sul posto vedono il mulino totalmente distrutto, il pozzo semidistrutto, assieme al giardino del giudice e agli alberi,¬† e ¬†a terra i frammenti ancora fumanti ¬†della cosa. Ce ne saranno stati parecchi e forse parecchi abitanti ¬†di Aurora se li saranno messi in tasca e ¬†portati a casa. La storia di Roswell si ripete, per√≤ all‚Äô indietro nel tempo. Qualcuno oggi si domanda perch√© Aurora sia diventata una zona battuta dall‚Äô esercito! Ma c‚Äô √® a terra anche qualcosa d‚Äô altro , qualcuno pensa che sia il pilota, e cerca di soccorrerlo, ma questo appare dilaniato e irriconoscibile, per√≤ una cosa √® certa, quell‚Äôessere¬† non era di questo mondo, not this Word. Almeno √® quello che pensa T.J. ¬†Weems, il telegrafista ufficiale ¬†del Governo, che gode anche fama di essere un appassionato di astronomia. Lui √® sicuro che quello viene da Marte, √® un Marziano, forse uno di quelli descritti dall‚Äô allora giovanissimo scrittore inglese George Herbert Wells. Quegli antichi pionieri e figli di pionieri eredi di quaccheri e puritani,¬† decidono quindi di dargli una¬† sepoltura rispettabile e vengono anche letti dei passi della Bibbia. Lo seppelliscono nel loro cimitero che stranamente si chiama Masonic Cemetery! E‚Äô quanto mai singolare e fantastico ¬†che l‚Äô unico alieno registrato nei ¬†cimiteri di tutto il mondo, sia ospite di un cimitero massonico! Dove riposano i Randall, i Beauchamp, i Rowlett,le vittime del tifo,i morti della Guerra Civile, quelli della Prima e della Seconda Guerra Mondiale, quelli della Corea e quelli del Vietnam!¬† ¬†Ma c‚Äô√® chi sembra saperla pi√Ļ lunga e nelle leggende che si sono costruite con il tempo, leggende e storie da narrare ¬†davanti ¬†al fuoco di un camino o davanti alle ¬†fiamme di un bivacco notturno, sembra che addosso o vicino ¬†allo straniero, siano state trovate delle carte, forse un diario di viaggio scritto in geroglifici incomprensibili. E qualche altro aggiunger√† pi√Ļ tardi di avere trovato uno strano medaglione con degli strani segni, fatto di uno strano materiale e forse appartenuto alla straniero. Gli abitanti quindi danno sepoltura alla creatura e mettono nella sua tomba parte della sua nave distrutta, il resto lo scaricano nel pozzo ormai inservibile. E dopo lo strano articolo del Dallas Morning News, la faccenda del Marziano e dell‚Äô aeronave di Aurora sembra cadere nel dimenticatoio. Ma Aurora √® sempre pi√Ļ in difficolt√† da quando la ferrovia non passa pi√Ļ da quelle parti e un‚Äô altra epidemia alla fine del secolo decima i suoi esigui abitanti. Bisogna aspettare il maggio del 1973, perch√© quella strana storia di campagna, ¬†torni alle cronache del mondo!

…….continua.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved.

 

                                                                                                                                                    

 

 

 

Pict0017 

Hollywood & Alieni

I Bambini di Adolf Hitler

The Midwich Cuckoos

Di

Salvo Gagliardo

 

Nel 1957 in Inghilterra usciva un romanzo che avrebbe conosciuto un certo successo,  The Midwich Cuckoos, un romanzo di fantascienza scritto da John Wyndham, uno scrittore già noto per Il Giorno dei Trifidi. Il Cuculo a cui si    riferisce il titolo, è un uccello che ha come abitudine quella di depositare le uova in un nido non suo.

Il libro era costruito su un tema affascinante, quello dell‚Äô Invasione Aliena, un tema molto ricorrente in quegli anni di dopoguerra e di guerra fredda. Ma l‚Äô abilit√† dello scrittore aveva fatto s√¨ che ad invadere la Terra fossero dei bambini, non pi√Ļ le dolci creature della tradizione letteraria, ma bambini killer, dei veri bambini psicopatici ed assassini. La storia degli Intruders era talmente piaciuta che qualche anno dopo, una casa di produzione inglese ne aveva ricavato la sceneggiatura di un film che aveva affidato alla regia di un regista tedesco, Wolf Rilla. The Village of The Damned era uscito nelle sale nel 1960, e nel cast contava l‚Äô ottima prestazione dell‚Äô attore ¬†inglese George Sanders, ancora smagliante che interpretava la parte del maturo professore Gordon Zellaby. Sostanzialmente l‚Äô impianto del libro era stato strettamente rispettato. E la situazione fantastica e da incubo si dispiegava in un climax in crescendo molto credibile ed abbastanza godibile. Naturalmente ci fu chi si indign√≤ per l‚Äô assoluta cattiveria dei bambini alieni del tutto ¬†simili a dei piccoli nazi tedeschi allevati dalla giovent√Ļ ariana. E naturalmente c‚Äô√® chi si indign√≤ per il fatto che i bambini erano stati messi al mondo in modo misterioso, per partenogenesi, cosa che non poteva non¬† ricordare la nascita di Ges√Ļ. La storia √®¬† questa. In un villaggio inglese, Midwich, all‚Äô improvviso si verificano degli strani eventi che sembrano precipitare la tranquilla cittadina inglese in ¬†un buco nero o in una strana ¬†singolarit√† della ¬†fisica, cominciano ad accadere strane cose e strani incidenti, mentre l‚Äô intera cittadina sembra posseduta o dominata ¬†da qualche forza sovrannaturale. Fatto sta che dopo due mesi da quegli strani fatti, molte¬†¬† donne di Midwich mettono al mondo dei figli contemporaneamente, e tutte le nascite hanno molto in comune, non solo le date ma anche la struttura fisica dei bambini. Tutti sembrano ¬†quasi eguali, sebbene ci siano maschietti e femminucce, e hanno tutti in comune i capelli molto biondi e quasi bianchi, una carnagione chiara e quasi argentata, e gli occhi di un azzurro acquamarina dagli strani riflessi, tutti sono di taglia considerevole e presto cresceranno rapidamente cos√¨ che a tre anni sembrano avere nove o dieci anni. E‚Äô chiaro che nessuna delle ragazze di Midwich ammette di avere avuto delle relazioni in quel periodo, e questo solleva per un po‚Äô un vero vespaio. Ma presto accadono delle cose ancora pi√Ļ inquietanti, perch√© quegli strani esseri¬† che sembrano tutti eguali, che vestono tutti nello stesso modo¬† a met√† boy scout e a met√† figli della giovent√Ļ hitleriana e ¬†ariana, rivelano strani poteri mentali. Sono fra di loro telepatici e formano psichicamente una Entit√† Gruppo, e hanno uno strano potere sulla mente degli abitanti di Midwich. Poich√© si verificano strani incidenti e strane morti. ¬†il Governo comincia ad interessarsi a loro e affida ad un anziano professore della cittadina, il compito di indagare sulla loro vera ¬†natura. Gordon Zellaby apprende cos√¨ che i fatti accaduti a Midwich non sono unici, ma che in altre parti del pianeta √® successa ¬†la stessa cosa, In Russia, ad esempio, in Siberia e in Mongolia, ma qui i bambini sono stati eliminati o sono morti. Intanto gli Alien Childrens, si danno da fare per dimostrare a tutti ¬†la loro pericolosit√† e potenza, provocando morti ed incidenti e spingendo gli abitanti ad autodistruggersi, ¬†in un climax ¬†in crescendo da incubo. Finch√© Zellaby decide che √® giunto il momento di eliminarli come in Russia servendosi di una bomba atomica.¬† Ma i bambini sono telepatici e leggono nella mente degli altri, bisogner√† quindi creare una barriera ¬†mentale impenetrabile per evitare che scoprano i progetti del professore e degli umani. Alla fine Zellaby avr√† la meglio e i bambini vengono distrutti dalla bomba. Non senza il dolore ¬†del vecchio professore, che √® anche ¬†nonno di uno di loro e che ¬†muore sacrificandosi, assieme a i bambini alieni. Il film √® quindi una lotta tra il professore che cerca di entrare nella mente degli Alieni e questi che cercano di distruggere coloro che vogliono distruggerli, con ¬†poteri ignoti agli umani. E‚Äô un bel film di paranoia aliena, in anni in cui questa paranoia circola facilmente soprattutto negli Stati Uniti.

Ed √® in America, che nel 1995, il mitico regista di horror e fantascienza, John Carpenter, riproporr√† un remake del film di Rilla e del romanzo di Wyndham. Stavolta per√≤ Midwich √® una tranquilla cittadina della California e al posto di George Sanders e del vecchio professore, c‚Äô √® il giovane ed affascinate Christopher Reed, nella parte del professor Alan Chafee. Coincidenza vuole che sia Reed che Sanders moriranno tragicamente, Sanders suicida e Reed a causa di una brutta caduta da cavallo! L‚Äô impianto generale del lavoro viene rispettato, ma rispetto al film precedente le scene di violenza che vedono i giovani alieni bambini all‚Äôattacco, decisi ad impiantarsi sulla Terra e forse a colonizzarla, sono pi√Ļ forti, con vari effetti speciali. La loro stranezza e la somiglianza con piccoli nazisti ariani, biondi e spietati, √® resa pi√Ļ spettacolare, e tutti ricordano i loro occhi di cobalto che si accendono mentre la loro mente sta spingendo i loro nemici a danneggiarsi e ad uccidersi. Il contrasto tra graziosit√† infantile e spietatezza criminale qui √® molto forte e ben reso. E quella maschere gradevoli di bambini biondi dagli occhi dorati, tutti vestiti nello stesso modo come piccoli collegiali, rivela una profondit√† aliena e mostruosa nascosta dietro la loro maschera di innocenza, ¬†ma che¬† si mostra nel suo assoluto ¬†grottesco alieno, ¬†¬†nel feto morto ¬†che viene conservato dalla dottoressa Susan ¬†Vermeer per degli esperimenti. Quella creatura oggi si chiamerebbe un grigio. Ma in questo film la storia acquista nuovi aspetti, infatti David che √® uno dei bambini e il partner vivo dell‚Äô altro nato morto, √® l‚Äô unico a rivelare dei sentimenti umani e una sensibilit√† al dolore per ¬†la perdita ¬†del fratellino, ed √® quello che alla fine si salver√† dalla distruzione operata con la bomba da Allan che morir√† come nel precdente film immolandosi, mentre David e la madre Jillian andranno a abitare ¬†in un‚Äô altra citt√†. Il film oltre ad¬† essere un bellissimo¬† esempio di movie sui mutanti, anticipa o comunque rafforza alcune tematiche contattiste ¬†circa gli UFO e le visite aliene. Sarebbe una bella storia per Roswell‚Äôs¬† ¬†crash!¬† Grazie

 

©salvogagliardoproduzione,2010. All rights reserved

 Pict0017

 

 

The Body Snatchers e The Pod  Pople.1

Kafka in  Hollywood

L’ Invasione degli Ultracorpi

 di Salvo Gagliardo

 

Qualche anno fa ho letto un racconto di Philip Kindred Dick, si intitolava¬† The Hanging¬† Stranger, e narrava una storia paranoide¬† alla Phil¬† Dick, una bella storia folle e persecutoria di un grande maestro di letteratura fantastica, forse uno dei pi√Ļ grandi. La storia somigliava in modo marcato ad un romanzo che sarebbe uscito qualche anno dopo, sto parlando degli Anni Cinquanta, The Body¬† Snatchers, che in Italiano suona pressappoco, L‚Äô Invasione degli Ultracorpi. Il suo scrittore era Jack Finney. Un buon lavoro narrativo di fantascienza, che sarebbe stato seguito¬† in breve da un film che, anche se non √® stato considerato un campione di incassi, rester√† nella storia del cinema come uno delle migliori ¬†storie di fantascienza di quegli anni e segner√† in tal modo il cammino ¬†fino ai giorni nostri, cos√¨ da avere ¬†ben quattro remake. si tratta di nuovo¬† di Body Snatchers¬† del regista Don Siegel. Il film veniva programmato negli USA¬† nel 1955. La storia narra di un dottore, Miles Bennel, e della sua fidanzata, Becky Driscoll, di una cittadina della California, chiamata Santa Mira, e di strani fatti che vi accadono. Siamo negli Anni Cinquanta in America.

Gli attori sono vecchie glorie del passato oggi quasi dimenticate, come Kevin Mc Carthy nei panni del dottor Bennel. Il film è  un film a basso budget e la sua gloria o il suo pregio consiste in questo, niente effetti speciali, niente diavolerie Hollywoodiane, niente trucchi, tutto pesa sul bianco e nero della pellicola, sul climax magnifico, sulla sceneggiatura e naturalmente sulla recitazione. La storia comincia in flashback con il dottor Bennel ricoverato in una clinica mentre fuori  di sé  racconta al dottor Hill quello che secondo lui sta accadendo a Santa Mira, e quello che forse accadrà al mondo, è inutile pensare che il dottor Hill e l’ ospedale compresa la polizia  considerino   Bennel un pazzo. Come si può credere ad un uomo che ti racconta che Entità Aliene  sono giunte dallo Spazio  sulla Terra viaggiando fra le stelle sotto forma di spore o baccelli e che precipitati  su Santa Mira riescono a duplicare gli abitanti uno per uno nel sonno e a distruggere gli originali! Un vero e proprio delirio paranoico! Eppure, è la storia che ha appena vissuto Miles Bennel ed è quello che sta raccontando in modo esagitato.

Chi vi vuole vedere nel film un labirinto kafkiano non andrebbe lontano. Le stesse angosce sulle realt√† ultime. Ma c‚Äô√® di pi√Ļ perch√© il tema di questa bella fiction centrata sull‚Äô Invasione¬† Aliena della Terra, √® la Metamorfosi, la trasformazione dell‚Äô umano, lo stesso tema del racconto di Kafka. Il film presenta i primi androidi della storia del cinema, i primi replicanti, e alla fine √® un bel prodotto fantastico sul dopplenganger o il doppio, o la doppiezza umana. Come sempre la vera natura di questi film √® l‚Äô esplorazione dell‚Äô uomo e dei suoi limiti in basso quanto in alto. Ci si chiede forse inconsapevolmente che se l‚Äô operazione degli Alieni fosse alla fine riuscita, il mondo ne avrebbe guadagnato o perso, o se la sostituzione del vecchio uomo non √® inevitabile da parte di Alieni Evoluti¬† e Macchine, protesi o altro. Se l‚Äô era chiesto anche Dick. Tutto¬† sommato niente √® cambiato a Santa Mira, tutti sono soddisfatti e svolgono il loro lavoro con precisione, ma si presume che una civilt√†¬† di replicanti sia fredda, senza sentimenti, nazistoide, impietosa verso le debolezze umane,la fiction comincia con la polizia in azione e continua con i poliziotti che fanno la multa al povero Bennel. Il medico che dovrebbe curare in realt√† appare uno sciocco che cerca di capire o un¬† retr√≤, e quindi un insano. Finisce infatti in un manicomio. C‚Äô√® in tutto¬† un involontario quadro di¬† conservatorismo allarmante, non dimentichiamo che il film √® stato realizzato nell‚Äô Era di Mc Carthy¬† e della¬† Caccia¬† alle streghe, comuniste! E il film getta un allarme sul conformismo¬† di un societ√† molto socializzata e stereotipata, come¬† √® quella americana. Queste atmosfere¬†¬† e gioco di doppiezza,¬† di vero e di falso, √® bellissima in questo vecchio film, e alla fine l‚Äô unico a non stare al gioco √® Kevin Mc Carty! Perch√© non sappiamo neanche quanto la sua donna, la bella Dana Winter, o Becky Driscoll non¬† stia recitando come gli altri¬† una commedia, prima di essere del tutto duplicata, mentre nelle cantine delle case e nelle serre i baccelloni si preparano a sostituire l‚Äô intero pianeta.

Santa Mira √® una tranquilla cittadina americana degli Anni Cinquanta della California, tutto sembrerebbe andare per il solito verso quando arriva il dottor Bennel diretto verso il suo Laboratorio Medico, Tutto¬† OK per questo giovane dottore innamorato di una bella ragazza del luogo e ricambiato,Becky Driscoll, Dana Winter.¬† Miles ha un buon amico in Jack Belicec ¬†e la moglie. Ma le cose non sembrano andare cos√¨ lisce, e via via in un climax da incubo alla Kafka, Bennel deve scoprire che qualcosa comincia a non andare nei cittadini della tranquilla citt√† californiana. I suoi pazienti accusano strani disturbi e fanno racconti strani sui loro congiunti che hanno cominciato a comportarsi cos√¨ stranamente da essere radicalmente mutati. A Santa Mira sta accadendo qualcosa in profondit√†, pi√Ļ che nell‚Äô apparenza, perch√© come sempre la gente √® cortese e va al lavoro ogni mattina, fa la spesa e cura il giardino. Ma non √® cos√¨. Persino Becky gli racconta strane storie su suo padre . Allora Bennel si reca ¬†da un collega. Lo psichiatra, il dottor ¬†¬†Dan Kauffman, che lo rassicura che i suoi pazienti sono affetti da una forma ¬†di psicosi e ¬†di isteria¬† collettiva. Ma dietro l‚Äô apparenza della normalit√† le cose stanno precipitando a Santa Mira, finch√© un giorno Frank l‚Äô amico non lo invita ¬†allarmato¬† a casa

Continua…………….

 

 

 

 

 

Pict0014 

UFO Hollywood

Klaatu Barada Nikto.Il Mondo  non sarà distrutto

Ultimatum alla Terra.1

Una presentazione del film Ultimatum alla Terra di Robert Wise.

di  Salvo Gagliardo

 

Il 19 e il 20 luglio del 1952 la citt√† di Washington D.C. fu oggetto di interesse di un una pattuglia di UFO che sorvolarono la Capitale, l‚Äô Aeroporto e la Casa Bianca scatenando l‚Äô interesse e il panico della citt√† pi√Ļ importante d‚Äô America. Il 1952 resta anche noto per l‚Äô incontro del contattista americano George ¬†Adamski con l‚Äô uomo stellare venuto dal pianeta ¬†Venere, Orthon. ¬†E sembra quasi una strana coincidenza che l‚Äô anno prima sia uscito nelle sale d‚Äô America il film¬† The Day the earth stood still, del¬† regista Robert Wise, e¬† che ¬†con una pessima traduzione fu chiamato in Italia, Ultimatum alla Terra. Un film vecchio ma che rester√† nella storia del cinema anche per‚Ä̬† Klaatu Barada Nikto‚ÄĚ , una sorta di codice vocale ¬†comprensibile ad un Robot, e pronunciata dall‚Äô eroina della storia alla fine del film ¬†e che salver√† la Terra dalla distruzione totale. Oggi fra i patiti di fantascienza e di film di fantascienza quella frase ha ancora un valore mitico.

La storia √® questa. Un Disco Volante dopo aver sorvolato la Terra attraversa il cielo di Washington D.C. una mattina come le altre e atterra direttamente nel giardino del Presidente, dentro l‚Äô ampio¬† Parco della Casa Bianca.¬† L‚Äô oggetto √® stato tenuto attentamente ¬†d‚Äôocchio dalla Difesa cos√¨ che prestissimo si genera¬† un mobilitazione generale che porta esercito¬† e cittadini nella zona dove √® atterrato il Flying Saucer misterioso. Ormai tutta l‚Äô America sa quello che sta accadendo. Un fenomeno simile sar√† stato ¬†molte volte immaginato e sognato dagli appassionati¬† di Dischi Volanti, e c‚Äô√® chi oggi ¬†sostiene che ¬†sia gi√† avvenuto al tempo della presidenza¬† Eisenhower. Dall‚Äô oggetto esce una strana creatura assai simile ad un uomo con una tuta¬† ed un casco. Si avvicina ai soldati per¬† consegnare qualcosa, ma i soldati fanno fuoco e lo feriscono. Dall‚Äô astronave esce un‚Äô altra creatura, un gigantesco robot di nome Gort che con un raggio micidiale¬† disintegra le armi dell‚Äô esercito e manda in polvere i loro mezzi corazzati. La creatura ferita ¬†viene trasportata dall‚Äô esercito in un ospedale militare. Qui la vediamo con abiti terrestri¬†¬† e senza casco a colloquio con il segretario del Presidente degli Stati Uniti. E‚Äô l‚Äô attore ¬†Michael Rennie a prestargli il suo aspetto fisico alto, longilineo, segaligno ¬†e scarno. La creatura dice di chiamarsi Klaatu e di venire ¬†da un pianeta extrasolare per leggere un ¬†Messaggio di pace¬† agli uomini, ma se il Messaggio non verr√† letto, allora Klaatu distrugger√† la Terra. ¬†E‚Äô un bel film sull‚Äô Angelo Distruttore mandato da Dio. E¬† Michael Rennie si presta bene alla parte con il suo viso lungo e ossuto. Ma chi accoglier√† quest‚Äô angelo che fugge dal‚Äô ospedale, un gioco da nulla per lui? Sar√† Helen Benson, Patricia Neal, una bella signora ¬†che gestisce una pensione a Washington D.C. ,una ¬†vedova di guerra il cui marito √® morto nella 2 Word War, e riposa ad Arlington, fra i caduti. Ma l‚Äô Angelo non si presenta come Klaatu, l‚Äô Uomo venuto dalle Stelle o come l‚Äô Angelo Vendicatore, ma come un ¬†mr. Carpenter.Nella pensione si ¬†parla del Disco Volante, e non sono in pochi a pensare che si tratti di qualche diavoleria sovietica dei comunisti. Ma in¬† casa ¬†c‚Äô√® anche Bobby, il figlio di Helen con cui Klaatu stringe¬† subito amicizia, anche lui √® eccitato dalla novit√† della nave spaziale ferma davanti la Casa Bianca. E una mattina i due fanno una passeggiata proprio l√†. Fra gli¬† spettatori che commentano quello strano fatto, Lui. l‚Äô Angelo se la ride, se dicesse chi √® forse fuggirebbero o si metterebbero a ridere. E poi una sosta patriottica davanti al Lincoln Memorial e alla statua di Abramo Lincoln. Klaatu legge qualcosa scolpito in¬† eterno, √® il Discorso di Gettysburgh, il pi√Ļ solenne¬† e storico pronunciamento di un capo di Stato per un americano. Al ritorno i due¬† passano dalla casa del professor¬† Jacob Barnhardt, un famoso scienziato e fisico. Il professore √® assente ma Klaatu ha il tempo di modificare alcune formule scritte dal professore in una lavagna, modificarle in meglio e lasciare il suo recapito. Da qui la nostra bella storia si complessizza, infatti poco dopo un uomo dell‚Äô Esercito si presenter√† a casa Benson per prelevare Klaatu e portarlo dall‚Äô illustre scienziato.

Continua…….

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved

 

 

 

Copia di Pict0015 

UFO Hollywood

Klaatu Barada Nikto.Il Mondo  non sarà distrutto

Ultimatum alla Terra.2

Una presentazione del film Ultimatum alla Terra di Robert Wise.

di  Salvo Gagliardo

 

 

Quindi Klaatu  viene condotto da un soldato alla presenza del vecchio professore di fisica Jacob Barnhardt che deve essere un autorità per coinvolgere l’ esercito a Washington D.C., la città del Pentagono. E’ bello questo film perché non ha strutture sofisticate e Klaatu è solenne, quasi ieratico avvolte, altre mostra una sottile furbizia tipicamente umana, ma è un gentiluomo vecchio stampo, il regista ha voluto che mostrasse questa superiore ed angelica presenza e distacco, e soprattutto autorità. Il film di Weis mostra un  lato epico ch è proprio  di tutta la filmografia americana, da Ford a Spielberg a Coppola. Klaatu visto di fronte alla grande statua di Lincoln a cui sembra anche somigliare a parte l’ assenza di barba. Epiche sono le scene di apertura che vedono l’ intero apparato militare industriale americano in piena attività per far  fronte a questa Visita inaspettata, sono mobilitati Stampa, Radio, Televisione, i centralini telefonici, le rotative  dei giornali, la gente comune, i militari del Pentagono. Vengono coinvolte tutte le grandi città del Pianeta. L’ America nei suoi film si esprime sempre in senso epico e quasi patriottico. Mi riservo di continuare queste osservazioni nella nota che riguarda La Guerra dei Mondi. E’ il primo incontro epocale con una Intelligenza Extraterrestre e il film anticipa Incontri Ravvicinati  di Spielberg. Klaatu deve dare un segno della sua superiorità sui Terrestri al professore e gli predice quello che fra poco accadrà, quindi fa  ritorno all’ astronave, seguito nascostamente da Bobby, incuriosito da quello strano cliente della pensione. E Bobby assiste  a qualcosa che eccita la sua fantasia, mentre Klaatu entrato nell’ astronave contatta la sua civiltà e stabilisce con loro un black out che dovrà interessare per una mezzora l’ intero pianeta Terra.  Ma tutto questo farà sospettare la signora Benson e il suo nuovo fidanzato che farà delle ricerche soprattutto per stabilire se il diamante che Klaatu ha regalato a Bobby è autentico. Poi si scatena la caccia all’ Uomo dello Spazio, mentre un black aut manda in tilt per un po’ l’ intero motore del pianeta Terra e confermerà al professore di fisica che quello è davvero quello che ha detto di essere. Entra in gioco la bella  signora Benson che cercherà di aiutare Klaatu  a raggiungere il Disco Volante, e assisterà al ferimento mortale di Klaatu da parte dell’ esercito, ma farà in tempo a ricevere dalla bocca dell’ Uomo delle Stelle la frase che bloccherà e terrà buono il robot Gort fermo davanti al Disco Volante, pronto a distruggere una intera città, e fermerà anche la spedizione punitiva della Razza Aliena a cui appartiene Klaatu: Klaatu Barada Nikto.

Gort andrà a recuperare il corpo senza vita  del suo padrone dopo aver portato nell’ astronave la signora Benson. Quindi portato i corpo del viaggiatore stellare dentro il Disco Volante con tecnologie avanzate gli ridà la vita, e Klaatu riappare alla folla di Washington D.C. con la stessa ieratica,  angelica  ed enigmatica potenza, stagliandosi contro il Disco Volante e pronto a tornarsene nelle stelle dopo aver tenuto un lungo discorso davanti alla folla, ai soldati con le armi spianate e ai vari scienziati venuti da tutto il pianeta e radunati lì per l’ occasione dal professor Barnhardt. E dopo un saluto affettuoso  alla signora Helen  Benson, rientra con Gort nell’ astronave e scompare nel cielo e nell’ Universo. Il messaggio  naturalmente è di monito alla Terra che non usi le sue potenzialità distruttive che potrebbero anche danneggiare il Sistema Solare e gli altri Sistemi stellari. Per stavolta la Terra è salva, ma domani……

Il film, anche se appare semplice, anticipa ogni film che nel futuro parlerà di Alieni venuti dalle Stelle, privi di effetti speciali a parte qualcosa che riguarda i poteri di Gort, il robot compagno di Klaatu, anticipa film come Guerre stellari o Incontri ravvicinati. E nella sua essenzialità a me è apparso magnifico, nel ritmo e nella visione di insieme. Tutto è ben costruito e ben saldato, Michael Rennie è davvero magnifico nella parte dell’ Angelo Alieno e nella sua ieratica serietà mostra lati essenzialmente umani come la simpatia o un certo ironico sorriso, ma conserva una certa imperscrutabilità ed è questo che lo fa grande e ci dà la sensazione di trovarci davanti ad uno della nostra Specie ma anche davanti a qualcosa d’atro senza rinunciare ai lati umani. E’ un thriller fantascientifico ma senza gli aspetti horror del genere, e la figura dell’ Angelo Alieno resta immutata e non corrotta dalla Terra. La superiorità di questa Creatura Angelo Alieno che portando un messaggio di pace dalle Stelle si trova di fronte l’ aggressività distruttiva dell’ uomo è davvero magnificamente resa. E il film, anche se oggi appare  vecchio e datato, resta per me un bell’esempio di film  di questo genere. Grazie.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved

 

Articolo succesivo: http://www.fantastikalbi.it/?p=890

 

 

 

 

UFO Romance.Miscellanea.

venerdì, 5 febbraio 2010

 

image001

 

 

 

A Strange Story: The Roswell Texas.

Cosa accadde quel mattino del 19 aprile 1897 ad Aurora, TX?

Dedicato a HP. Lovecraft & a Ambroce Bierce,  e scritto da Salvo Gagliardo.

 

Pict0052

  

  

¬†Sembra di leggere qualche raccapricciante e fantastico racconto dell‚Äô americano HP.Lovecraft di Providence Rhode Island, o qualche pi√Ļ moderna storia di Stephen King sull‚Äô invasione da parte di Alieni di una qualche cittadina rurale del New England, solo che qui non siamo nel New England, caro ai due scrittori di fantastico, ma bens√¨ ad Aurora, una piccola cittadina a nord del Texas, e il tempo considerato √® il XIX secolo, e precisamente il 1897. Chi ha dimestichezza con i racconti di HP. Lovecraft posso¬† indirizzarlo sullo splendido The Colour out of Space, Il Colore venuto dallo Spazio,ma qui sono in gioco anche altre suggestioni che rimandano persino a Jules Verne.

Nel XX secolo molte persone appassionate di UFO e di Flying Saucers, sono andate a spulciare nelle emeroteche dei quotidiani degli U.S. del XIX secolo ed hanno scoperto che gli anni 1896-1898 gli Stati Uniti ¬†sono stati interessati da uno strano fenomeno, i cieli degli U.S. sembrarono ospitare qualcosa di molto insolito per quei tempi, a proposito, se volete potete dare anche un‚Äô occhiata a Hans Pfaal-A Tale, di Edgar Allan Poe! Fatto sta che furono viste molte volte strani oggetti volanti sorvolare soprattutto il West Coast e il Middle West. Somigliavano a giganteschi dirigibili, ma forse non lo erano perch√© rispetto a questi avevano qualcosa di pi√Ļ e di strano. Sembravano dei giganteschi sigari sospesi in aria, o anche qualcosa d‚Äô altro, furono chiamate aeronavi in tempi in cui i fratelli Wright erano da venire, io le ho chiamate le astronavi di Jules Verne. E‚Äô possibile che qualche geniale e fantasioso americano le avesse costruite nel giardino di casa, ¬†o nel proprio box, i dirigibili esistevano in quel tempo, anche se lo Zeppelin sarebbe apparso nel secolo successivo ed era tedesco. Ma c‚Äôera qualcosa in pi√Ļ, qualcosa di inquietante e di fantastico. C‚Äôera qualcosa che faceva pensare a navi giunte da un altro mondo pi√Ļ che agli abili e riusciti tentativi di un meccanico a stelle e strisce. Volavano stranamente e spesso raggiungevano velocit√† per allora impensabili! Apparivano e sparivano per poi riapparire in un gioco di inganni e di suggestioni. Furono ¬†in molti a vederli, e i cronisti del tempo spesero parecchio del loro inchiostro. Avvolte i loro piloti apparivano o erano gente come noi, vestiti da comandanti di aeronavi e avvolte salutavano benevoli con la mano, altre volte planavano e scambiavano quattro chiacchere con chi aveva avuto la fortuna di vederli, ma altre volte lassopra a bordo c‚Äôera gente che aveva qualcosa di diverso, in ogni caso non sembrava umana. Questo √® quello che si legge nelle vecchie cronache degli Stati Uniti, su quei vecchi giornali ingialliti dal tempo. La gente sembrava elettrizzata o divertita¬† da quelle fantastiche apparizioni, finch√© un giorno‚Ķ

E‚Äô l‚Äôalba del 17 aprile 1897, e ad Aurora,TX, ¬†la luce stenta ad affermarsi sul buio della notte. La cittadina ¬†√® un piccolo centro country nel North Texas. Aurora oggi come ieri √® un vecchio centro tuffato dentro sterminati campi gialli e verdi dove pascolano buoi e cavalli, e altri animali da cortile. In¬† cielo le nuvole si inseguono veloci, mentre in terra si susseguono campi, alberi, mandrie ¬†di buoi e qualche fattoria cascante. Un tempo si estendevano a vista le piantagioni di cotone e forse di mais. La terra √® in parte secca e in parte umida ed √® da sogno vederla sotto la luna piena in estate, sembra lo scenario giusto per un¬† racconto di Faulkner o di Steinbeck, o la scenografia di un film di John Ford. E‚Äô la vecchia terra dei pionieri, il mitico¬† Texas dei cow boy con le vacche al pascolo, con¬† i carri, i cani, le galline e dietro qualche masso un serpente a sonagli che si gode il fresco. Roswell meno di un secolo dopo non sarebbe stata molto diversa. Al tempo dei fatti e in quell‚Äô alba del 17 aprile, Aurora era ancora una citt√† del West, situata sulla Old Chilsom Trail, ossia sulla strada che aveva portato le ¬†carovane dei pionieri ¬†verso l‚Äô ¬†Ovest. Una citt√† del sud che aveva conosciuto la Guerra Civile e che contava quindici saloon per giocare e divertirsi, una piazza ed una fiera di bestiame rinomata in tutto il TX. Ma questa citt√† avrebbe rischiato di divenire una citt√† fantasma, con i saloon vuoti come le case, e le strade praticate solo da qualche gallina e qualche cane. Ma in quel 17 aprile 1897 c‚Äô√® anche¬† qualcosa che non va, infatti come in una sceneggiatura, uno script¬† ¬†che si rispetti, l‚Äô arrivo di un mostro alieno dal cielo √® segnato da epidemie e strani eventi che vengono annotati ¬†nei registri di Aurora, √® quello che ha scoperto chi ¬†√® andato a scartabellare in questi registri comunali e nelle vecchie cronache, infatti sembra che la citt√† fosse stata colpita da qualche calamit√† epidemica¬† ¬†che aveva rovinato il raccolto di cotone e da un gigantesco ¬†incendio che aveva bruciato una parte della citt√†. Nuove epidemie, come quella di tifo, avrebbero continuato a colpirla facendola sempre pi√Ļ ¬†una citt√† maledetta e assottigliandone il numero di abitanti. Oggi Aurora conta circa 300 abitanti di cui molti vecchi, allora al tempo del fatto ne contava circa 3000!

E ¬†veniamo a quell‚Äô alba. Era ancora notte. Ma qualcuno vide nei cieli e sui campi di Aurora qualcosa, una¬† specie di sigaro gigantesco, forse, o un dirigibile alquanto strano o forse un Disco Volante, ma allora nessuno poteva chiamarlo cos√¨. Sono i piccoli Charlie Stevens e ¬†Mary Evans a vederlo, allora rispettivamente di dieci e quindici anni. ¬†Lo descrisse¬†¬† E.E.Haydon nel suo articolo apparso sul Dallas Morning News del 19 aprile. Oggi reperibile. Ma Haydon godeva fama di essere un gran burlone! Non sappiamo se la cosa si era fatta viva altre volte in quei giorni. Forse! L‚Äô oggetto sembra in difficolt√† e procede lentamente e troppo in basso per non destare apprensione e infine si scontra e precipita su una collina a nord di Aurora, e ¬†su un mulino a vento, il mulino del giudice J.S. ¬†Proctor, ¬†vicino ad un pozzo, distruggendolo, distruggendo il giardino vicino e ¬†distruggendosi. Il boato deve essere stato atterrente in quella notte e poi le fiamme che si sono subito ¬†alzate dal colle. L‚Äô intera Aurora deve essersi svegliata e deve essere accorsa sul posto in fiamme. Forse ancora immerso in uno strano bagliore.¬† Anche i genitori di Charlie e di Mary si sono¬† messi in marcia. E giunti sul posto vedono il mulino totalmente distrutto, il pozzo semidistrutto, assieme al giardino del giudice e agli alberi,¬† e ¬†a terra i frammenti ancora fumanti ¬†della cosa. Ce ne saranno stati parecchi e forse parecchi abitanti ¬†di Aurora se li saranno messi in tasca e ¬†portati a casa. La storia di Roswell si ripete, per√≤ all‚Äô indietro nel tempo. Qualcuno oggi si domanda perch√© Aurora sia diventata una zona battuta dall‚Äô esercito! Ma c‚Äô √® a terra anche qualcosa d‚Äô altro , qualcuno pensa che sia il pilota, e cerca di soccorrerlo, ma questo appare dilaniato e irriconoscibile, per√≤ una cosa √® certa, quell‚Äôessere¬† non era di questo mondo, not this Word. Almeno √® quello che pensa T.J. ¬†Weems, il telegrafista ufficiale ¬†del Governo, che gode anche fama di essere un appassionato di astronomia. Lui √® sicuro che quello viene da Marte, √® un Marziano, forse uno di quelli descritti dall‚Äô allora giovanissimo scrittore inglese George Herbert Wells. Quegli antichi pionieri e figli di pionieri eredi di quaccheri e puritani,¬† decidono quindi di dargli una¬† sepoltura rispettabile e vengono anche letti dei passi della Bibbia. Lo seppelliscono nel loro cimitero che stranamente si chiama Masonic Cemetery! E‚Äô quanto mai singolare e fantastico ¬†che l‚Äô unico alieno registrato nei ¬†cimiteri di tutto il mondo, sia ospite di un cimitero massonico! Dove riposano i Randall, i Beauchamp, i Rowlett,le vittime del tifo,i morti della Guerra Civile, quelli della Prima e della Seconda Guerra Mondiale, quelli della Corea e quelli del Vietnam!¬† ¬†Ma c‚Äô√® chi sembra saperla pi√Ļ lunga e nelle leggende che si sono costruite con il tempo, leggende e storie da narrare ¬†davanti ¬†al fuoco di un camino o davanti alle ¬†fiamme di un bivacco notturno, sembra che addosso o vicino ¬†allo straniero, siano state trovate delle carte, forse un diario di viaggio scritto in geroglifici incomprensibili. E qualche altro aggiunger√† pi√Ļ tardi di avere trovato uno strano medaglione con degli strani segni, fatto di uno strano materiale e forse appartenuto alla straniero. Gli abitanti quindi danno sepoltura alla creatura e mettono nella sua tomba parte della sua nave distrutta, il resto lo scaricano nel pozzo ormai inservibile. E dopo lo strano articolo del Dallas Morning News, la faccenda del Marziano e dell‚Äô aeronave di Aurora sembra cadere nel dimenticatoio. Ma Aurora √® sempre pi√Ļ in difficolt√† da quando la ferrovia non passa pi√Ļ da quelle parti e un‚Äô altra epidemia alla fine del secolo decima i suoi esigui abitanti. Bisogna aspettare il maggio del 1973, perch√© quella strana storia di campagna, ¬†torni alle cronache del mondo!

…….continua.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved.

 

 

 

 

  Pict0048

  

Tre Passi Fra le Nuvole

trilogia fantastica

 

 

Le cinque Rose di Geremia Gardoncle

racconto fantastico

di Salvo Gagliardo

 

Pict0053

 

 

<<Il vecchio Mosè  Abrams era appena uscito di casa,

per ricondurre le mucche alla stalla,  quando

trovò lo  Straniero>>

Clifford Simak.- Il compagno

 

 

 

 

 1.

Il Vecchio di Millkill : Geremia Gardoncle

 

 

Sono un irriducibile solitario, e se vi va di salire sulla ¬†collina¬† di Milkhill, e chiedete gi√Ļ a Brinville la strada del vecchio Geremia Gardoncle, vi squadreranno ¬†per bene, e dopo essersi assicurati che non siete un parente, un fastidioso esattore delle imposte,un avvocato, un medico, o chess√≤ io, Dio non voglia, un becchino,vi manderanno al diavolo con << se lo trovi da solo!>>. Perch√© l‚Äôuomo di Milkhill √® un vecchio topo di collina, scontroso come un lupo, fiero come un‚Äô aquila, e testa dura come uno stambecco. Mi sono cos√¨ stufato ¬†della fastidiosit√† della gente, che da anni vivo qui in solitudine, a coltivare le mie rose, ad arare il mio orticello, e a fumare la pipa. Qualche volta viene¬† a trovarmi una delle mie ragazze. E‚Äô sposata gi√Ļ in citt√† con un tipo che vende chitarre o fisarmoniche, un certo Orphel, o Orphal, o vattela a pesca!Un tipo con cui non spartirei neanche la cabina telefonica. Cos√¨ Ethel sale quass√Ļ qualche ora al giorno, ad ascoltare il brontolio di un vecchio padre. Poi resto solo, con il mio gatto e qualche piccolo animale da cortile.

 

 Pict0056

2.

Quella strana luce lass√Ļ

 

¬†Quel tardo pomeriggio, dopo una fumata tranquilla,ero attorno alle mie rose con il gran cappello di paglia da giardiniere, i guanti e tutto il resto, quando vidi da sotto la larga tesa del mio cappello qualcosa che brillava. Alzai la testa, ed il cielo era pi√Ļ rosso di un normale tramonto, nuvoloni infuocati correvano come mandrie inferocite. Penasi subito che stesse per scatenarsi un formidabile temporale, e forse anche Samuele, il ¬†vecchio gatto che mi tiene compagnia da quando √® morto Jack, il mio fido labrador inglese. Il gatto ¬†annus√≤ l‚Äô aria con i suoi lunghi baffi, fiss√≤ il cielo con i suoi strani occhi luccicanti, e se la diede a gambe levate per la porta di servizio.

Restai così a grattarmi la nuca, mentre quello strano esercito di nubi e nembi avanzava solenne come un galeone spagnolo. Qualcosa schizzò fuori da quella fosforescente crema di ribes e con una spettacolare parabola precipitò oltre il mio piccolo campo fiorito. Sradicò gli alberi che avevo piantato, meli e peri, fischiò e sparì dietro la collina con un inteso boato in una aurora intensamente rosata che presto divenne rossa simile alla fiamma di un caminetto.

Bella storia! Pensai. Seccature in vista. Speriamo che nessuno si sia rotto l‚Äô osso del collo! Continuai a rimuginare, mentre il sole tramontava e le prime stelle cominciavano a brillare. Tutt‚Äôattorno c‚Äôera un silenzio abissale. Dentro le fattoria le bestie cominciarono ad innervosirsi. L‚Äô aria attorno era stranamente elettrizzata, e presto si riemp√¨ di schiamazzi ed urla. Rientrai in casa, deciso a fornirmi di una torcia elettrica per una escursione lass√Ļ, sebbene la collina brillasse di luci come New York.

Maledizione! L‚Äô interruttore aveva fatto cilecca! Non c‚Äôera pi√Ļ corrente. Le sole luci che brillavano ¬†sinistramente erano gli occhi del mio vecchio gatto persiano, che mi accolse come se avesse visto uno spettro, gonfiando il pelo mostruosamente.

Maledissi l‚Äô elettricit√† e gli elettricisti che mi avevano giocato quel brutto tiro. Frugai nell‚Äô armadio del sottoscala e trovai¬† la torcia, Gi√Ļ di nuovo una bestemmia. Le batterie erano completamente scariche. Continuai ¬†a frugare nel buio e trovai una lampada a gas del tipo a lanterna. Indossai il giaccone e vi misi dentro ¬†¬†il mio revolver a sei colpi.Uscii. L‚Äô aria era pi√Ļ calda e secca. Guardai le costellazioni in cielo, la collina sembrava che bruciasse di una intensa luce arancione. Imboccai un sentiero in salita. Sentivo dietro di me lo schiamazzo isterico degli animali, mentre le numerose cicale di quelle sere tacevano.

 

 

 

 

 

©salvogagliardoproduzione.2000-2009. All rights reserved.

 

 

Questa storia è dedicata a tutti coloro  che sono appassionati di UFO e di Alieni. Forse la sera del 2 luglio del  1947 in una fattoria vicino Roswell, nel New Messico, è precipitata  un’ astronave aliena, il primo UFO crash della storia dei media, qualche giorno prima, il pilota privato ed uomo d’ affari, Kenneth Arnold aveva visto in volo sul Monte Rainier, nello Stato di Washington, ai confini col Canada, 9 oggetti volanti non classificati, li chiamò Dischi Volanti( Flying Saucers).Grazie. Salvo Gagliardo.

 

Pict0011

  

 George Adamski

l’Amico delle Stelle

The Flying Saucers Have Landed!

 

 

George Adamski nasce in un piccolo¬† villaggio della Polonia il 17 aprile del 1891. A due anni i genitori emigrano per gli Stati Uniti, e si trasferiscono a Dunkirk, New York. Poco sappiamo dell‚Äô infanzia di George, di certo dura, quella di un figlio di poveri immigrati polacchi in una regione multietnica come quella di New York. Di sicuro ebbe una educazione scolastica imperfetta e minima, forse ama la strada pi√Ļ che i libri ,e forse comincia a coltivare strani interessi per l‚Äô astronomia e il cielo, d’altronde √® giusto per un connazionale di Keplero, Adamski √® cattolico e lo rester√† anche quando comincer√†¬† a percorrere la via dell‚Äô Oriente e del sincretismo religioso, ma sappiamo anche che Adamski va¬†¬† famoso¬† per la sua abilit√† nei lavori tecnici,¬† artigianali, manuali e di fatica. Buona parte delle sue strane e straordinarie conoscenze le consegu√¨¬† nel tempo¬† da autodidatta. Per farla breve, George¬† dovette arrangiarsi assai presto, per sopravvivere nella grande¬† America di quegli anni. Sappiamo che la sua pronuncia conserv√≤ sempre una forte cadenza straniera, che era molto timido ed impacciato, ma che sapeva anche essere aggressivo e quasi spavaldo e spesso imprevedibile. Da un personaggio simile ci aspetteremmo¬† strane rivelazioni sulla sua infanzia e la sua¬† giovinezza, alcune leggende lo vogliono da piccolo in Tibet, altre narrano che la madre fosse dotata di¬† poteri¬† paranormali, e lo stesso Adamski avvalor√≤ il racconto che nell‚Äô infanzia fu avvicinato da strani e misteriosi¬† personaggi. Di certo pu√≤ essere annoverato fra i visionari dei nostri tempi, chi lo conobbe attribuisce anche a lui poteri extrasensoriali. Lo ritroviamo nel 1913 come soldato del 13¬į cavalleggeri ai confini con il Messico durante la Rivoluzione¬† Messicana di Pancho Villa ed Emiliano Zapata, George ha 22 anni. Nel 1915 ottiene la cittadinanza americana, nel 1917 sposa Mary Shimberski, e nel 1919 si congeda con onore. Lo troviamo come operaio factotum nello Yellowstone Park, carpentiere, muratore, mugnaio,¬† in altre parti dell‚Äô Ovest, il giovane George gi√†¬† rivela straordinarie abilit√† e uno spiccato senso degli affari. Negli Anni Trenta, anni difficili per l‚Äô America e il mondo, anni di depressione e proibizionismo, George √® gi√† famoso per le conferenze che tiene ad alcuni adepti sulle religioni orientali e la reincarnazione. Cominciano a chiamarlo the professor, il professore. Ha gi√† attorno una cerchia di seguaci ed √® nell‚Äô Ovest, in California che Adamski comincia a predicare il suo vangelo cosmico. Lo Stato della California¬† rester√† famoso per avere accolto guru e maestri di pensiero orientale venuti dall‚Äô Asia, si direbbe una zona intensamente spirituale. Forse √® questo che ha sentito George, quando sempre in quegli anni ha dato vita ad un monastero e all‚Äô Ordine Reale del Tibet, The Temple of Royal Tibet, nei pressi di Laguna Beach, dove si pratica e si insegna mistica orientale e buddhista in forte sincretismo con il cattolicesimo, insomma, a teosophy.Ma c‚Äô√® anche qualcosa di interessante. Ossia, che nel Tempio si produce vino in tempi di stretto¬† proibizionismo, Adamski sembra avere un pallino per gli affari, pi√Ļ tardi dir√† di avere¬† fornito vino all‚Äô intera California.Ma presto, le leggi federali sull‚Äô alcool¬† vengono meno, e Adamski √® costretto a lasciare il Tempio.

Sono gli Anni Quaranta, anni di guerra, e troviamo Adamski¬† a Center Valley, San Diego County, a dirigere una comunit√† agricola a sfondo esoterico, e infine a Mount Palomar, contea di San Diego,¬† a 150 chilometri da Los Angeles e all‚Äô incirca lo stesso da San Diego, sulla strada del grande Osservatorio Astronomico, che √® ancora in fase di costruzione. Il suo destino ormai sembra legato per sempre a quello delle stelle. Qui entra in affari con una sua allieva, Alice Wells e qui fonda la sua nuova comunit√† di Palomar Gardens,¬† oltre che un luogo di ristoro fra le montagne, il Caf√®¬† di Palomar Gardens, una sorta di cottage montano, in cui lavora come tuttofare e venditore di hamburger,¬† e accoglie i diversi clienti diretti s√Ļ, all‚Äô Osservatorio. Il nome di Adamski rester√† cos√¨ legato a quello dell‚Äô Osservatorio, da far credere a molti che lui lavorasse per quello. Ed √® qui che ha inizio la storia pubblica del nostro fantastico personaggio. Non sappiamo se ha prestato servizio durante la Seconda Guerra Mondiale, ma √® l‚Äô ottobre del 1946 che porta decisamente Adamski a scrivere i capitoli pi√Ļ importanti del suo romanzo cosmico e dal suo punto di vista, a coronare con successo¬† una intera incarnazione spesa a far conoscere i misteri del cielo. Fra le varie leggende che hanno circondato questo strano polacco americano molto chiacchierato, c‚Äô√® chi, come sir Desmond Leslie che gli fu amico e biografo, vuole che Adamski fosse un mutante.

Fine prima parte.

 

©salvogagliardoproduzione.1999-2010. All rights reserved.

 

 

Pict0046

  

  Albi di Fantastika

********************** 

Tre Passi Fra le Nuvole

trilogia fantastica

 

 

Il Mio Amico Hans Christian Andersen

fiaba fantastica

by

Salvo Gagliardo 

 

“Quel giorno, l’ ufficiale di polizia

Lonnie Zamora ispezionava quel  luogo

Idilliaco, quando una specie di ruggito,

dilaniò l’ aria, mentre un’ alta fiamma blu e

aranciata si abbassava dietro ad una collina‚ÄĚ

Jean Pottier-UFO

 

Una vecchia  Rover rossa sfida faticosamente le accecanti luci infuocate, sotto una sonora pioggia di raggi per le lunghe e polverose strade del New Mexico,  nell’ arido pomeriggio di un luglio di fuoco. Attorno  giganteggiano solitari i cactus spinosi fra arbusti e canon rossastri. Fra le ciclopiche gole si occultano le mura sbrecciate di antichi villaggi, gli antichi bivacchi, gli scheletri pietrificati delle maledette città dell’ oro. I grandiosi scenari sono simili a quelli da cui la Rover ha preso il via con qualche colpo di tosse in un’ alba dura e paurosa fra montagne ciclopiche di pietra e rame. Le mani sudate stringono il grosso sterzo, gli stivali premono sul duro pedale.

Mi chiamo Virgil McMahannan, e possiedo una piccola impresa elettrica a San Francisco: << Luce Ogni dove. Riparazioni e Manutenzione Impianti Elettrici>> Sono alle prese con il solito giro di lavoro e mi aspetta un viaggio faticoso da Phoenix a Salt Lake¬† city, migliaia di chilometri da macinare per le terre pi√Ļ calde degli States. San Francisco √® la mia citt√† e l√† mi aspetta una ragazza che sta per darmi un pargolo. E‚Äô questo il mio unico pensiero, mentre da ore mi scorre davanti monotono e accecante, un panorama¬† quasi marziano, di certo preistorico. Mi ¬†piacerebbe un bel maschietto, rimugino. Diavolo! Che combina quella bestia! Un tir ciclopico mi supera con arroganza e mi costringe ad una manovra pericolosa. Con tristezza ripenso al feto nato morto che mi √® stato mostrato in clinica quella volta! Il primo parto di Elizabeth, andato a male. Qualcosa mi barbaglia davanti. Il sole! Il maledetto sole. Annaspo nel cruscotto in cerca dei miei occhiali scuri. OK! Ma c‚Äô√® un altro sole dall‚Äô altra parte‚Ķ‚Ķ.! Due soli? Mi piego davanti al parabrezza per guardare meglio. Un cilindro¬† accecante simile ad un neon mostruoso levita in alto sulla mia testa. L‚Äô avevo gi√† visto al Barringer, gi√Ļ al Meteor Crater. Ricordo che quella cosa si era alzata dal cratere. L‚Äô avevo seguita per un po‚Äô, poi me ne ero dimenticato. Meteore! Avevo pensato. Scherzi della natura.

Sono stanco ed affamato. Mi conviene fermarmi alla prima stazione di servizio. Guardo la mappa. Per Santa Fè mancano pochi chilometri. La Rover comincia a salire.

 

Si scia bene da queste parti d‚Äô inverno. Penso. Non manca molto per gli impianti di ¬†Los Alamos, ecco i cartelli e i posti di sbarramento. Il sole √® al tramonto in un cielo rosso fiamma. Di nuovo quelle strane luci! ¬†Che diamine ¬†sta succedendo! Piogge di meteore in un cielo di luglio? Una palla infuocata attraversa l‚Äô orizzonte. Le macchine sfrecciano senza accorgersene. A parte un contadino dallo steccato di una vecchia fattoria al tramonto.¬† La cosa sta precipitando oltre la collina. Il contadino √® scomparso, inghiottito dalla sua vecchia fattoria cadente. Per seguire le giravolte di quella stranezza ¬†ho imbroccato una strada secondaria e pietrosa e del tutto deserta. Mi sento diabolicamente attratto da quella bizzarria. Le vado incontro verso le mura calcinate in alto ¬†sulla collina. Dal finestrino entra un vento gelido. Questo tramonto √® davvero strano! Raggi di luce e aurore rosate splendono oltre la collina. Tutto √® deserto e stranamente silenzioso. Mi sembra di vedere una nebbiolina azzurrata che levita sulla¬† strada. La Rover si ferma, fa le bizze, scoppietta, arranca, non ne vuole sapere di andare avanti. Vicino c‚Äô√® una vecchia miniera abbandonata, trave marce, carrelli arrugginiti, rotaie divelte, macerie, un ingresso scuro e inquietante. Le batterie sono andate! Maledizione e tre volte dannazione! Davvero strano! Mi guardo attorno, il sole √® quasi ¬†tramontato e in cielo le costellazioni cominciano a risplendere. Quello strano sfavillio di luci oltre la collina sembra essersi spento. Dalla vecchio villaggio abbandonato soffia un vento gelido. Mi avvio a piedi come chiamato da un appuntamento verso le prime case di legno marcito del villaggio. La nebbiolina bluastra mi scivola fra i piedi in modo repellente. Sembra uscita sinistra, vomitata fuori dalla marcita citt√† fantasma dei cercatori d‚Äôoro. Ricontrollo la mappa alla luce della torcia. La Federale non dovrebbe distare molto, pi√Ļ in basso. Ma quel putrescente cadavere notturno di pietre e legno fradicio mi incanta come un vascello fantasma fra le tenebre. I mie passi risuonano secchi nel silenzio. Il fascio giallo della torcia illumina la fluorescente nebbia dentro cui affondano i miei stivali e le mie gambe fino a sparirvi. Ovunque assi divelte, finestre scardinate, vetri infranti dietro cui guizzano fiammelle aranciate come ceppi di camino, ombre, vortici di stelle, suoni e musiche. Passo davanti all‚Äô insegna di un vecchio saloon. Mi giungono alle orecchie le note di una sgangherata pianola, le due bussole sbattono cigolanti sui cardini di ferro arrugginito. C‚Äô√® gente dentro che fa baldoria.¬† Sul portico di legno risuonano i passi di stivali speronati. Alzo gli occhi verso i cielo, √® pieno di stelle come non ne avevo mai viste. Un‚Äô ombra scura l‚Äô attraversa simile ad un vascello cosmico a luci spente. Sento lo scampanellio di migliaia di biciclette, simile ad un carillon galattico. Qualcuno mi chiama da dentro il saloon. Mi avventuro, entro, supero lo zoccolo e spingo i battenti. Dannazione! Dalle tenebre della sera alla luce di un impensabile paradiso! C‚Äô√® un denso fumo di pipe e di sigari, gente che si diverte. Tutti indossano gli abiti impolverati¬† del vecchio West. Ci sono pellerossa, yankee, indios. Un prosperosa biondina¬†acqua e sapone storpia una vecchia ballata agitando le piume di un vecchio cappello. Un pianista negro strimpella sulla tastiera e un barista al banco, un tipo baffuto e duro, mi invita a bere una bevanda verdastra che subito mi brucia maledettamente nello stomaco. Ne chiedo un altro bicchiere e poi un altro ancora, fin quando mi ritrovo a fare l‚Äô equilibrista su due gambe incerte nuovamente sulla strada polverosa del vecchio West, ancora una volta con le gambe sprofondate in quel magma azzurrato.

E’ così che faccio la conoscenza del mio bizzarro amico  Hans Christian Andersen!

 

Perch√© io l‚Äô abbia chiamato cos√¨, √® presto chiaro. Steso sul bianco lettino di una clinica psichiatrica, ¬†sono trascorsi diversi giorni dagli avvenimenti della collina. Il dottor Blockead, quel verme, dice di averci capito poco, stress, o forse i cattivi pensieri per la creatura nata morta, o forse quel maledetto sole del Colorado. Panzane! Il fatto √® che sono stato trovato senza la pi√Ļ piccola coscienza, riverso sul volante della mia auto, alle prime luci dell‚Äô alba quasi sul ciglio dell‚Äô imponente cratere meteorico. E‚Äô ci√≤ che ha detto Tony Beaster alla polizia, il vecchio camionista che mi ha soccorso. Intanto Elizabeth ¬†ha partorito un bel maschietto, grassoccio e latteo come un maialetto. Ho ruminato a lungo la faccenda ¬†ed ho immaginato che il mio ¬†marmocchio ¬†sia nato proprio nell‚Äô attimo in cui la cosa se ne ritornava nel suo ¬†pianeta .Cos√¨ ho finito per chiamare ¬†Hans Christian Andersen anche lui. Il marmocchio ha gli occhi di un celeste impressionante ed √® grande e grosso in modo inusuale. Ma andiamo con ordine. Robot, androide, alieno, raccapricciante creatura stellare, paradossale viaggiatore galattico, feci la sua esaltante¬† conoscenza proprio in quella notte di prodigi. Tutta quella fantastica baldoria di quella magica notte di luglio che mi si confonde in testa, ¬†oggi qui in clinica fanno¬† di tutto per farmela dimenticare.

 

Eccomi malfermo sul buio ¬†sentiero azzurrato, attratto l√¨ dalla maledetta citt√† senza nome, dopo avere mandato gi√Ļ diversi bicchieri, quanti non saprei, di quell‚Äô intruglio verdastro del barista coi ¬†baffoni e dal sorriso sinistro. Ricordo che anche lui aveva assunto il colore di quell‚Äô intruglio bomba. Tutto per√≤ qui , nella clinica di San Francisco, mi si confonde nella testa. E‚Äô certo, lo giuro, che dentro quella stomachevole nebbia, in una notte senza tempo, fra le carcasse marcite di una citt√† fantasma, sotto un codazzo di stelle a nozze, sopra una collina del tutto solitaria e abbandonata, vidi‚Ķ..C‚Äô√® da uscire davvero matti‚ĶB√® gente, devo pur dirlo! Vidi‚Ķun bisonte!

Sgranai ¬†gli occhi, come se la luce di tutte quelle stelle non fosse sufficiente a farmi notare ¬†l‚Äô assurdit√† della cosa. C‚Äôera davanti a me un gigantesco paio di corna, arcuate come un croissant lunare, che si allungavano da ¬†un gigantesco cranio taurino e lanuto come un bufalo delle praterie, un fantastico incrocio tra un mammut e un dinosauro. Splendeva nella notte come un idolo antico, totalmente coperto da una lanugine rossiccia. E come se non bastasse, cosa da ¬†farmi cadere a terra stecchito per la meraviglia, sulla sua groppa maledettamente alta, troppo alta per essere di questo mondo, se ne stava appollaiato come un principe indiano una creatura davvero singolare e beffarda, ma¬† anche dolce ed in estasi come un guru in meditazione. Per prima notai il suo buffo cilindro, pi√Ļ alto che largo, e dalle sue strette falde uscivano ciuffi di capelli argentati pieni di giocosi luccichii. E sotto quel cappello c‚Äôera¬†il ¬†viso pi√Ļ strano che avessi mai visto, una faccia bianca e luminosa come la luna o come un neon. Pi√Ļ tardi quando potei guardarlo senza quel buffo cilindro vidi che aveva una fronte arcuata, la fronte pi√Ļ grande che avessi mai visto, che cadeva a strapiombo e sul cocuzzolo leggermente a punta riposavano in disordine ¬†ciuffi di capelli nivei e argentati. La faccia in basso terminava con un piccolo mento quasi infantile, da bambino, e un nasetto altrettanto piccolo ed infantile arrossato come una ciliegia. La sua bocca era una fessura lunga¬† e curva che dava al volto l‚Äô impressione di un eterno sorriso. Due piccole lenti rotonde, scure e impenetrabili ne nascondevano gli occhi.

Quel¬† coso ¬†dal nasetto da Biancaneve sembrava uscito da una pagina di Dickens, anche per l‚Äô abito assolutamente inconsueto e fuori tempo. Dei pantaloni aderentissimi tornivano una coppia straordinaria di gambe da trampoliere e che nella posizione in cui si trovavano si attorcigliavano come serpenti. Avrei giurato che fossero prive di scheletro, elastiche come il corpo di un topo. Anche se quei pantaloni a scacchetti lo facevano somigliare al filosofo Kierkegaard, ben presto mi¬† accorsi che tutto quello che vedevo era in realt√† qualcosa d‚Äô altro! Dai pantaloni stretti alle caviglie usciva un paio di calzini buffi e multicolori. Ma quelle paia di scarpe era impossibile dimenticarle! Anzi, fu la prima cosa che mi si present√≤ davanti agli occhi della mente quando imbottito di tranquillanti mi svegliai nel lettuccio bianco della clinica a San Francisco, fra medici che mi guardavano con facce beffarde e incredule. Erano scarpe grandi, rotonde, pi√Ļ simili a racchette da neve, che a scarpe da tennis, ma di queste ne avevano l‚Äô elasticit√†, sembravano un singolare incrocio fra una scarpa da tennis e una calzatura di astronauta. E che dire della giacca? Una vecchia palandrana bisunta, una finanziera lunga e d‚Äô altri tempi, un cencio raccattato chiss√† dove! Aderiva al busto strettamente come i pantaloni, e il busto sembrava un tozzo cilindro corto rispetto ai trampoli. A raccontarlo ho rischiato di fare ammattire per davvero i pazienti della clinica!

In quei mesi di forzata inattività, nella Stanza 28 della clinica Riposo Sicuro, ho sempre rimuginato sui frammenti a flash di memoria di quella incredibile notte, estratti a fatica da una mente addormentata dai farmaci e dalle chiacchiere dei medici. Spesso ne ho parlato con Blockead e la sua infermiera, strappandogli risolini di compiaciuta superiorità. Ma quando gli ho presentato condita alla meglio, come un piatto prelibato,  la storia delle nubi e del cilindro, allora e solo allora mi hanno schiaffato  sulla faccia un sarcastico disprezzo che mi ha costretto a richiudermi nella mia conchiglia come un’ ostrica strapazzata.

Fu forse quell‚Äô intruglio bevuto quella notte in quel saloon sgangherato fra gli allegri fantasmi di ¬†una citt√† defunta, ma vi assicuro che attorno a quel cilindro incredibile sulla cui vera natura ho pi√Ļ volte fantasticato, levitava una soffice nuvoletta che alla luce dell‚Äô alba nascente mi parve di un delizioso color rosa pesco, uno sbuffo di nuvole¬† simili a quelle ¬†che circondano ¬†i visi paffuti¬† dei rosei amorini settecenteschi nei quadri dei nostri venerati maestri. Avr√≤ modo di far notare come ¬†quella delicata nuvoletta si comportasse da autentica nube, rabbuiandosi e schiarendosi, e persino¬† generando vistosi scrosci temporalizi, con piccole saette¬† argentate , e rapidi lampi che esplodevano e si scatenavano, secondo gli umori di quel cappellaio impossibile o di quel rigattiere intergalattico. E aggiungo che le poche volte che ho visto Hans assopito, la nuvoletta √® scesa nascondendolo teneramente e beatamente!

………continua

©All rights reserved. salvogagliardoproduzione. 1999-2009.

 

 

Se a qualcuno interessa l’ intero racconto o addirittura l’ intera trilogia di racconti fantastici non ha che da  contattarmi nel  sito Fantastikalbi,  o inviarmi una sua email al mio  indirizzo di posta. Grazie.

info@fantastikalbi.it

fantastikalbi@yahoo.it

fantastikalbi@libero.it

 

  

 Pict0001 

Lo Spazio e il Futuro

by

 Salvo Gagliardo

 

Sognare lo Spazio oggi √® diventato possibile, il sogno √® uscito dalle pagine dei pulp e dei magazine fantastici e fantascientifici del tempo, e, anche se in modo pi√Ļ lento e meno rutilante, si appresta a divenire realt√† o meglio routine, ossia si avvia ¬†a perdere quell‚Äô aura di¬† cui fino ad ora √® stata ¬†avvolta l‚Äô avventura spaziale. Non sono trascorsi neanche cinquanta anni da quando l‚Äô uomo ha messo per la prima volta piede sulla Luna con la frase storica :<< Houston, Tranquility base here,the Aegle as Landed!>>. In questo sito potrete trovare dell‚Äô altro sull‚Äô avventura dell‚Äô Uomo nello Spazio. Di certo gli scrittori di fantascienza avevano immaginato uno sviluppo pi√Ļ rapido di questa avventura, e l‚Äô avevano colorata variamente e diversamente, quasi tutti gli scrittori avevano dato per certo che entro il XX secolo, l‚Äô uomo sarebbe andato a spasso per il Sistema Solare, un sogno che non si √® ancora avverato. Ci sarebbe da chiedersi il perch√©, e una delle risposte¬† plausibili √® che lo Spazio non √® fatto per l‚Äô uomo. E in effetti √® cos√¨. Le condizioni proibitive richiedono un lento sviluppo ed adattamento, richiedono tecnologie molto evolute e conoscenze sempre pi√Ļ adeguate, il rischio √® la fine del sogno. Sembra che la biologia terrestre sia fatta per questo pianeta ma non per gli altri. Osservazione interessante che potrebbe dircela lunga sull‚Äô evoluzione sia terrestre che interplanetaria e interstellare se non galattica. Di sicuro ogni pianeta √® biologicamente unico, una vita su Marte avrebbe caratteristiche diverse da quelle del nostro pianeta anche se potremmo avere con essa diverse cose in comune. E‚Äô la legge del tempo e dell‚Äô Evoluzione. Se immaginassimo una catastrofe che cancellasse dalla Terra la specie umana, la futura specie dominante sarebbe diversa da noi e se per caso fosse simile non sarebbe mai eguale! In natura non esiste una eguale ripetizione, nessuna foglia √® eguale esattamente ad un’altra, nessuna cellula,¬† nessuno stelo d‚Äôerba √® eguale esattamente all‚Äô altro. Nessun pianeta, nessuna stella, nessuna Galassia! L‚Äô uomo invece √® capace di creare delle copie perfette! Anche se artificiali.

E a ben considerare la cosa, i risultati finora raggiunti dall‚Äô uomo sono degni di merito e di rispetto. Le conoscenze e gli oggetti che riesce a produrre, nello Spazio funzionano. Stiamo popolando il nostro Sistema Solare di sonde e di marchingegni alla deriva. Avremmo potuto ipotizzare uno sviluppo pi√Ļ lento ma pi√Ļ invasivo e consistente, o uno sviluppo pi√Ļ veloce, ma pi√Ļ effimero e pieno di pericoli. Di una cosa sono certo, che lo Sviluppo dell‚Äô Uomo nello Spazio fa parte della¬† sua Evoluzione, ed √® in qualche modo scritto nel suo gene. E‚Äô quasi un fatto organico, una seconda evoluzione stavolta tecnologica. Siamo solo ai primissimi passi. E‚Äô chiaro che non siamo ai tempi di Jules Verne. Lo Spazio richiede nel campo scientifico l‚Äô evolversi di molte discipline ad esso connesse, e contemporaneamente la ricerca di nuove tecnologie. Oggi, nella nostra vita quotidiana sul pianeta Terra facciamo uso in abbondanza di tecnologie che ci vengono dallo Spazio, questo per sfatare l‚Äô ormai logoro pregiudizio che lo Spazio √® solo una curiosit√† o un capriccio dell‚Äô uomo. Lo Spazio diverr√† invece la sua casa, la sua ¬†vita futura. Scenari immaginati da Kubrick in 2001 saranno routine. Si andr√† nello Spazio per lavorare, per studiare, per vivere. Le scienze coinvolte sono molte, da quella naturalmente astronautica, alla biologia, alla chimica, all‚Äô ingegneria¬† aerospaziale, a varie branche della medicina, si richieder√† un particolare sviluppo delle Intelligenze Artificiali, senza di esse non √® possibile n√© consigliabile avventurarsi nel Cosmo. Solo i computer riescono ad elaborare le sintesi necessarie e a dare ¬†delle risposte efficaci alle domande degli ¬†astronauti e de futuri coloni.

Entro questo secolo l‚Äô uomo metter√† basi permanenti su Marte e su Luna, √® quello che le agenzie spaziali ci dicono. Ossia le prime colonie extraterrestri. Nel prossimo l‚Äô uomo dovrebbe avventurarsi fra i pianeti e planetoidi di Giove. Entro il ¬†millennio l‚Äô uomo dovrebbe lasciare il Sole. Sono tutte tappe percorribili. Non c‚Äô√® niente di enfatico in questo sogno, sono cifre a ribasso,ossia le cose potrebbero anche andare pi√Ļ velocemente e entro due o tre secoli al massimo lasciare il Sole e iniziare la grande avventura fra le stelle. Ma Spazio e Tempo mutano e maturano la specie umana. Nel futuro forse si dovranno concepire piani diversi di sviluppo, diversi da quelli che sono stati progettati ad esempio all‚Äôalba dell‚Äô astronautica. Sar√† necessaria una maggiore collaborazione fra Stati, il vecchio colonialismo potrebbe non funzionare nel Cosmo. Ci sono nuove nazioni che vi si stanno affacciando, i Paesi che nel futuro domineranno ij mondo, ossia l‚Äô Asia. India e Cina gi√† stanno pianificando la loro avventura e presto sar√† la volta dell‚Äô Islam. Immaginare un‚Äôunica nazione o due nazioni come √® stato nel passato impegnate a gareggiare e a contendere ¬†nello Spaio non √® uno scenario pi√Ļ percorribile o immaginabile, e lo Spazio dovrebbe appartenere all‚Äô intera Specie Umana. Forse Utopia? Forse una semplice necessit√†! I costi economici sono alti, si richiede una collaborazione globale¬† sempre pi√Ļ stretta fra scienziati, tecnici,e uomini di tutto i pianeta. D’altronde chi aveva sognato per primo questo sogno, ¬†sto parlando di Tziolkovski nel XIX secolo, ¬†lo aveva immaginato per l‚Äôintera specie. Nel XX uno scienziato tedesco manda gli americani sulla Luna, nel futuro scienziati indiani e asiatici viaggeranno assieme ad uomini dell‚Äô Occidente. Nello¬† Spazio lo scambio di conoscenze √® prezioso. Se dovessero esserci altre Intelligenze nelle vicinanze non credo che distinguerebbero un americano da un cinese! Nello Spazio non c‚Äô√® n√© sopra n√© sotto, n√© destra n√© sinistra, vi si richiede un uomo globale, un‚Äô intera Specie. Forse √® anche per questo che il processo si √® rallentato nell‚Äô attesa che¬† l‚Äô uomo superi del tutto ogni forma di ¬†nazionalismo sempre pi√Ļ¬† obsoleto e si avvii ad una collaborazione planetaria. Questo sembra il cammino dettato anche dalle difficolt√† in cui il pianeta per ora sta vivendo! Lo Spazio che negli Anni Sessanta e Settanta aveva diviso Russi da Americani, poi li ha riuniti nelle ¬†citt√† in orbita terrestre, poi sono entrati ¬†i giapponesi e via via ¬†entreranno gli altri. L‚Äô uomo capir√† finalmente di far parte di un‚Äô unica spinta evolutiva¬† che dai boschi e dalle foreste lo sta portando fra le stelle? Einstein una volta disse che¬† l‚Äô unica razza che riconosceva¬† nell‚Äô uomo era¬† quella umana! Riusciremo un giorno a ragionare nello stesso modo? Di sicuro i nostri vicini Alieni la pensano cos√¨¬† da sempre! Pi√Ļ ci allontaniamo dalla Terra pi√Ļ sembriamo delle formiche indistinguibili! E‚Äô cos√¨ che dovrebbero vederci gli Altri! Un saluto. Salvo Gagliardo

©salvogagliardoproduzione2010.All rights reserved.

 

 

 

 

Pict0057 

 

Rapiti dal Cielo

UFO , Psicoanalisi ed X Files

Barney e Betty Hill

 

 by

 Salvo Gagliardo

  

E‚Äô accaduto nella Contea di Lincoln, New Hampshire, la notte tra il 19 e il ¬†20 settembre del 1961. Una data che sembra remota anni luce, ma che ha segnato anch‚Äôessa lo sviluppo della fantastica storia legata agli UFO. E‚Äô¬† accaduto ad una coppia mista, lei Betty,bianca, di origine caucasica ed anglosassone, lui, Barney Hill, un giovane di colore, afroamericano. La loro macchina stava tornando da una visita a Montreal, Quebec, Canada, e si stava ¬†dirigendo verso casa, a Portsmouth, nel New Hampshire. A settembre deve fare freddo da quelle parti, ¬†e ci dovrebbe essere la nebbia fra le montagne e la neve. A portare l‚Äô auto √® Barney. I¬† Barney hanno lasciato un ristorante e stanno tornando a casa attraverso le White Mountains. Sono circa le 10,30 di sera. Barney √® un uomo con la testa a posto, fa l‚Äô impiegato delle poste a Portsmouth, ¬†lei, Betty fa l ‚Äėassistente sociale sempre nella stessa citt√†. Lei √® una donna razionale e avventurosa, ama chiedere le cose¬† e il perch√© delle cose, lui √® pi√Ļ posato e scettico verso certe storie che in quegli anni circolano negli U.S., storie di UFO e di Dischi Volanti. Betty ha una sorella che asserisce di averne visto uno un giorno. La macchina ha imbroccato la Statale 3 ¬†da tempo, e Betty ha l ‚Äėimpressione che qualcosa ci sia di strano o di ¬†interessante nel cielo quasi stellato. Qualcosa che si muove. Una stella, un satellite, non √® molto che USA e URSS ne ¬†hanno mandati in orbita terrestre. C‚Äô√® un terzo nella macchina, √® Darsey, un bellissimo cane nero, il cane degli Hill. La luce sembra avvicinarsi velocemente. Ora √® Barney ad osservarla. Si, sar√† un aereo, un Piper Club o anche un elicottero. La macchina continua per la sua strada, ma la luce stranamente sembra seguirli e avvicinarsi sempre pi√Ļ alle montagne. Betty comincia ad esserne ¬†interessata e un po‚Äô impaurita, ma Barney mostra il suo sangue freddo. ¬†La macchina continua la sua corsa e la cosa non sembra mollarli, adesso √® pi√Ļ vicina e quasi sopra di loro. Betty scherza sui Dischi¬† Volanti, ma Barney sorride scettico,continua a pensare che si tratti o di un aereo o di un elicottero. Giunto ad un certo punto la cosa non sembra pi√Ļ un aereo convenzionale, n√® un elicottero convenzionale, √® qualcosa d‚Äôaltro di sicuro. Ormai √® vicino fra gli ¬†alberi e le montagne. E‚Äô qualche cosa di rosso luminoso e sembra avere ¬†degli obl√≤. Ora anche Barney √® incuriosito, ferma la macchina e prende un binocolo. Scende e cerca di guardarlo a distanza ravvicinata. Ma la cosa comincia ¬†a muoversi. Barney ¬†√® preoccupato. Rientra in macchia ¬†dove c‚Äô√® Betty in parte eccitata, in parte preoccupata e in parte incuriosita, ¬†e ripartono a grande velocit√† . L‚Äô ¬†oggetto continua a non mollarli. Ora √® chiaro che lass√Ļ c‚Äô√® qualcuno che ce l‚Äô ha ¬†con loro. L‚Äô auto fila veloce, ma poi Barney ¬†non si sa perch√© imbrocca una strada secondaria e sterrata nella notte. C‚Äô√® una forte luce da quelle parti, sembra la luna. Barney ferma e scende di nuovo con il binocolo, perch√© la cosa ora sembra molto vicina. Ma assieme al binocolo prende anche una pistola. Comincia ad avere paura. Si avvicina per vedere meglio quello che sta succedendo. Ora la cosa √® quasi ferma nel bosco, forse in una radura, c‚Äô√® una intensa luce che proviene dall‚Äô oggetto, sembra rotondo con attorno delle fila di obl√≤. Barney li osserva bene al binocolo, mentre Betty dalla macchina non gli stacca gli ¬†occhi da addosso ¬†e ogni tanto grida Flying ¬†Saucers! Barney ha il tempo di vedere che sotto l‚Äô oggetto intensamente illuminato ci sono degli esserci, dapprima sembrano degli uomini di piccola statura, ma poi si accorge che si muovono in maniera strana, , come se fossero dei soldatini rigidi e decisi. Barney torna di corsa alla macchina. Entrano velocemente, mette in moto e si allontana rapidamente, mentre quelli sembrano essere giunti vicinissimi all‚Äô auto, quasi a toccarla. L‚Äô auto riparte e via via si allontana. Barney √® preoccupato ed ha perso il suo sangue freddo, Betty √® anch‚Äôessa preoccupata, ma continua a parlare di Dischi Volanti. L‚Äô auto ha dei sobbalzi, dei rinculi¬† strani. A Betty gli sembra di sentire un bip insistente, forse proviene dalla radio. In ogni caso sta accadendo qualcosa. L‚Äô oggetto continua a non mollarli anche se l‚Äô auto si √® re immessa nella Statale a tutto gas. Poi accade qualcosa. Qualcosa che nessuno dei due ricorda. L‚Äô auto continua la sua corsa o si √® fermata? Non si sa. Fatto sta che sono trascorse delle ore, ma nessuno dei due ha la sensazione che sia trascorso tanto tempo. ¬†L‚Äô auto ora si trova a 60 chilometri dal posto dove si √® fermata l‚Äô ultima volta, ma n√© Barney, n√© Betty sanno spiegarsi come siano finiti l√¨! L‚Äô oggetto sembra scomparso ma l‚Äô auto ha ancora dei sobbalzi e quello strano bip continua a martellare gli Hill. Barney ora sembra tranquillo e guida l‚Äô auto verso casa, Betty forse √® quella che sembra avere ¬†risentito di pi√Ļ il trauma, continua a parlare di Dischi Volanti e Barney continua a sorridergli incredulo. E infine giungono a Portsmouth, nel grazioso cottage degli ¬†Hill. Sembra un episodio di Ai Confini della Realt√†, The Twilight Zone, ¬†una serie televisiva americana che in quegli anni conobbe un grande successo, ma non √® cos√¨ come vedremo perch√© la strana storia dei coniugi Hill sembra sia accaduta realmente, √® quello che cercheranno di stabilire parecchie persone impegnate non solo nella ricerca ufologica, ma anche nel campo medico e psichiatrico.

Un‚Äô osservazione ¬†che mi piace mettere a conclusione di questa prima parte, √® che Betty Hill ¬†¬†√® la vera protagonista di questa strana ¬†storia, ed √® quella che √® rimasta pi√Ļ a lungo sulla Terra ¬†per raccontarla, √® come si dice nelle fiction, ¬†il personaggio attivo, colei che discute e discetta con gli Alieni e con il loro presunto ¬†Capo, mentre Barney sembra il personaggio che subisce la storia, che ne soffre di pi√Ļ e che forse lo porter√† alla morte, qualche anno dopo. Grazie.

Fine della prima parte……………………….

 

 Pict0058

Rapiti dal Cielo2

UFO , Psicanalisi ed X Files

Barney e Betty Hill

by

Salvo Gagliardo

 

L‚Äô avventura di quella notte¬† dovrebbe essere dimenticata facilmente, o rimossa come una forma di allucinazione, ma¬† invece le cose per gli Hill, cominciarono ad andare diversamente in un crescendo di climax che li porter√† tutti e due nel lettino dello psichiatra Benjamin Simon di Boston. Quella che¬† ha cominciato¬† ad avere strani comportamenti √® stata Betty. Dopo avere fatto una relazione dettagliata alla U,S. Air Force da buona patriota, relazione che in parte √® finita sui tavoli della Commissione di Inchiesta Governativa sugli UFO. il Project Blue¬† Book, la donna ha cominciato a nutrire un forte interessamento per i Dischi Volanti, leggendo quanto¬† √® riuscita a trovare sull‚Äô argomento¬† e entrando in contatto con il maggiore a riposo dei Marines Donald Keyoe,nonch√© scrittore di storie fantastiche per i pulp d‚Äô America, e¬† che nel 1950 aveva pubblicato un libro molto fortunato, I Dischi Volanti Sono Reali. Poi sono cominciati i brutti sogni, gli incubi ricorrenti. Ma dopo qualche mese quello che ne ha risentito di pi√Ļ sembra essere stato Barney. La sua salute da quella notte ha cominciato a peggiorare. Oltre ai disturbi della sfera del sogno e del sonno, Barney cominci√≤ ad accusare disturbi psicosomatici di una certa gravit√† che lo costrinsero¬† a rivolgersi ad un medico. Il medico di famiglia ascolt√≤ lui e poi ascolt√≤ Betty e infine li orient√≤ verso uno psichiatra di Boston, il dottor Simon, che nelle sue cure ricorreva all‚Äô ipnosi e all‚Äô¬† ipnosi regressiva per individuare l‚Äô origine della malattia. Intanto ¬†in casa Hill fa la sua comparsa Walter¬† Webb, un giovane che si interessa da tempo di UFO e che √® legato al maggiore Keyoe, anzi √® lui a mandarlo dagli Hill, dopo che Betty lo aveva contattato e gli aveva narrato a sommi capi quello che le √® parso fosse successo quella notte, Webb fa molte domande e torna diverse volte dagli Hill. Intanto nel gennaio del 1964 hanno inizio presso il dottor Simon le sedute a base di ipnosi regressiva. Sia Barney che Betty vengono sottoposti al medesimo trattamento. E ci√≤ che salta fuori dai loro ricordi regressi ha qualcosa di inquietante se non di raggelante. Non dimentichiamo che queste sono ¬†le prime testimonianze dettagliate¬† di un abduction, di un rapimento alieno. I tempi di Adamski sono lontani e l‚Äô America sta conoscendo un forte flap ufologico che dura dagli anni cinquanta e dai Dischi Volanti su ¬†Washington D.C. L‚Äô America da tempo ha apprestato delle Commissioni di Inchiesta e dei gruppi di studio sul fenomeno, chiamando scienziati, sociologi, psicologi e esperti militari a collaborare, fra questi c‚Äô√® l‚Äô astrofisico Allen Hynek. Le scene oniriche che Simon tira fuori da Betty e da Barney sono davvero allucinanti. Per la prima volta gli Alieni divengono temibili e mostruosi e realizzano gli incubi degli sceneggiatori di film di fantascienza degli Anni Cinquanta e Sessanta . La leggenda metropolitana o la realt√† dell‚Äô Alieno cattivo e dall‚Äô aspetto mostruoso o repellente, in ogni caso non umano, che si diverte a rapire e a fare esperimenti sugli umani, simile ad un nazista dei Campi di Concentramento, nasce proprio ora, Adamski ci aveva raccontato una meravigliosa favola senza orchi n√© streghe, gli Hills ce ne raccontano un‚Äô altra con orchi e con streghe. I tempi stanno cambiando anche su ¬†ci√≤ che noi pensiamo possa esistere fra le stelle.

Ed ecco quello che sarebbe successo fra le montagne del New England quella notte di aprile. Una forte luce si era avvicinata all‚Äô auto, una luce strana, diversa dalle altre, una intensa luce rotante e pulsante, forse di un¬† colore rosso fiamma. Barney quando aveva esplorato¬† l‚Äô oggetto con il binocolo aveva visto delle creature che lo guardavano dagli obl√≤ disposti in file attorno all‚Äô oggetto.¬† La luce¬† √® l√† ferma in alto sopra gli alberi. ¬†Gli Hill ne sono turbati ed incuriositi. Dove si √® fermata la loro auto modello America¬† anni cinquanta e sessanta non passa nessuno, √® un sentiero sterrato che porta all‚Äô interno, verso¬† una radura, ¬†i boschi e le montagne. Betty ricorda che la macchina si era allontanata a tutta velocit√† mentre qualcuno o qualcosa si stava avvicinando e sembrava minacciosa. Betty dir√† pi√Ļ tardi, degli esseri strani e dagli strani occhi, che si muovevano stranamente, come soldatini o dei robot, in formazione. Erano sette, o nove, o undici. Erano senza caschi,¬† e le loro teste erano assolutamente glabre. C‚Äô√® un gioco di luci provenienti dall‚Äô oggetto e di strane figure in movimento, c‚Äô√® la notte e c‚Äô√® il terrore degli Hill.Sono riusciti ad allontanarsi o la macchina √® stata in qualche modo fermata, catturata? Io amo immaginare che il rapimento sia avvenuto ¬†proprio ¬†l√¨, in quella strada solitaria. Forse √® ¬†intervenuto una sorta di sonno o di tramortimento. Fatto sta che ora gli Hill vengono guidati verso quello che ¬†appare un‚Äô astronave aliena. La storia √®¬† stata ricavata da sogni ricorrenti o incubi e tirata fuori sotto ipnosi dal dottor Benjamin Simon di Boston. Per cui si colora di sogni e di un linguaggio tipicamente onirico. ¬†Che nella realt√† sia accaduto quello che viene narrato forse ha poco importanza,¬† entriamo qui nel mondo degli stati di coscienza alterati, √® questo il fascino della storia! Non si sa mai con certezza se¬† ¬†gli UFO hanno operato materiali rapimenti! Ma tutto avviene in un gioco di sogni e di vaghi risvegli! Se gli Alieni sono capaci di entrare nei nostri sogni e condizionarli, allora siamo davvero di fronte a Creature oltre ogni immaginazione che mettono in crisi ogni nostra certezza del¬† qui e del dove! Il cui potere mentale e tecnologico, ¬†√® di gran lunga superiore al nostro! Una storia di fantascienza hard che si colora di fantasy! Ora Betty √® dentro l‚Äô astronave. Vede attorno a lei quelle strane figure la loro descrizione √® incerta, di certo non sono umani. Hanno¬†¬† strani¬† occhi e strane teste, sono per¬† lo pi√Ļ piccoli di statura, o forse non tutti. Betty ne conta nove o undici e fra questi c‚Äô√® chi ha l‚Äô aria di essere il Capo della spedizione. Questi si esprime in perfetto inglese comprensibile, o forse cos√¨ gli parla telepaticamente! Forse √® nella testa di Betty che quel suono risuona. Viene subito rassicurata. Non c‚Äô√® da temere per la loro incolumit√†. E‚Äô solo un test condotto sugli umani. La stessa rassicurazione viene fatta a Barney che appare pi√Ļ terrorizzato, mentre in¬† Betty¬† assieme¬† al terrore gioca la curiosit√†. Forse¬† lei √® l‚Äô unica ad avere¬† capito l‚Äô importanza del momento. Chiss√† se Dalsey, ¬†il cane degli Hill ne √® stato consapevole!

……fine seconda parte.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved.

 

 

 

 

Gentili visitatori, ho provato a ricostruire  i fatti con ciò che ho trovato in Rete , non so se le cose siano esattamente andate in questo modo, ma anche se no, la storia degli Hill continua ad essere ammantata di mistero. Salvo Gagliardo..

 ©salvogagliardoproduzione.1999-2010. All rights reserved.

  

 

 

 

Pict0037 

UFO Romance

The Roswell Crash(1)

Una Storia possibile

by

Salvo Gagliardo

Gentile  lettore, come scrittore di fantastico mi proverò a qui  a ricreare gli scenari di Roswell 1947,  anche se brevemente, ripromettendomi di arricchirli e complessizzarli in un’ opera futura.Grazie.

Cosa è successo quella notte del 2 luglio 1947 a Roswell, New Mexico? Si era  scatenato uno dei soliti temporali che colpiscono le praterie e le colline erbose di quella regione, I Wilmoth, Dan e la moglie, che avevano  un negozio di  ferramenta, quella sera dal patio della loro casa videro in cielo qualcosa, qualcosa di molto luminoso che stava  attraversando come il fascio di un riflettore le nubi che si erano addensate su Roswell, la cosa sembrava attirare i fulmini che gli si scaricavano sopra con violenza. La cosa era diretta verso Nord Ovest della città, verso le montagne e le colline di Corona e della  piana di Sant Augustin, poi era esplosa fragorosamente con un boato e una fiamma di fuoco,  forse colpita da un fulmine, la si era vista in difficoltà dentro una massa incandescente  nel cielo scuro di pioggia, ma aveva continuato la sua corsa e i Wilmoth  l’ avevano vista sparire all’ orizzonte.

¬†Roswell, che oggi fa circa 50.000 abitanti, ¬†√® una cittadina tranquilla del New Mexico, situata nella Contea di Chaves, che nel passato ¬†ha conosciuto la Guerra Civile e la Guerra con gli Indiani. Zona classica degli Apache. Vi sono praterie erbose e zone desertiche piene di serpenti, dove pascolano mandrie e pecore, colline erbose battute dai venti violenti e spesso da improvvisi acquazzoni e temporali. Il cieli si perdono vista d‚Äô occhio. A nord c‚Äô √® Albuquerque, la citt√† pi√Ļ importante, ¬†Ad Ovest sono i Monti Sacramento ed a Est la pianura del ¬†Pecos. Roswell conserva ¬†ancora oggi forti tradizioni militari, anche se la famosa Walker Air Force Base¬† prestigio della Forza Aerea americana, √® stata chiusa nel 1970 con un¬† forte danno per la cittadina che viveva della presenza militare. Ma l‚Äô intero New ¬†Mexico √® un concentrato ¬†di Basi militari, e ci sono in giro pi√Ļ militari che civili. Oggi Roswell vive turisticamente all‚Äô ombra dell‚Äô ¬†UFO crash del 1947. Una sorta di mecca o di pellegrinaggio per chi spera nel Grande Contatto. Vi √® un famoso Centro Convegni e forse il pi√Ļ prestigioso Museo UFO degli States. La Main Street, la lunga strada che l‚Äô attraversa¬† nota oggi quanto la Quinta Avenue di New York ospita ricordi e rimembranze aliene, e persino la¬† Mc Donald vi ¬†ha costruito uno dei suoi tipici ¬†ristoranti pop , ¬†con la forma di una astronave aliena. E ¬†Roswell √® anche la citt√† natale ¬†della bella Demi Moore!

Ma quel 1947 √® lontano, e ricorda ancora la guerra, e l‚Äô immediato dopoguerra. Sono quasi i panorami del regista Nicholas Rey e di Giovent√Ļ Bruciata, Rebel Without a Cause,¬† con James Dean, e di Johnny¬† Guitar. Il¬† Charleston sta per cedere le armi al Rock and Roll e si prepara ad ¬†andare in soffitta assieme¬† ai film di Fred Astaire ¬†& Ginger ¬†Rogers, e i¬† Juke¬† box stanno invadendo i bar e i luoghi di ritrovo dei giovani, che indossano bue jeans e scarpette di tela¬† da ginnastica, e portano i capelli lustri e¬† impomatati. Sono le scenografie delle ridenti e linde cittadine americane dove i nuovi registi si accingono ad ambientare i loro drammi. ¬†¬†A Roswell vi risiede il 509¬į Bomb Group, la Walker Field Air Base. Un gruppo scelto di avieri che hanno combattuto nel Pacifico ed in ¬†¬†Europa, specializzati nel trasporto della famosa Bomba A., clone¬† di Little Boy e Fat Man, ¬†fatte ¬†esplodere su Hiroshima e Nagasaki. Insomma quella ¬†√® gente che non scherza. La Base la comanda un certo generale Blanchard un uomo sorridente e cordiale, e dipende strettamente e gerarchicamente dal Quartier Generale, Ottava Armata ¬†Air Force, a Forth Worth, in Texas, che in linea d‚Äô aria dista poco, ma ci vogliono molti chilometri per raggiungerla da terra. L‚Äô ufficiale in capo del generale Blanchard ¬†√® il generale George ¬†Ramey responsabile di Forth Worth Base. Quell‚Äô area √® straordinariamente ¬†rigogliosa di Basi Militari. Poco ¬†distante c‚Äô√® ¬†Wight Sands, il famoso Poligono, dove il futuro direttore della Nasa il tedesco von¬† Braun fa¬† volare le V2, accingendosi a spararle sulla Luna. ¬†E oltre il fiume e i monti Sacramento, c‚Äô√® Alamogordo, la zona della ¬†Bomba, ma¬† Los Alamos √® pi√Ļ a nord, oltre Albuquerque e vicino Santa F√®, √® il quartiere generale ¬†della¬† Bomba Atomica. E infine non distante c‚Äô√® Sandia Base, una delle basi militari ¬†pi√Ļ importanti d‚Äô America. ¬†Questo ¬†tipo di scenografia sembra quella giusta per ospitare quello che ¬†sto per narrarvi, la ¬†location ideale, non per una¬† storia di guerra, ma ¬†per il primo Ufo crash della storia degli UFO. Qui i Grigi cominceranno a prefigurarsi ¬†nell‚Äô immaginario pubblico, ¬†anche se ¬†ancora non si chiamano grigi e dovranno passere degli anni per essere chiamati tali.

Il 1947 √® un‚Äô annata d‚Äô oro per ¬†gli UFO e i Dischi Volanti. Qualche settimana prima di Roswell, il pilota privato Kenneth Arnold li aveva consegnati ¬†per sempre alla Stampa e alla Storia e in quei giorni di primo luglio tutte le Basi erano state allertate per l‚Äô avvistamento di numerosi Oggetti Volanti non Identificati nei cieli del New Mexico. Il 4 luglio era prossimo, e ci si preparava ¬†a celebrare la giornata pi√Ļ importante d‚Äô America. Fatto sta che qualcosa accadde prima e dopo, qualcosa di inaudito fino ad allora, qualcosa che consegnava ¬†¬†onore e prestigio all‚Äô ¬†U.S. ¬†Air Force e agli ¬†uomini della Walker Field Base. Infatti il San Francisco Cronicle del 9 luglio usc√¨ ¬†con la notizia bomba che un Disco Volante era precipitato nel ranch ¬†di un contadino a circa 100 chilometri da Roswell, ¬†e che l‚Äô esercito se ne era impossessato. Mentre il ¬†comunicato stampa, a cui la notizia si riferiva, era stato diramato ¬†a tutte le agenzie, ¬†il pomeriggio dell‚Äô 8, ¬†dal tenente della Base Aerea , ¬†Walter Haut, e diceva che il 509¬į Gruppo di Bombardamento dell‚Äô Ottava¬† Armata di base a ¬†Roswell, aveva catturato uno dei famosi e chiacchierati¬†¬† Dischi¬† Volanti. La notizia aveva subito ¬†fatto il giro degli States e del Mondo. Gli uomini della ¬†¬†Walker Field Air Base, era ¬†gente affidabile, con ancora addosso le ferite di guerra. Nessuno avrebbe potuto dubitare di loro. Eppure!

La storia continua……………

 

©salvogagliardoproduzione.2010. All rights reserved.

 

 

Pict0027 

 

UFO Romance

 

Rapiti dal Cielo. Un Ufo fra i Boschi
 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa accadde a Travis Walton ?(1)

by
Salvo Gagliardo
liberamente tratto da un digest del libro Fire in the Sky

  
5 Dicembre 1975. White Mountains Northeastern Arizona. USA. Sette forestali della Apache Sitgreaves National Forest, stanno lavorando in quei boschi di pini e abeti alti diversi metri in una giornata fredda ed invernale. Hanno nomi molto americani, si chiamano Mike Rogers, Allen Dalis , John Goulette , Dwayne Smith..e Travis Walton. Mike √® il capo della compagnia ed ha 28 anni, √® il pi√Ļ anziano. Sono tutti esperti boscaioli che sanno usare la sega elettrica e la fresa, e che fanno a gara a chi sega per primo quei giganteschi tronchi di abete e di pini. Avvolte la gara si trasforma quasi in zuffa, quando qualcuno fa cadere quegli enormi tronchi quasi sui piedi del compagno E quel 5 dicembre del 1975 √® un giorno come gli altri, ne mancano venti a Natale, an american ordinary day, fatto di fatica e di duro lavoro, un giorno che sconvolger√† per sempre la vita di sette uomini del tutto comuni.
Sembra una fiction di Steven Spielberg, una storia di UFO, e sette √® un numero apocalittico, √® il numero della Rivelazione. Tutt‚Äôattorno c‚Äô√® un rumore assordante, sono le seghe elettriche e sono le voci dei sette che si rimbeccano e si spronano a vicenda. E poi il suono fracassante dell‚Äô albero che precipita. Allen Dalis sembra competere ferocemente con Travis Walton. Alla fine la giornata si chiude. Sono le sei del pomeriggio e il sole sta tramontando fra gli abeti e i pini, il sole tramonta prima fra i boschi e le montagne. L√¨ vicino √® posteggiata una Unas International 65, il vecchio camioncino con cui i sette sono giunti. Vi ricaricano le motoseghe, i bidoni con il gas e l‚Äô olio per le macchine e infine prendono posto dentro, il solito, e il camion si allontana nell‚Äô aria fredda del tramonto fra un velo di nebbia che si alza dagli alberi. I sette sono accaldati e tengono aperti i finestrini, fra loro si raccontano barzellette e ridono. Travis Walton respira avidamente l‚Äô aria fredda dei boschi. Ma all‚Äô improvviso il suo occhio √® attratto da una strana luce che barbaglia in lontananza fra gli alberi. Dapprima sembra un incendio, √® intensa, forte. Il camioncino vi si dirige. Gli alberi l√† sono molto fitti, ma la strana luce riesce a perforarli. Gli alberi sono cos√¨ fitti che i loro rami battono sul camioncino. Ora la luce √® pi√Ļ vicina ed √® di un colore giallo oro cos√¨ intenso da incuriosire. Qualcuno ipotizza che si tratta di un aereo fracassatosi sugli alberi ed in fiamme. Ma presto la cosa appare in tutta la sua stranezza, assurdit√† e sublime meraviglia. Il furgone sbanda e va verso il terriccio sterrato e qualcuno dentro grida-Mio Dio, un Disco Volante! Flying Saucers! E infatti, sospeso sugli alberi quasi nella sera sta proprio un oggetto molto strano e grande, e a forma di Disco, due piatti uniti con sopra una cupoletta, ma √® cos√¨ grande e luminoso da destare meraviglia e terrore. Un gigantesco disco tutto d‚Äôoro cos√¨ grande da togliere il fiato ai poveri boscaioli e da mettergli paura. Se ne sta quasi immobile, sospeso in aria, in un freddo glaciale, avvolto da una leggera nebbia che appare quasi fosforescente. Tutti si sono azzittiti davanti a quella improvvisa enormit√† che resta anch‚Äôessa muta, inerte, morta, mandando barbagli infuocati dalla superficie liscia che sembra metallica. E‚Äô un momento agghiacciante e sublime. Travis Walton senza dire niente a nessuno decide all‚Äô improvviso di scendere dal camion e di avvicinarsi di pi√Ļ alla cosa. Ha paura che se ne voli via e non vuole perdere l‚Äô occasione di guardare a distanza ravvicinata una cosa come quella. Gli altri sembrano avere pi√Ļ paura che curiosit√† e restano dentro guardando l‚Äô amico allontanarsi nella sera con le mani intasca per il gelo. Sembra una favola da fantascienza, ci sono i boschi e c‚Äô√® il Castello Incantato sospeso in aria dove forse risiedono gli Orchi e le Orchesse. Il Castello √® il Disco Volante sospeso. Il pi√Ļ avventuroso della compagnia si √® quasi portato fin sotto l‚Äô oggetto, mentre gli altri se ne stanno rinserrati nell‚Äô auto. Qualcuno grida a Travis di tornare indietro. Ma Travis √® come inebetito, incantato dalle luci e dall‚Äô astronave sospesa sugli alberi. Dalla cosa non sembra venire alcun suono, alcun segno di vita. No! C‚Äô√® un suono, qualcosa che viene da dentro, ma √® sottile e le orecchie di Travis lo colgono con difficolt√†. Ma poi le cose sembrano cambiare improvvisamente. L‚Äô astronave ora ha dei sussulti, il suono si fa pi√Ļ intenso, Travis sente Mike che gli grida di tornare indietro. Ma √® troppo tardi. Dal fondo del Disco parte un raggio di colore verde e blu che colpisce Travis con violenza. Mike e gli altri esterrefatti e impauriti vedono il proprio compagno sollevato in aria dalla luce che come una saetta ha colpito il giovane e poi lo vedono stramazzare violentemente a terra. E‚Äô a questo punto che Mike Rogers preso dal terrore gira la chiavetta dell‚Äô accensione che gli fa resistenza e lo stesso furgone ha difficolt√† a ripartire e poi attraverso la strada sterrata e i boschi che allungano i rami minacciosi l‚Äô Unas International si allontana velocemente, a 40 chilometri orari, nella sera, fra il freddo e la nebbia, con Mike e gli altri che urlano da dentro e si voltano indietro per vedere se il Disco ha intenzione di seguirli.
la storia ha un seguito…………

 

©salvogagliardoproduzione.2010. All rights reserved.

 

 

 

 

 

 

 

Pict0016

UFO Romance e Hollywood Fiction

UFO e Arte

Whitley Strieber e Steven Spielberg

 

Stranamente il fenomeno UFO non mi sembra sia stato ¬†ampiamente ¬†sfruttato per tutte le sue potenzialit√† da scrittori, registi e sceneggiatori. Come scrittore di letteratura fantastica me ne dispiace,¬† perch√© ho sempre ritenuto il tema molto affascinante, suggestivo e carico di possibili sviluppi narrativi e drammatici e me ne dispiace anche per gli scrittori di Science Fiction , almeno i pi√Ļ grandi, che sembra abbiano ¬†¬†snobbato gli UFO,¬† forse ritenendoli soggetti poco credibili o risibili. Parlo di Asimov ovviamente, e di tanti altri, dei pi√Ļ, a parte qualche eccezione. La nostra Roberta Rambelli, ad esempio,¬† mi sembra abbia prodotto qualcosa, e volendo, l‚Äô intera tematica di Philip Kindred Dick¬† vi fa implicito ¬†riferimento, anche se Dick era troppo sofisticato per accedervi coscientemente. Ma come non parlare del singolare e inimitabile scrittore di racconti ¬†sovrannaturali ed ¬†horror che fu Howard Phillips Lovecraft di Providence, Rhode Island, che a parer mio pu√≤ essere considerato pienamente ¬†un contattista ante litteram!¬† Potrei ancora fare riferimento alle fortunate serie della Tv americana, ¬†The Twilight Zone,¬† X Files ideata da Chris Carter,¬† o ¬†anche Twin Peaks . Ma qui mi soffermo su due esponenti americani del genere fantastico, Whitley Strieber e Steven ¬†Spielberg. Ambedue hanno prodotto, ciascuno a suo modo, delle opere che fanno esplicito riferimento agli FO e alle Visite Aliene. Spielberg si sa come appassionato di ufologia e grande promotore della Ricerca di Intelligenze Extraterrestri, Strieber come testimone diretto ¬†di una abduction, la sua, e come scrittore di romanzi fantastici ed horror. Comincio da quest‚Äô ultimo.

Whitley Strieber √® nato el 1945 a San Antonio, Texas. Di formazione cattolica. Dopo aver fatto il pubblicitario a New York city, ha cominciato a scrivere e a pubblicare romanzi fantastici di genere horror come ‚ÄúWolfen‚ÄĚ e ‚Äú The Hunger‚ÄĚ, sul tema del lupo mannaro e del vampiro, debuttando come scrittore nel 1978. Ha continuato nel genere fantastico spostandosi via via su temi apocalittici e catastrofistici, sul mutamento ambientale e la trasformazione del pianeta e dell‚Äô uomo a opera delle tecnologie e della civilt√†. Nel 2002 √® tornato ai Vampiri e ai lupi mannari con The Last Vampire e Lillit‚Äôs Dream .¬† Ma¬† √® quello che gli sarebbe successo il 26 Dicembre del 1986 che qui mi interessa. E‚Äô il giorno in cui Whitley Strieber ha avuto il suo primo Incontro Ravvicinato con alcune creature che ha chiamato The Visitors. ¬†Da questa terribile esperienza in parte fantastica e in parte reale, Strieber ne ha tratto materia per un romanzo che ha conosciuto un grande successo di vendita, Communion, uscito nel 1987.¬† Uno scrittore di successo che diviene testimone di un Contatto √® davvero singolare nel campo della letteratura. Ma le avventure mentali di uno scrittore spesso mischiano realt√† e sogno in un fantastico mixer che per i pi√Ļ grandi diviene geniale. L‚Äô esperienza del raggio rosa, ad esempio per lo scrittore Phillip K. Dick! O il¬† Necronomicon per Howard Phillips Lovecraft! Di questo Contatto avvenuto a Natale, e che ha anche coinvolto il figlio e la moglie, Strieber ne rester√† per sempre segnato. Communion √® una sorta di diario di un‚Äô avventura off limits verso la propria interiorit√† e verso il Cosmo. Nel 1989 assieme al regista franco australiano Philippe Mora realizza anche un film che avr√† lo stesso successo del libro, e che verr√† interpretato nella parte di Whitley dall‚Äô attore ¬†Christopher Walken.

Si tratta dell‚Äô esperienza di uno scrittore di fantastico di New York, la cui vita viene ¬†stravolta in un crescendo inesorabile da Presenze strane che si riveleranno in un crescendo¬† intrigante e in un climax intensamente drammatico,¬† ¬†degli Alieni. Il film in certe sue inquadrature risente molto di Incontri Ravvicinati di Spielberg, l‚Äô altro grande capolavoro costruito sul tema degli UFO. Qui come l√¨ √® protagonista un bambino e qui come l√¨ gli Alieni sono anticipati da intense fonti di luci che scendono dal Cielo. Ma la vicenda di Spielberg √® epica e coinvolge la storia degli U.S. e del mondo intero, mentre qui √® vicenda intima, personale, che ¬†riguarda un intellettuale e scrittore di New York in crisi di ispirazione, e l‚Äô UFO non ha la solidit√† indiscutibile che Spielberg gli assegna, √® una storia fatta di sedute dallo psicologo e di ipnosi regressive, di circle time e di lunghi confronti con la moglie. La storia si avvicina di pi√Ļ ¬†qualche racconto di Dick che al nuovo John Ford di Hollywood. ¬†Da allora il Contatto e gli Incontri continueranno a perseguitarlo e a porre interrogativi alla sua mente. Strieber entra cos√¨ ¬†in rapporto ¬†con altri che hanno avuto ¬†la stessa ¬†terribile esperienza del Rapimento,e diverr√† noto negli ambienti artistici per questo, E scriver√† altri romanzi su questo argomento, come¬† Transformation (1988), Breakthrough (1995) e The Secret School (1996). Scriver√† anche una storia sui fatti di Roswell ,Majestic. E un romanzo intitolato The Grays . Diverr√† cos√¨ noto ¬†da essere presente ad una trasmissione del famoso talk show di Larry King, ¬†¬†Larry King Live. Su di lui si sono formate delle leggende come quella che sul set di Communion ci fossero anche Loro, gli¬† Alieni dalla testa triangolata e dai grandi occhi strani. Non √® molto che Strieber ha dichiarato di avere incontrato in un albergo di Toronto una strana figura, una sorta di Maestro Iniziatore. Sono splendide ¬†Gothic Story ¬†le sue, alla maniera di Lovecraft, che meritano ¬†un‚Äô attenzione e uno studio particolare per i simboli che supportano, e Strieber coniuga magnificamente i tormenti di uno scrittore presente al suo tempo e ¬†di ¬†uomo in crisi e le strane figure venute dallo Spazio, o dal profondo del suo inconscio, o da una dimensione interiore che ancora noi ¬†sconosciamo e che si sposa ¬†magnificamente e occultamente ¬†¬†con i Viaggiatori Stellari, in un climax apocalittico¬† di trasformazioni, di metamorfosi e di mistero che dovrebbero attendere l‚Äô uomo. Di sicuro Communion √® la movie pi√Ļ interessante e pi√Ļ credibile ¬†fino ad ora prodotta sul tema delle Abductions.

continua……………

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved.

 

Pict0019

 

 

La  Stella che ci ha fatto nascere

Il Sole

dedicato alla NASA

by

Salvo Gagliardo

 

 

Ogni Alieno che dovesse abitare¬† ¬†nel nostro¬† Sistema Solare, ma che non gli appartenesse, dovrebbe fare i conti con la nostra Stella. Ogni Essere Vivente e Ogni Vita¬† che dovesse trovarsi nel Nostro Sistema Solare avrebbe con noi, abitanti del Pianeta Terra, molto in comune. Questo appare una legge abbastanza semplice e intuitiva , e da questa potremmo ricavare, almeno in modo speculativo, la consapevolezza di far parte¬† di un unico sistema Stellare, unico in tutto l‚Äô Universo e non ripetibile mai pi√Ļ, il nostro. Nessuna creatura Organica potrebbe sopravvivere in una stella diversa dalla sua se non¬† attraverso varie forme di adattamento in rapporto alla sua ¬†evoluzione.

Sembrano considerazioni ovvie, ma non lo sono se pensiamo alle enormi ¬†conseguenze e agli effetti generali ¬†che esse ¬†scatenano. Tutti ¬†i nostri sogni di strani ¬†Alieni in visita da noi verrebbero meno o sarebbero ridimensionati e corretti, mentre aumenterebbero in modo esponenziale ¬†le probabilit√† di trovare altra vita nel nostro Sistema Stellare, vita che, anche se diversa dalla nostra, con la nostra condividerebbe l‚Äô energia del Sole. Da secoli gli Astronomi della Terra l‚Äô hanno studiata, classificata e sistemata entro coordinate universali, √® una stella media, bianco gialla, di quasi normale comportamento, non cos√¨ grande da far prevedere una prossima estinzione, ma destinata a bruciare a lungo il suo idrogeno, sebbene anch‚Äôessa come tutte le altre dovr√† un giorno espandersi e avviarsi ad un destino di stella nana , di supernova, o di buco nero. Eppure questa piccola stella che dovrebbe essere abbastanza diffusa nel nostro sistema Galattico, collocata in un braccio periferico della Galassia, ha qualcosa di peculiare e di proprio. La prima √® quella che mantiene in vita tutti noi, e manterrebbe in vita tutti gli esseri di tutti i pianeti se ce ne fossero, la seconda √® che √® una stella unica, singola, attorno a noi nel raggio di parecchi anni luce troviamo solo stelle doppie e triple. La terza √® che non √® una stella cos√¨¬† tranquilla come appare. Va incontro a improvvise turbolenze i cui ¬†effetti dilagano in tutto il ¬†Sistema Solare, ad esempio da un po‚Äô siamo entrati in una di queste intense attivit√† chiamate brillamenti o fares. Che cosa tutto questo comporti per la vita e per la Terra non sappiamo con precisione, e la nostra scienza √® abbastanza lenta, ha i riflessi pesanti e ritardati, ¬†per cogliere le immense conseguenze di fatti come questi. Si sa ad esempio che durante le attivit√† del Sole gli astronauti impegnati in attivit√† nello Spazio sono in stato di allerta e nel futuro i coloni¬† che andranno ad¬† abitare la nostra¬† Luna o¬† ¬†Marte dovranno fare i conti con queste¬†¬† ciclicit√† o anche con le sue improvvise e imprevedibili impennate. C‚Äô√® chi si √® anche¬† chiesto se la Storia del nostro pianeta¬† carico di guerre improvvise non sia in qualche modo legato a queste ciclicit√† solari, ai ritmi del Sole e alle sue singolarit√†. E‚Äô possibile! I venti solari estromessi dalla stella, viaggiano veloci e come tempeste scuotono pianeti e satelliti. E‚Äôchiaro che sono queste immagini poetiche che in realt√† racchiudono forze inimmaginabili e quasi incontrollabili. C‚Äô√® anche ¬†chi ¬†ascolta nei nostri Centri Radioastronomici il suo respiro, il canto o i suono¬† di una stella. E‚Äôaffascinate e ci sono musicisti che hanno iniziato a comporre le loro musiche su questi suoni. Ci sono appassionati di Ufologia come lord Desmond Morris, l‚Äô amico di George Adamski, che riteneva che gli UFO dovessero tenere conto di questo suono sottile, e nel‚Äô antico Egitto i Faraoni credevano che all‚Äô alba una certa pietra emettesse strani suoni se colpita dai raggi del sole. In Egitto il Sole era assimilato ad un Essere Vivente. Aton lo chiamavano, il Disco Solare,e tutto ci√≤ che vi faceva riferimento doveva contenere la sua misteriosa energia vibrante. Ma quelle¬† erano altre Ere e altra Scienza!¬† Noi uomini comuni del XXI secolo ¬†diamo per scontate ¬†troppe cose, anche ¬†che la vita ha origine dalla ¬†nostra stella, ma non ne cogliamo la forza dell‚Äô Idea, le sue potenti e mirabili conseguenze ! Faust nel XVI secolo, ¬†nel suo Laboratorio alchemico ricostruitogli letterariamente da Wolfgang¬† Goethe era di diverso avviso! Un giorno le nostre astronavi viaggeranno per il Sistema Solare con l‚Äô energia di questa stella, e enormi accumulatori di energia cosmica si troveranno diffusi da Mercurio ¬†fino¬† a Saturno e distribuiranno energia solare a tutto ll ¬†Sistema. Un vecchio sogno che forse si realizzer√†. Se noi riuscissimo a cogliere le pi√Ļ sottili vibrazioni e suoni del Sole vedremmo che esse sono ¬†uniche in tutto l‚Äô Universo e che da esse deriva la sopravvivenza di tutto il Sistema Solare.

Io sono convinto che un  filo unico unisce tutta la vita del Sistema Solare, sono sicuro che se troveremo vita su Marte essa non differirà di moltissimo da quella della Terra, ma che  in ogni caso sarà diversa! Niente c’è di eguale in tutto l’ Universo naturale figlio del Tempo e delle sue leggi imperscrutabili,  e se la vita dovesse estinguersi sulla Terra e poi reimpiantarsi essa sarebbe molto diversa da quella che è oggi, ma malgrado ciò essa avrebbe in comune la nostra Stella, il Sole! Le sue emissioni non sono diverse per un abitante di Mercurio o per un abitante di Plutone!  Questa gigantesca fornace atomica fornisce energia e  vita da milioni e miliardi di anni a tutti noi, e in modo generoso se non dispendioso! C’era il Sole quando le prime Galassie si sono formate sparate dal gigantesco big bang delle origini? Quindici, venti, venticinque miliardi di anni fa? No! Sembra che non ci fosse! E’ una stella piuttosto giovane, forse nata da un precedente  Sistema collassato  circa cinque miliardi di anni fa! Cifre che  fanno girare la testa! Siamo creature piuttosto recenti  in un Universo alquanto vecchio! Questo è quello che risulta dai calcoli e dalle osservazioni.  Una stella così piccola brucia lentamente il suo combustibile permettendo alla vita di nascere e svilupparsi. E fin quando resteremo vicino ad essa questa ci apparirà unica e nostra, ma quando la lasceremo allora essa si perderà fra le altre stelle e noi dovremo continuare  la nostra evoluzione su altre stelle e pianeti, adattandoci e trasformandoci secondo le leggi che regolano la vita in tutto l’ Universo, e allora sentiremo di essere  diventati figli del Cosmo infinito e per chi ci crede, Figli di Dio. Grazie.  Salvo Gagliardo.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights reserved.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se ci√≤ che avete letto ha sucitato il vostro interesse e la vostra curiosit√†. potete continuare ad esploarare il sito o anche cercare un contatto con Salvo Gagliardo attraverso il sito <<fanastikalbi.it>>, o anche lasciare un <<commento>> nell’ apposita scheda sotto. Grazie e buon prosieguo.

 

 

 

 

 

  

  

 

 

 

 

 

 

Uomini venuti dal Futuro & Visionari

sabato, 23 gennaio 2010

 

image001

 

Nikola Tesla.1

L’ Uomo venuto dal Futuro

Signore dell’ Energia e della Luce , Mago & Scienziato Pazzo

by Salvo Gagliardo

 

Pict0016 

 

¬†Se Albert Einstein fu il mistico della Luce , Nikola Tesla ne fu di certo¬† il tecnico e l‚Äô ingegniere. Sia Einstein che Tesla, venivano¬† misteriosamente dal Futuro. Nikolas T. serbo di nascita,¬†¬† fu di sicuro in tutta la sua vita,¬†¬†¬† un visionario. I suoi sensi erano ipersensibili oltre la media, sapeva vedere al buio¬† come un pipistrello, sapeva sentire¬† a pelle. Aveva dei ricettori potenziati fin dall‚Äô infanzia e sapeva ad occhi chiusi immaginare¬† i pi√Ļ complessi meccanismi di una macchina elettrica. Nella vita fu un uomo raffinato, molto cortese con le donne¬† e sensibile. Amante dell‚Äô arte e della letteratura.¬† Rest√≤ single o scapolo per tutta la vita, sebbene fosse onorato e corteggiato¬† dalle pi√Ļ belle donne di Europa e d‚Äô America. Fu un uomo molto superstizioso, credeva nella magia occulta dei numeri e in molte altre cose¬† ancora,che penseremmo¬† aliene ad una scienziato del suo calibro. Ma pensava anche¬† che l‚Äô Universo e il Sole¬† fossero Entit√† Vive! Mor√¨ in una oscura camera di albergo a New York, povero¬† e quasi sconosciuto nel 1943. Ma ¬†al¬†¬† suo funerale furono presenti i grandi della Terra, e coloro che ebbero stima del suo lavoro anche se in vita lo osteggiarono ferocemente. Insomma era morto un Grande.

Tesla nacque¬† in un villaggio serbocroato, nel 1856,suddito e cittadino asburgico¬† di Francesco Giuseppe d‚Äô Austria, figlio di genitori profondamente religiosi,e di fede¬† ortodossa. Studi√≤ a Praga, la sua memoria prodigiosa¬† era in¬† grado di memorizzare decine di libri e centinaia di pagine. Dalla madre aveva ereditato una straordinaria disposizione alla creativit√† e alla invenzione. Ma delle¬† strane facolt√†, per cos√¨ dire mistiche, ¬†lo accompagnarono sempre, ossia, un improvviso intuito per i problemi e per le cose complesse, una improvvisa illuminazione e un rapido e quasi soprannaturale¬†¬† cambiamento di punto di vista, che¬†¬† gli permettevano di affrontare e risolvere problemi molto complessi. E sono¬† queste le cose che fanno il¬† genio. Lavor√≤ dapprima a Budapest e poi a Parigi come ingegniere elettrico. Progett√≤ altoparlanti e telefoni. E nel¬† 1884 emigr√≤ negli USA, imbarcandosi a Budapest,¬† con una lettera di presentazione per Thomas Alva Edison, un vero¬† americano doc, e con diversi¬† appunti sulla costruzione di una strana e straordinaria¬† macchina volante. Il resto gli fu rubato¬† sulla nave e giunto a New York si trov√≤ senza un dollaro in tasca;¬† sembra di leggere il primo capitolo di¬† Amerika di F. Kafka. Ma solo nel 1891 divenne cittadino americano. New York era ancora indietro coi¬†¬† tempi, caotica e multietnica lo aveva scioccato parecchio. Ma l‚Äô America restava¬† il Paese della meccanica e della automobili, oltre che degli affari, e subito¬† il giovane ingegniere Nikolas¬† Tesla trov√≤ un lavoro come riparatore di una macchina elettrica, che gli permise di consumare¬† un pasto onorevole in un ristorante del posto. Infine giunse¬† negli Uffici di Thomas Alva Edison. Tesla, raffinato e colto, parlava con scioltezza¬† un buon numero di lingue, amava l‚Äô arte e la letteratura, incontr√≤¬† l‚Äô America rude, difficile e spietata negli affari. Edison ne era l‚Äô incarnazione. Truffato¬† da Edison stesso, Tesla dovette trovarsi un altro lavoro, arrangiandosi. Fond√≤ una Societ√†, e continu√≤ ad occuparsi di¬† corrente alternata. Progett√≤ la Bobina Tesla e entr√≤ negli Uffici della Westinghouse, a Pittsburgh. Cominci√≤ a lavorare ai Raggi X¬†¬† prima di Roentgen. Nel¬† 1895 il suo Laboratorio and√≤ a fuoco assieme a delle carte e a degli appunti preziosi. Si trasfer√¨ a Manhattan, New York, nella famosa Fifth Avenue. I suoi interessi erano molteplici e diretti in varie direzioni, amava l‚Äô arte,¬† la buona letteratura e la poesia, aveva conservato la passione per le letture religiose ereditata dai genitori e leggeva volentieri i Libri Vedici dell‚Äô India Antica. Riconoscimenti e successi come genio¬† della Elettricit√† cominciavano a fioccare. E la sua guerra con Edison si faceva sempre pi√Ļ cruenta. Elabor√≤ una teoria sui Raggi Cosmici, e cominci√≤ a lavorare per la Difesa, progettando sottomarini e missili teleguidati. I suoi interessi si spinsero alla Robotica anticipando cos√¨ le Intelligenze Artificiali. A Manhattan condusse esperimenti sulle onde radio. La vita di quest‚Äô uomo straordinario che forse trova un parallelo scientifico in Albert Einstein, fu piena di azioni giudiziarie a sua favore e a suo sfavore per i diversi diritti di propriet√† delle invenzioni. Ebbe lunghe contese con il suo rivale Edison, ma anche con l‚Äô Italiano Marconi. Cosa¬† che mise le sue finanze sempre a rischio e lo costrinse pi√Ļ volte a smantellare i suoi laboratori di ricerca. Inoltre essendo un uomo di gusto e distinto, amava sostare nei grandi Alberghi del Paese, come il Waldorf Astoria a New York. E‚Äô strano che n√© Tesla n√© il suo rivale Edison ebbero mai un Nobel sebbene ne avessero le nomination. Come Einstein, Tesla lavor√≤ alla Teoria dei Campi unificati ma come¬† Einstein¬† non riusc√¨ mai a definirla, essendosi occupato per tutta la vita di elettromagnetismo e gravitazione. Naturalmente a differenza di Einstein, Tesla era un ingegniere ed un tecnico e le sue teorie si trasformavano in macchine ed applicazioni, questo fa di lui un uomo molto cercato dalla Difesa Militare, ma anche sospetto alle Intelligence del Paese. Siamo in tempi particolari, in Europa c‚Äô√® stata una¬† guerra che ha¬† prodotto nazismo e comunismo. E se ne stava preparando un‚Äô altra. Tesla¬† era un personaggio¬†¬† troppo eccentrico e bizzarro per essere ritenuto affidabile e il suo patriottismo non appariva del tutto¬† limpido. Tesla sapeva troppo sui¬† Meccanismi dell‚Äô Universo. Se fosse vissuto molto pi√Ļ a lungo forse avrebbe trovato il modo di imbrigliare l‚Äô energia della nostra stella per¬† spostare pianeti e satelliti. La sua ecletticit√† lo assimilava a¬† Leonardo,¬† e come lui, Tesla fu responsabile di diversi progetti ed¬† armi di distruzione di massa,¬† pi√Ļ o meno riconosciute, come il raggio della morte o certe armi elettriche che se applicate avrebbero incenerito un intero grattacielo. O armi a microonde che forse oggi la Difesa Americana¬† ha cominciato ad usare.¬† Tesla conosceva, anche se¬† ancora in parte, il modo di imbrigliare l‚Äô Energia del Creato, lo stesso si pu√≤ dire di Einstein circa l‚Äô atomo.

Cominci√≤¬† presto a soffrire di disturbi nervosi e di manie depressive, era ossessionato dal numero 3 e avvolte non usciva di casa temendo qualche catastrofe annunziata. Il suo lato mistico cominciava a farsi sentire. Questo lo metteva con gli altri¬† sempre pi√Ļ¬† in cattiva luce. E dava sostanza al mito e alla leggenda di un Tesla bizzarro e pazzoide.

Nel 1899 erano sorti i laboratori di Colorado Springs. E‚Äô con questo monumento all‚Äô esperimento scientifico off limits che Tesla¬† assume la veste di Scienziato Pazzo dei fumetti e dei pulp di fantascienza. Come un pi√Ļ moderno¬† Merlino, la sua Torre¬† veniva bombardata da fulmini ad altissima tensione e ramature di elettricit√† si sprigionavano dalle sue mura. Da qui il Mago catturava i fulmini e mandava onde elettromagnetiche nelle profondit√† della Terra E da .qui¬† Tesla cominci√≤ a contattare i Marziani.¬† Tesla credeva che l‚Äô Universo fosse pieno di vita e di Civilt√† Aliene. Un Houdin√¨ fra gli scienziati? E se lo Scienziato Pazzo avesse fallito? Forse alcuni se lo chiesero e ne ebbero paura, un mago che fallisce nei suoi esperimenti √® davvero pericoloso. Ma Tesla pensava alla grande e senza alcun egoismo, riteneva¬† che i risultati delle sue invenzioni e ricerche dovessero giovare a tutto il genere umano e non pensava di¬† creare dei¬† Lex¬† Luthor malvagi che avrebbero incenerito¬† la Terra! Eppure in quei giorni di guerra e di dopoguerra,¬† un Lex Luthor si stava affacciando nella storia del mondo! Tesla cap√¨¬† che l‚Äô elettricit√† era una potenza infinita e non ancora del tutto scoperta, come Einstein aveva¬† intuito e capito¬† le potenzialit√† dell‚Äô atomo. Sono note le Sfere di Luce o fulmini globulari creati a Colorado Springs da questo¬† Mago & Signore dei Globi. Ancora non si parlava di foo fighter ! La natura √® piena di misteri e niente esclude che le prime forme¬† di Intelligenza Aliena fossero proprio queste Blue Ball ! E‚Äô fantastico pensarlo!¬† Oggi nessuno immagina¬† che i Globi che sembrano ¬†di casa nel nostro pianeta, possono essere Intelligenze antichissime venute dalle profondit√† del Cosmo e del Tempo!¬† Quelle Intelligenze che noi cerchiamo negli Spazi Cosmici!Angeli a forma di Sfere? Abbiamo ancora idee troppo ristrette e provinciali! Ma sono uomini come Tesla, o come diversi altri che potrebbero aiutarci ad attraversare la soglia del nostro gretto antropocentrismo, residuo di un terra centrismo ormai superato e ad aprirci¬† la strada verso un¬† Universo Infinito e del tutto imprevedibile, come¬† in ¬†Alice nel paese delle Meraviglie!

Fine  prima parte.

©salvogagliardoproduzione.2010.All rights  reserved.

Pict0017

 

Sussurri dallo Spazio

Una chiamata da Dio

di  Salvo Gagliardo

 

<<Sussurri dallo Spazio>>, è così che ho titolato  una storia di cui ho per ora solo il soggetto e che vuole rifarsi a XFiles di Chris Carter e al vecchio Project Blue Book degli Anni Sessanta, con  qualche memoria  della suggestiva serie televisiva,The Twilight Zone , Ai Confini della Realtà. Da molti anni, il SETI opera dai  grandi Osservatori  della Terra per captare messaggi Intelligenti da altri pianeti e Sistemi Stellari, ma pochi forse sanno che l’ idea del SETI era già presente agli inizi del secolo XX e alla fine del secolo XIX.

Alla fine dell‚Äô Ottocento l‚Äô astronomo e scienziato Percival Lowell ci don√≤ un sogno, quello di fantastiche citt√† aliene sul Pianeta Marte. Nel 1899, a Colorado Springs, Nikola¬† Tesla, <<The Electric Man>>, l‚Äô uomo dei fulmini e dell‚Äô elettricit√†, lo scienziato che avrebbe illuminato l‚Äô intero pianeta, e avrebbe dato all‚Äô uomo l‚Äô elettricit√† libera,¬† mise il suo Laboratorio, degno di un nuovo Zeus Fulminante, al servizio per cos√¨ dire dei Marziani, convinto che i nostri ipotetici vicini ci stessero comunicando le loro cose o¬† che stessero cercando un contatto. Tesla oggi √® molto noto, e non sto qui a farne¬† un profilo biografico, a lui √® dovuto il Sistema della Corrente alternata oggi usato ovunque. Modello di Scienziato Pazzo della fantascienza, uomo sicuramente¬† geniale e eccentrico per certi versi, uomo venuto dal Futuro e che sogn√≤ il futuro,convinse l‚Äô America che lui sarebbe stato in grado di parlare con i Marziani. L‚Äô ingegniere¬† serbocroato continu√≤ a cercare un contatto fino agli ultimi anni della sua vita, ed √® davvero l‚Äô ironia della sorte che questo genio dell‚Äô elettricit√† morisse povero e dimenticato in un albergo di New York! Molto ci sarebbe da raccontare sul pensiero spinto ai confini dell‚Äô Universo e fra l‚Äô energia di stelle e Galassie, di questo straordinario visitatore alieno del nostro pianeta, ma come molti viaggiatori dal Futuro, fu un uomo amato e odiato, e profondamente avversato, ma¬† alla sua morte i Signori della Terra gli resero omaggio, mentre l‚Äô Intelligence degli Stati Uniti veniva in possesso dei suoi preziosismi taccuini ed appunti. Se oggi l‚Äô ingegniere Tesla fosse ancora fra noi sarebbe di grande aiuto nella ricerca di << Tecnologie UFO>>, sempre che lo volesse! Sul suo cammino negli Anni Venti¬† si mette anche il nostro Guglielmo Marconi, convinto¬† che √® possibile estendere fino a Marte il nostro ascolto, e sembra che tra il 1899 e gli anni Novecento di strani segnali le prime radio ne ricevessero parecchi. E veniamo al 21 agosto del 1924, data storica. Marte √® vicino alla Terra, questa¬† finestra √® l‚Äô ideale per realizzare i sogni di Marconi e di Tesla. Gli Astronomi americani e d‚Äô Europa sono eccitati. Il famoso messaggio marziano di cui tanto si parla, potrebbe arrivare, e forse potremmo anche fotografare le loro meravigliose citt√†,¬† quelle¬† di¬† Percival Lowell. Se ne occupa l‚Äô americano di Washington, Francis Jenkins,¬† un fantastico costruttore di macchine fantastiche. Il governo americano invita l‚Äôintero¬† pianeta a fare silenzio per favorire la cattura di segnali e immagini provenienti dal pianeta rosso. Tutto √® pronto. E i segnali arrivano. Ne parla¬† entusiasta la Stampa¬† di tutto il mondo. Per la prima volta si cerca di trasformare i segnali elettromagnetici in immagini, si anticipa cos√¨¬† il SETI e la ricerca di Intelligenze Extraterrestri. Sembra che risultino allo sviluppo della pellicola dei Volti, della facce,¬† la fantarcheologia marziana √® appena cominciata. E giungiamo¬† al 1928. L‚Äô idea che qualcuno ci sta chiamando da qualche parte del Cosmo non √® tramontata. Stavolta √® il norvegese Carl Stormer a catturare degli strani segnali che si scoprono essere¬†¬† stati¬† inviati dai Laboratori Philips di Eindhoven, Olanda. Qualcuno ci sta¬† rimandando indietro, forse manipolati e criptati, i nostri stessi¬† messaggi elettromagnetici? Si individua la fonte, la ‚Äúcosa‚ÄĚ dovrebbe trovarsi fra Terra e Luna! Siamo gi√† in piena fantascienza, qualche decennio pi√Ļ tardi l‚Äô astrofisico americano Carl Sagan immaginer√† una trama simile per¬† il suo splendido romanzo avveniristico¬† Contact portato sugli schermi dal regista R. Zemeckis. La questione resta sepolta nelle sabbie del tempo, fin quando R.N. Bracewell della Stanford University non la ritira fuori e la ristudia. Bracewell √® convinto che quei segnali di ritorno, manipolati, vogliono indicarci¬† una origine stellare individuata nella Costellazione di Bootes. L‚Äô astronomo scozzese Duncan Lunan ne √® sicuro, si tratta di Epsilon¬† Bootes, una stella doppia a 105 anni luce da Terra. E‚Äô da qui che sarebbe partita la sonda aliena forse 13.000 anni fa. Nel settembre del 1971 presso l‚Äô Osservatorio Astronomico di Byurkan, in Armenia si tiene il primo importante Congresso internazionale sulla Vita Extraterrestre e sulle Intelligenze Extraterrestri. Un meeting storico che vede radunati i migliori cervelli del pianeta, c‚Äô√® Sagan, c‚Äô√® Shklovsky, c‚Äô√® Drake, Ambarzumian. Crick, Dyson e Ginzburg, un cocktail di Premi Nobel. Intanto viene lanciato il primo Seti della storia, il <<Progetto Ozma>>.¬† Oggi nella prima decade del XXI secolo sentiamo che qualcosa pu√≤ accadere, che forse sta per accadere, qualcosa che pu√≤ modificare per sempre la nostra idea dello Spazio e forse di noi stessi. Lo Spazio √® davvero una Regione singolare in cui l‚Äô impossibile pu√≤ diventare possibile. Un saluto. Salvo Gagliardo.

 

©gagliardoproduzione 2010.All rights reserved.

 

 

 

Pict0011 

George Adamski

l’Amico delle Stelle

The Flying Saucers Have Landed!

by Salvo Gagliardo

 

 

George Adamski nasce in un piccolo¬† villaggio della Polonia il 17 aprile del 1891. A due anni i genitori emigrano per gli Stati Uniti, e si trasferiscono a Dunkirk, New York. Poco sappiamo dell‚Äô infanzia di George, di certo dura, quella di un figlio di poveri immigrati polacchi in una regione multietnica come quella di New York. Di sicuro ebbe una educazione scolastica imperfetta e minima, forse ama la strada pi√Ļ che i libri ,e forse comincia a coltivare strani interessi per l‚Äô astronomia e il cielo, d’altronde √® giusto per un connazionale di Keplero, Adamski √® cattolico e lo rester√† anche quando comincer√†¬† a percorrere la via dell‚Äô Oriente e del sincretismo religioso, ma sappiamo anche che Adamski va¬†¬† famoso¬† per la sua abilit√† nei lavori tecnici,¬† artigianali, manuali e di fatica. Buona parte delle sue strane e straordinarie conoscenze le consegu√¨¬† nel tempo¬† da autodidatta. Per farla breve, George¬† dovette arrangiarsi assai presto, per sopravvivere nella grande¬† America di quegli anni. Sappiamo che la sua pronuncia conserv√≤ sempre una forte cadenza straniera, che era molto timido ed impacciato, ma che sapeva anche essere aggressivo e quasi spavaldo e spesso imprevedibile. Da un personaggio simile ci aspetteremmo¬† strane rivelazioni sulla sua infanzia e la sua¬† giovinezza, alcune leggende lo vogliono da piccolo in Tibet, altre narrano che la madre fosse dotata di¬† poteri¬† paranormali, e lo stesso Adamski avvalor√≤ il racconto che nell‚Äô infanzia fu avvicinato da strani e misteriosi¬† personaggi. Di certo pu√≤ essere annoverato fra i visionari dei nostri tempi, chi lo conobbe attribuisce anche a lui poteri extrasensoriali. Lo ritroviamo nel 1913 come soldato del 13¬į cavalleggeri ai confini con il Messico durante la Rivoluzione¬† Messicana di Pancho Villa ed Emiliano Zapata, George ha 22 anni. Nel 1915 ottiene la cittadinanza americana, nel 1917 sposa Mary Shimberski, e nel 1919 si congeda con onore. Lo troviamo come operaio factotum nello Yellowstone Park, carpentiere, muratore, mugnaio,¬† in altre parti dell‚Äô Ovest, il giovane George gi√†¬† rivela straordinarie abilit√† e uno spiccato senso degli affari. Negli Anni Trenta, anni difficili per l‚Äô America e il mondo, anni di depressione e proibizionismo, George √® gi√† famoso per le conferenze che tiene ad alcuni adepti sulle religioni orientali e la reincarnazione. Cominciano a chiamarlo the professor, il professore. Ha gi√† attorno una cerchia di seguaci ed √® nell‚Äô Ovest, in California che Adamski comincia a predicare il suo vangelo cosmico. Lo Stato della California¬† rester√† famoso per avere accolto guru e maestri di pensiero orientale venuti dall‚Äô Asia, si direbbe una zona intensamente spirituale. Forse √® questo che ha sentito George, quando sempre in quegli anni ha dato vita ad un monastero e all‚Äô Ordine Reale del Tibet, The Temple of Royal Tibet, nei pressi di Laguna Beach, dove si pratica e si insegna mistica orientale e buddhista in forte sincretismo con il cattolicesimo, insomma, a teosophy.Ma c‚Äô√® anche qualcosa di interessante. Ossia, che nel Tempio si produce vino in tempi di stretto¬† proibizionismo, Adamski sembra avere un pallino per gli affari, pi√Ļ tardi dir√† di avere¬† fornito vino all‚Äô intera California.Ma presto, le leggi federali sull‚Äô alcool¬† vengono meno, e Adamski √® costretto a lasciare il Tempio.

Sono gli Anni Quaranta, anni di guerra, e troviamo Adamski¬† a Center Valley, San Diego County, a dirigere una comunit√† agricola a sfondo esoterico, e infine a Mount Palomar, contea di San Diego,¬† a 150 chilometri da Los Angeles e all‚Äô incirca lo stesso da San Diego, sulla strada del grande Osservatorio Astronomico, che √® ancora in fase di costruzione. Il suo destino ormai sembra legato per sempre a quello delle stelle. Qui entra in affari con una sua allieva, Alice Wells e qui fonda la sua nuova comunit√† di Palomar Gardens,¬† oltre che un luogo di ristoro fra le montagne, il Caf√®¬† di Palomar Gardens, una sorta di cottage montano, in cui lavora come tuttofare e venditore di hamburger,¬† e accoglie i diversi clienti diretti s√Ļ, all‚Äô Osservatorio. Il nome di Adamski rester√† cos√¨ legato a quello dell‚Äô Osservatorio, da far credere a molti che lui lavorasse per quello. Ed √® qui che ha inizio la storia pubblica del nostro fantastico personaggio. Non sappiamo se ha prestato servizio durante la Seconda Guerra Mondiale, ma √® l‚Äô ottobre del 1946 che porta decisamente Adamski a scrivere i capitoli pi√Ļ importanti del suo romanzo cosmico e dal suo punto di vista, a coronare con successo¬† una intera incarnazione spesa a far conoscere i misteri del cielo. Fra le varie leggende che hanno circondato questo strano polacco americano molto chiacchierato, c‚Äô√® chi, come sir Desmond Leslie che gli fu amico e biografo, vuole che Adamski fosse un mutante.

Fine prima parte.

 

©salvogagliardoproduzione.1999-2010. All rights reserved.

 

 

 

Pict0014

G. Adamski

L’Amico delle Stelle. 2

 

Ottobre 1946, Mount Palomar e Palomar Gardens Caf√®, George Adamski √® bene allocato alle pendici dell‚Äô Hale Observatory. Anche lui ha la sua cupola e il suo telescopio di 15 pollici con cui pu√≤ soddisfare la sua antica passione per l‚Äô osservazione celeste, forse ereditata dal connazionale Copernico. Ma possiede anche un cannocchiale mobile, pi√Ļ duttile, che pu√≤ trasformare agevolmente e in¬† cui pu√≤ istallare le sue macchine fotografiche, √® un 6 pollici dei laboratori Tinsley, un vecchio regalo di un amico e discepolo. La passione per le foto celesti naturalmente viene potenziata dalla solenne presenza del pi√Ļ importante Osservatorio astronomico americano. E da lass√Ļ, fra l‚Äô Oceano e il Continente la vista deve essere magnifica quando non c‚Äô√® nebbia. Ed √® proprio l√¨, che Adamski vede¬† quella sera¬† del 9 ottobre fra lo sciame di meteore che attraversa il cielo stellato, una strana astronave sospesa sopra i cieli¬† di San Diego, somiglia a un sigaro o a un gigantesco dirigibile, forse somiglia ad una di quelle strane astronavi degne della fantasia di¬† Jules Verne che gli americani della Costa dell‚Äô Ovest avevano pi√Ļ volte osservato alla fine del secolo Ottocento. E‚Äô la visione che da tempo aspettava, forse per altri √® qualcosa di incerto e di improbabile, ma per George¬† √® l‚Äô inizio o lo sviluppo di un contatto immaginato¬† da tempo. Nella tipologia di Adamski non esiste la casualit√†, ma tutto √® lo sviluppo di qualcosa, di qualcosa di grande, di profetico, quasi di biblico. E‚Äô il 1947 e la California e altri Stati del‚Äô Ovest sono interessati da quegli strani oggetti che Kenneth Arnold ha battezzato Flying Saucers, Piatti Volanti. Uno di questi forse precipiter√† a Roswell, la storia del contatto di Adamski ha uno sviluppo. George sempre pi√Ļ osserva strane luci e strani oggetti sorvolare i cieli di Palomar Gardens,li osserva e li fotografa, ormai la sua passione si √® trasformata in qualcosa di pi√Ļ importante, ossia nell‚Äô attesa del Contatto sperato e forse sognato. D√† anche una mano ad Alice Wells¬† nel¬† gestire il Caf√® di Palomar Gardens, ed √® qui che comincia ad essere contattato da strani personaggi a met√† militari della Difesa e a met√† tecnici aerospaziali, con loro parla dei Dischi Volanti e parla delle possibili visite di Alieni. Adamski √® gi√† di interesse delle sfere occulte che si nascondono dietro la storia degli UFO. Le fotografie di strani oggetti che attraversano la Terra o la Luna, aumentano e George invia alcune di queste ai giornali e ad altra gente interessata. Diventer√† il primo grande fotoreporter¬†¬† degli UFO. Che le foto siano vere o un abile montaggio ha poco importanza per un uomo simile, sono la proiezione della sua mente e delle sue Visioni. Sono il segno che il Momento X √® prossimo. E‚Äô cos√¨ vicino che il suo cottage viene sempre pi√Ļ visitato da strane persone che come lui cercano il contatto, sembra una storia alla Spielberg. Gli eletti si apprestano all‚Äô Incontro.

E quel giorno giunge. Gli eletti o la piccola cerchia¬† √® costituita dai coniugi Bailey, Alfred & Beth, e dai coniugi Williamson, assidui frequentatori di Palomar Gardens. Il dottor George¬† Hunt Williamson non √® un personaggio di poco conto in questa vicenda,da tempo, come Adamski, cerca dei contatti con gli abitanti delle Stelle e dei Dischi Volanti , servendosi di tecnologie molto avanzate o anche in modo parapsicologico con la vecchia la scrittura automatica. Ma Williamson ha anche qualcosa di inquietante, essendo amico e collaboratore di Dudley Pelley, un personaggio alquanto chiacchierato, autore di un libro abbastanza letto sugli Alieni, ma anche fondatore di una rivista di estrema destra americana. In ogni caso tutti sono convinti che gli¬† Alieni parlano con gli umani telepaticamente, forse George A. ne √® il pi√Ļ convinto, ricevendo da tempo questi messaggi.¬† Adamski ha 61 anni, non √® pi√Ļ giovane, ma ha una grande forza interiore, ha costruito l‚Äô intera sua vita sull‚Äô evento che sta per accadere. La sua mente non segue metodologie logiche molto rigorose, √® un sensitivo e un visionario e decide sul momento quasi per¬† una sorta di ispirazione. Convoca il piccolo gruppo per la mattina del 20 novembre 1952 sulla strada che porta al Desert Center verso l‚Äô Arizona. Lui, Alice Wells e la sua segretaria e amica Lucy Mc Guinness, Adamski ha avuto sempre difficolt√† con l‚Äô inglese, li raggiungono in macchina in una localit√† chiamata Blyte, da qui verso Parker. Adamski continua ad ubbidire come ad una sorta di comando telepatico e guida gli altri verso un vecchio aeroporto¬† e verso un sentiero che porta a delle montagne. Tutto sembra pronto, l‚Äô intera attrezzatura fotografica √® gi√† disposta per l‚Äô Inusuale e per l‚Äô Evento. Sono zone desertiche e in parte vulcaniche, piene di pietriccio¬† e strani arbusti spinosi, forse vi sono anche dei serpenti. Le auto hanno avuto delle difficolt√† a raggiungere quei luoghi impervi. Ma Adamski ormai appare¬† un ispirato, guida con precisione e poi si allontana fra alcune montagne. In cielo compare¬† di nuovo l‚Äô Astronave Madre, il dirigibile o il Grande Sigaro Volante, c‚Äô √® anche un aereo¬† , un B 36, un bombardiere dell‚Äô A. Air Force. Le auto passano sull‚Äô autostrada poco distante, ma nessuno sembra accorgersi di quello che sta per accadere e che segner√† la storia dell‚Äô immaginario collettivo oltre che dei Dischi Volanti.¬† Adamski ha voluto restare solo, gli altri lo osservano a distanza. E infine ecco, nel¬† cielo straordinariamente limpido della California, appare il Ricognitore, il Disco Volante che rester√† per sempre l‚Äô archetipo e l‚Äô Icona per tutti quelli che credono negli UFO. Una navicella rotonda con una cupola che manda riflessi metallici, sembra il giocattolo di un ragazzino, plana in modo quasi misterioso e subito dopo ecco in piedi uno dei suoi occupanti, Alieno o Angelo o proiezione della mente di Adamski, qualcuno ha parlato di alter ego sublimato. E‚Äô Orthon, cos√¨ si fa chiamare e dice di venire da Venere. Lo dice o lo comunica telepaticamente ad Adamski che resta quasi in estasi, come davanti ad un‚Äô antica visione sovrannaturale. Sembra la ritrattistica sacra della vecchia Europa, un Angelo e un uomo, ma stavolta c‚Äô√® il Disco Volante, la navetta dalle tecnologie misteriose e enormemente evolute, con dentro altre creature simili a Orthon che lo salutano. Orthon appare ad Adamski un piccolo essere perfetto, diverso dai futuri Grigi, bello quasi in modo sacro, con i capelli lunghi flessuosi e biondi, e¬† con lo stigma¬† della diversit√† totale, quella diversit√† che impauriva nel passato chi si imbatteva in un Angelo. E‚Äô uomo? E‚Äô donna?. Anche in questo si rispetta una certo clich√© di¬† androginit√† del personaggio. E‚Äô tutto quello che il povero George coglie in quel momento di estrema tensione ed emozione, riesce¬† a fare delle foto che consegna ad Orthon, i due si scambiano idee folgoranti e apocalittiche¬† per il futuro dell‚Äô umanit√† minacciata da un conflitto nucleare, e George¬† si mostra¬† incauto verso il Ricognitore, e toccandolo con il braccio ne viene momentaneamente danneggiato. Tutto √® perfetto, l‚Äô aria tersa di quel deserto sembra essere partecipe di quel momento eccezionale. Pi√Ļ tardi gli altri a breve distanza diranno di avere visto anche loro¬† la Creatura dell‚Äô Spazio, l‚Äô Uomo venuto dall‚Äô altro Mondo. E a testimonianza dell‚Äô Incontro¬† resteranno sulla sabbia le impronte delle strane calzature astronautiche di Orthon con dei segni¬† che somigliano a certi disegni antichi degli Indio Americani. Poi il Ricognitore riprende quota e la Creatura¬† scompare dopo avere salutato cordialmente¬† il suo amico terrestre. Una fiaba moderna affascinate, senza orchi¬† n√© perfidi gnomi, n√© cattivi alieni dalla grande testa e dagli occhi di insetto,¬† una bella¬† fiaba che avr√† un seguito.

Fine seconda parte.

 

©salvogagliardoproduzione.1999-2010. All rights reserved.

 

Fanta

 

G. Adamski

L’Amico delle Stelle. 3

 

 

In quanto al contenuto della conversazione telepatica di Adamski con l‚Äô Uomo venuto dalle Stelle, vi rimando alle belle pagine del libro di lord D. Leslie, pagine che andrebbero lette secondo me da vari punti di vista, ma con molta attenzione, Adamski con parole ha cercato di trasferire un‚Äô esperienza ineffabile e fuori dal comune, leggendo le sue parole entriamo¬† nel suo Universo fantastico e religioso, e oltre un linguaggio semplice e quasi schietto, con molte reticenze come si conviene a chi ha vissuto una epifania di quel tipo, si trovano intrecci di simboli, immagini e informazioni che dovremmo leggere con pi√Ļ attenzione. Avvolte sembrano i diagrammi di un sogno, altri di segni vaghi di informazioni che non potrebbero essere comunicate altrimenti. Una sorta di crittogramma.¬† Sappiamo che George era un oratore impacciato, e che aveva difficolt√† a comunicare il suo mondo e le sue esperienze, che spesso cominciava a balbettare, e impappinarsi, anche questo fa parte del suo profilo. Altre volte era spedito e lesto nella comunicazione e alquanto infervorato. E‚Äô questo uomo¬† che¬† Desmond Leslie, giovane rampollo di una antica aristocrazia irlandese, innamorato di culture alternative ed underground, di musica elettrica, e di testi sacri buddhisti o indiani in cui si parla di Vimana e di antichi Visitatori, e di UFO, scrittore e pilota di aerei,sceneggiatore di film per la televisione inglese,possessore di uno splendido castello in Irlanda e cugino di Wiston Churchill, and√≤ a trovare negli anni Cinquanta a Palomar Gardens.Fu un incontro proficuo e carico di promesse, da cui nacque il fortunato¬† libro I Dischi Volanti sono Atterrati. Sembra che anche Leslie avesse avuto a suo tempo un Incontro Ravvicinato, in un college inglese e nel suo viaggio a Mount Palomar. Oggi lord Leslie √® morto, ma restano i suoi libri e delle¬† interviste interessanti sul suo amico George Adamski, che si possono trovare¬† anche in rete. Sono questi¬† gli anni Cinquanta e Sessanta, si parla di hippie e di New Age, vanno alla grande i Beatles, ma anche le poesie di Allan Ginsberg e Ferlinghetti, i romanzi fantastici ed esoterici di Castaneda, e si parla di Zen e di dottrine orientali. Adamski ha anticipato tutto questo.¬† Ha anticipato i viaggi nello Spazio e lo Sbarco sulla Luna! Su Venere non pu√≤ esserci vita! Questo oggi¬† lo sappiamo, ma Venere potrebbe assumere¬† altri significati nell‚Äô Universo di G. Adamski. Il suo¬† mito non √® tramontato malgrado gli sviluppi dell‚Äô esplorazione spaziale. E il mito √® tutto l√¨ nella sequenza di foto lasciate¬† e nelle pagine del libro di Leslie come una gemma dentro ad un diadema.

Mi è sempre sembrato affascinante come scrittore di letteratura fantastica e fiction,riconoscere il contributo di Spielberg a questo polacco americano nella costruzione dei suoi fortunati  E.T. E, George .A. potrebbe essere un suo personaggio. Pochi sanno che   Adamski negli anni Quaranta ha dato alle stampe un suo romanzo di fantascienza in cui si può leggere la sua esperienza   del  Desert Center,si tratta di Pionieri nello Spazio, Pioners of Space.  Vi si può trovare Orthon il signore stellare ed altri. E allora? George è stato forse un abile mistificatore? Lo si è sempre detto di tutti i grandi, la questione ad oggi non è stata mai risolta, di certo Adamski ci introduce in un mondo nuovo, in un nuovo Universo, in una nuova era, nell’ era del Dopobomba in cui è, o  sarà possibile, per un uomo qualsiasi,  incontrare un Essere venuto dall’ Altro Mondo. E George  A.  ha espresso  in pieno questo spirito di democrazia,   esattamente come l’ eroe Roy Neary di Incontri Ravvicinati, un uomo umile,  un uomo qualunque scrive una pagina epica  della grande  storia dell’ umanità. E per questo sarà seppellito  ad Arlington , il cimitero degli eroi di guerra. Gli Anni Sessanta ci hanno dato, Papa Giovanni XXIII, John Fitzgerald Kennedy, Martin Luther King e G.A. Questo è stato ed è G. Adamski. Una Grande Fiaba scritta per tutti. Ma se gli Alieni  fossero davvero  fra noi, non ci apparirebbero dapprima come uomini qualunque, come uomini della folla?Come George  Adamski forse? Grazie. Le prossime  volte  esplorerò anche : Inside the Space  Ships. Salvo Gagliardo.

Fine della Parte terza

 

©salvogagliardoproduzione.1999-2010. All rights reserved.

 

Pict0001 

 

Roxane

by

Salvo Gagliardo

Capitolo 14

Le Sfere di Fulvio

<<La Foresta dei Giganti

vuole  Roxie  assai pimpante

a  ballare fra gli Abeti

del  Castello di Cristallo>>

La canzone del vecchio venditore di palloncini

 

 

……………………………………………………

-Roxie alzati, Seguimi nella Foresta!

La bambina   cercò di alzarsi, e provò le stesse sensazioni di prima. Il suo corpo si sdoppiò. E fu in piedi. L’ altra Roxie restò sulla carrozzella assopita. La bambina si sentì prendere la mano e entrò nella Foresta preceduta dal coniglio Moeb. La strana e straordinaria luce blu notte fluttuava densa come una nebbia fra gli alberi, ed esplosiva, accecante. Roxie sentì un frusciare d’ali, era una civetta. Una strana costruzione, qualcosa di simile ad un castello in miniatura rabberciato alla meglio e per metà simile ad una baracca di fortuna, se ne stava al centro della radura. Sembrava d’ accaiaio, cristallo e ferrovecchio. Roxane lo guardò. Le parve che attorno si alzassero tanti palloncini colorati come il suo. No! Erano Sfere luminose, di vari colori e grandezze. Erano simili ai fulmini globulari galleggianti nell’ aria. Sentì echeggiare una voce.

-Entra Roxie.

Udì lo scricchiolio e vide una piccola porta che si apriva lentamente.

-Sali, Roxie

Roxie sal√¨. Quella scala a chiocciola umida e buia¬† sembrava interminabile. In cima, c’era una grande sala tutta illuminata. C‚Äôera un camino ¬†scoppiettante ed un grosso ¬†cane peloso accucciato. Un lungo tavolo di legno su cui erano posti, ¬†storte ed alambicchi. Una vecchia e malandata poltrona volgeva la schiena alla bambina. Qualcuno si alz√≤. Era un uomo simile al vecchio dei palloncini incontrato nel Luna Park di¬† ¬†Camberra ed era simile anche ¬†a Ciuk, l‚Äô uomo della pubblicit√† dell‚Äô Electronic Universal Game. Indossava abiti impolverati e bisunti, che sembravano vecchi in modo anacronistico.

-Salve bimba, e benvenuta al Castello di Cristallo del vecchio Fulvio. Ti stavo aspettando

Sogghignò con fare ambiguo e mellifluo.

-So che Crock, il pagliaccio, ¬†ti ha insegnato a giocare. Ora voglio insegnarti giochi pi√Ļ divertenti

 Disse come un  vecchio mago alla sua piccola allieva.

-Ti piacerebbe far muovere le Sfere che hai visto fuori? E’ semplice! Vedi questa macchina? E’ fatta con i cristalli che vengono dal pianeta Focus. Sai dove è? E’ là in fondo

E il vecchio indicò con il dito inanellato da uno splendente zaffiro oltre la finestra di vetri policromi una stella che brillava in alto nella Costellazione del Cigno

-Ora ti mostro come funziona

Pass√≤ le sue lunghe dita ossute su alcuni tasti del fantastico organo di cristallo. Alcuni suoni fluttuarono nell‚Äô aria e Roxie vide alzarsi una sfera come un gomitolo luminoso e verde che galleggi√≤ in aria e si mise ad esplorare la stanza. L‚Äô organo continu√≤ ad emettere delle note e come dal nulla sorsero altre sfere simili alle bolle di sapone di un bambino, ma molto , molto pi√Ļ grandi. Roxie ne era incantata.

-Ora te ne mando una

Disse . Gli occhi di Fulvio scintillarono di furbizia e di sottile gioia. Una  sfera azzurra si formò e prese a navigare in direzione della bambina. Si avvicinò assieme al carillon di musiche cristalline. La bambina incantata la sfiorò con le mani. La sfera emise  dei suoni e variò di colore e di  intensità luminosa.

-Che ne dici, bimba!

Disse il vecchio .

-Guarda e stai attenta!

Fulvio richiam√≤ a s√© la sfera ubbidiente, variando i suoni sui tasti del suo fantastico organo di cristalli. La sfera divenne pi√Ļ grande, un Globo quasi ¬†gigantesco e luminoso e Fulvio vi spar√¨ dentro.

-Non temere. Sono qui

Disse da dentro la sfera che restava sollevata e oscillante tra il pavimento e il soffitto. Roxie sentì i vecchio che diceva.

-Ora faccio un giro

E la sfera cominciò a muoversi nella stanza, si sollevò, toccò il soffitto e rimbalzò

-Con questa puoi andare dove vuoi, su Vega del Cigno o su qualsiasi altra stella. Puoi anche metterci dentro una parte di te, senza che il tuo  corpo si sposti da terra. Guarda

 Il vecchio fece un balzo fuori della Sfera e approdò a terra. Poi continuò a parlare, ma la   sua voce inconfondibile veniva ancora  da dentro la sfera.

-Vedi?

Disse

-Io sono qui e la mia voce è rimasta là dentro!

………………………………………………

Devo salutarti ora. I miei esperimenti! Ma ricordati, qualsiasi cosa tu hai bisogno io sono sempre qui. La strada per uscire la conosci.

Fulvio entrò nella sfera azzurra che si alzò e assieme alle altre, attraversò i muri sparendo. Roxane riprese il sentiero del ritorno verso la Foresta. La luna splendeva in alto. Il grido di una civetta la fece trasalire. La carrozzella era ferma al limite tra il Parco e la Foresta. Seduta c’era il doppio  di Roxane, assopita come se dormisse, con la testa reclinata. Accanto, in piedi, c’era Crock il pagliaccio di gomma e pezza. Il coniglio bianco Moeb corse verso la sedia e saltò in grembo alla bambina.

-Ciao Roxie, ti sei divertita?

Disse Crock , e rise

-Siediti che ti riporto a casa

Le due  Roxane  si riunirono, si sovrapposero combaciando. E Roxie si destò. Tornò alla Villa delle Orchidee spinta da una  mano invisibile. Fu portata nella sua stanza e deposta a letto . Le furono rimboccate le coperte e fu spenta la luce e chiusa la porta. Moeb balzò sul letto e si pose ai suoi piedi .

 

©salvogagliardoproduzione2010. All rights reserved.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Nave Maledetta e gli Albi di Fantastika

giovedì, 7 gennaio 2010

 

 

image001 

 

 

 

Albi di FantastiKa

*********************

Pict0005

 

 

 La nave maledetta

 

 Come ciascuno sa, acqua e meditazione sono sposate per sempre

H. Melville

 

Egli navigava sempre con gli spettri, fra la calma e la tempesta, sul Mistero che non pu√≤ essere sommerso neppure dalle burracshe pi√Ļ violente.

Leggenda di mare

 

 

Ecco che viene il nostro vecchio di Man, il vecchio cocchiere di pompe funebri

H. Melville

 

Il demonio lo costrinse a giocarsi l’anima coll’angelo cattivo la partita dura da seicento anni

Leggende di mare

 

 

Improvvisamente nell’oscurità della notte apparve un bastimento di aspetto sovrannaturale

Leggende di mare

 

Così diranno nel giorno della Resurrezione, quando verranno a ripescare questo vecchio albero

Leggende di mare

 

 

Quando in cielo il Dragone correrà col Lupo

E Orione brillerà all’Equatore.

Quando l’occhio dell’Orsa brucerà la notte.

La grande Nave Nera sorgerà dagli abissi,

per inghiottire il Marinaio Maledetto.

Allora, ragazzo, fuggi! Fuggi.

Quando la folgore spezzerà il

Vecchio Molm senza pietà.

Salvo Gagliardo

 

 

Parte prima:

Io Ismaele Cotton

 

I.

 

Ero tornato da un mese da Boston nella Nuova Inghilterra dove ero stato a trovare un mio lontano cugino, David Cotton. Desideroso di nuove avventure, nell’attesa di sistemarmi comodamente a Birmingham, dove ero nato ventidue anni prima, negli uffici paterni della Cotton & C. una compagnia di assicurazioni e noli marittimi, decisi di rimettere piede sui ponti di qualche scricchiolante  e malandata carretta. Ne parlai così con mio padre. Al vecchio l’idea non spiacque. Era tradizione in famiglia che le cose andassero in questo modo da almeno duecento anni. Così. Joseph il rosso, come era conosciuto nei moli e nei porti di tre continenti, non faticò a trovarmi un posto, né duro né morbido, in un solido brigantino capace di doppiare con scioltezza il Capo di Buona Speranza. Il Victoria faceva rotta verso la lontana Indonesia dove lo aspettava un ricco carico di spezie.

Quella mattina di aprile, sacco in spalla, salii fischiettando per la passerella ondeggiante e mi imbarcai sullo snello tre alberi del capitano Olindo Holmes fra le canzonacce della ciurma alle vele. E degli uomini che strigliavano i ponti e davano l‚Äôultima passata di vernice alle scure murate, non prima di aver fatto la conoscenza di un tipo bizzarro e cencioso, che puzzava di alcool, colla barbaccia unta e sfilacciata, i capelli che gli scendevano su mezza faccia scura e sinistra solcata da una cicatrice biancastra e livida, opera del rampone o del coltello. Guercio, il suo occhio sinistro se l’ era mangiato un corvo,il destro gli bruciava spiritato dentro l‚Äôorbita profonda. Mi ferm√≤ sul molo con la mano secca e legnosa.

-Ragazzo! Dove stai andando

Mi trattenne per la spalla e mi scrutò col suo unico occhio d’orrore.

Irritato mi staccai con uno strattone e proseguii verso la passerella sospesa. Lo sentii di nuovo gracchiare con una voce cavernosa e sovrannaturale.

-Non sai, ragazzo, che quel legno è maledetto da Dio?

-Okay, amico!

Mi girai e gli lanciai una mezza sterlina d’argento che rotolò sonoramente fino ai suoi piedi. E salii sul Victoria. Ma la voce da ubriaco, rauca, infernale e folle, continuò salmodiando una filastrocca strampalata:

 

“Quando in cielo il Dragone correrà col Lupo

E Orione brillerà all’Equatore.

Quando l’occhio dell’Orsa brucerà la notte.

La grande Nave Nera sorgerà dagli abissi,

per inghiottire il Marinaio Maledetto.

Allora, ragazzo, fuggi! Fuggi.

Quando la folgore spezzerà il

Vecchio Molm senza piet√†.‚ÄĚ

 

In quell‚Äôattimo tutto cess√≤ di muoversi, il vento non faceva pi√Ļ cantare le vele. Il fasciame non scricchiolava col moto delle onde. Le funi non si tendevano come corde di violino. Anche le canzonacce della ciurma avevano fatto posto a quella bizzarra filastrocca.

Raggiunsi il capitano sotto  coperta. Era un uomo grasso e bonario, con la barba ed il naso rosso per le bevute. Mi presentò al secondo, mr. Queen, un uomo tozzo e quadrato, di carnagione scura, che mi assegnò subito alle stive.

Quando tutto fu a posto, attendemmo il tradizionale arrivo del giovane nipote dei padroni, un bambinone gigantesco con l’aria di trionfo che giunse in perfetto orario su una carrozza assieme a tre splendide ragazze che risero tutto il tempo. Consegnò le ultime direttive al capitano, e salpammo alle 10,30 del 20 aprile del 1845.

 

 

 

©Salvo Gagliardo produzione2005-2010. Stesura testi 1993. Tutti i diritti garantiti.

Merry Christmas 2009 & Happy New Year 2010

giovedì, 31 dicembre 2009

 

 

Pict0001 

 

 

 

2010

Happy  New Year!

Salvo Gagliardo

fantastikalbi

 

NASA

image001 

 

Un Viaggio verso le Stelle

In memoria di Carl Sagan

 

 

Il 4 ottobre del 1957 ha inizio ufficialmente la storia dell‚Äô Uomo nello Spazio. Con grande sorpresa degli Stati Uniti, l‚Äô Unione Sovietica lancia il suo primo satellite artificiale in orbita terrestre, lo Sputnik 1 e come a rincarare la dose e a preoccupare maggiormente il Governo americano,il 3 novembre dello stesso anno i russi fanno il replay e lanciano lo Sputnik 2 Ormai gli U. S. non possono pi√Ļ stare a guardare. In realt√† l‚Äô America aveva cominciato ad interessarsi allo Spazio nell‚Äô immediato dopo guerra quando erano affluiti nelle fila degli scienziati e tecnici americani interessati all‚Äô aeronautica e al volo in orbita, ¬†i responsabili tedeschi delle V2 portati in America assieme a ci√≤ che gli Stati Uniti avevano messo in salvo delle loro ricerche, e naturalmente portando con s√© ¬†¬†anche il prestigioso ingegnere aeronautico e astronautico,¬† Wernher Von Braun cos√¨ da evitargli ¬†un processo in direttissima¬† per collaborazionismo con i nazisti e con Hitler. Nel¬† 1955, il Governo americano¬† aveva varato il Progetto Vanguard che contava di mandare in orbita al pi√Ļ presto il primo satellite artificiale. Allora non esisteva¬† ancora la NASA, ma c‚Äôera la NACA, un Organismo scientifico, tecnico e militare che aveva come scopo la sperimentazione di nuove tecnologie dell‚Äô aria, e coinvolta in prima persona era la US. Navy e lo sarebbe rimasta anche dopo. La NACA¬† era stata messa in piedi nel 1915¬† dal Presidente Wilson. Presa in contropiede l‚Äô America¬† ¬†si trov√≤ cos√¨ ¬†nella necessit√† di accelerare i suoi programmi spaziali e di ristrutturare l‚Äô Organismo pi√Ļ importante per la realizzazione di questi. La NACA fu accorpata alla nuova NASA, la¬† National Areonautic And Space Administration. L‚Äô Organizzazione nasce ufficialmente il 29 luglio 1958. La Carta Costituente dell‚Äô¬† Ente Spaziale viene ufficialmente approvata dal¬† Congresso e firmata dal Presidente degli Stati Uniti, Dwight¬† Eisenhower. A capo dell‚Äô organizzazione federale viene posto l‚Äô ingegnere tedesco¬† Wernher von Braun. Nel gennaio ¬†del 1958 l‚Äô America aveva cercato di riparare al fallimento del Vanguard con lo Jupter, l‚Äô Explorer 1 viene messo in orbita terrestre il 31 gennaio del 1958, l‚Äô America entra cos√¨ in competizione con l‚Äô URSS in occasione dell‚Äô Anno Geofisico Internazionale. e nel Marzo aveva ¬†rilanciato ¬†il Vanguard. La NASA nasce come un insieme di Laboratori di Ricerca Avanzata nel campo¬† delle tecnologie Spaziali e Aeronautiche sparsi in tutto il territorio nazionale, e come una intelaiatura di Universit√† disposte a collaborare e a condividere le loro conoscenze e studi con il nuovo Ente Spaziale che naturalmente mostra il suo stretto legame con la Difesa e la Sicurezza. Il 12 aprile del 1961 √® un‚Äô altra data importante per questi primi passi dell‚Äô uomo nel Cosmo. L‚Äô URSS invia nello spazio il suo primo astronauta, Yuri Gagarin con¬† il veicolo Vostok 1. Gli Americani rispondono con il Progetto Mercury, il primo programma ¬†complesso di esplorazione dello Spazio e con Alan Shepard che viene mandato oltre l‚Äô atmosfera ¬†con il ¬†Mercury 3. E‚Äô il 5 maggio del 1961. La Grande Avventura √® cominciata. A Shepard seguir√† John Glenn. In America e nello staff di von Braun, composto da vari scienziati tedeschi ha inizio la corsa alla Luna prima che il Presidente J. Fitzgerald Kennedy pronunci lo storico <<Yes ¬†We Can>>. Viene varato il Progetto Apollo, che sar√† quello che realizzer√† i sogni di von Braun e della Casa Bianca. L‚Äô ingegnere tedesco nutre ¬†sogni ambiziosi che gi√† aveva coltivato in patria e per questi era entrato in conflitto¬† con le¬† SS di Hitler. Sogna anche Marte e realizza un progetto di sbarco su vasta scala gi√†¬† nel 1952, il primo sbarco sul pianeta rosso. Ma la Guerra Fredda lo costringe ad un lucido ¬†realismo e a concepire nei particolari il raggiungimento del nostro satellite naturale e il primo allunaggio ¬†che avverr√† lo storico 19 luglio del 1969. L‚Äô Apollo 11 tocc√≤ il suolo lunare davanti a 600 milioni di ¬†telespettatori alle ore 21,17,41 Tempo Universale, e Neil Armstrong scese per primo dal Lem, segu√¨ Buzz Aldrin. Le frasi che Armstrong pronunci√≤ toccando con il piede la superficie lunare resteranno famose quanto quelle lasciate ¬†scritte sulla¬† targa metallica con¬† la firma di Richard Nixon ,<<Un piccolo passo per un uomo, un passo enorme per l‚Äô umanit√†>> ,That‚Äôs one small step for man, one giant leap for mankind. La targa lasciata sulla Luna dai due astronauti diceva:<< Here men from the planet earth first set foot upon the moon.july 1969, A.D. We came in peace for all mankind>>. Atterrando fu pronunciata un‚Äô altra frase storica:<< Houston, Tranquility base here,the Aegle as landed>>.L‚Äô ultimo sbarco dell‚Äô Apollo avverr√† nel dicembre¬† 1972, con Cernan e Schmitt. La prima grande avventura dell‚Äô uomo sulla Luna si era conclusa. Ma le attivit√† della NASA sono state e sono molteplici, la sua presenza nelle tecnologie di avanguardia √® indiscussa. Basi e Laboratori che portano il suo inconfondibile Logo si trovano ovunque sul nostro pianeta e NASA √® diventata famosa quanto Walt Disney per i sogni che suscita e per l‚Äô impegno nell‚Äô esplorazione spaziale e nella ricerca. NASA √® subito identificabile quanto appunto la Walt Disney o la Coca Cola, ed √® di sicuro la pi√Ļ famosa Agenzia spaziale del mondo. E a proposito del grande WALT, la Walt Disney Production¬† con la collaborazione dell‚Äô ingegnere Wernher von Braun negli Anni Cinquanta realizz√≤ una serie televisiva in tre puntate ¬†sull‚Äô Avventura dell‚Äô uomo nello Spazio e nei progetti di Walt Disney c‚Äôera gi√†¬†¬† Disneyland, la mega¬† citt√† del fantastico con una sezione dedicata al Cosmo e all‚Äô avventura su Marte curata personalmente dall‚Äô ingegnere tedesco. Un giorno il Logo Spaziale pi√Ļ famoso del mondo svetter√† da qualche cima dei giganteschi vulcani marziani, forse dal Mons Olympia, e dalle desolate pianure desertiche come ¬†un‚Äô Icona del futuro. Ma siamo anche certi che NASA si legger√† anche nelle future citt√† subacquee, quando l‚Äô uomo andr√† a colonizzare gli oceani e una nuova specie di Oceanonauti nascer√† sul nostro pianeta. Intanto l‚Äô Agenzia promette a tutti gli Internetnauti, fantastici viaggi virtuali in tre D nel nostro Sistema Solare, esplorazioni alla consolle dei vari pianeti ¬†e un Web marziano gi√† √® nei suoi progetti. I programmatori gi√† sono a lavoro per farci impazzire con qualche play station marziana e lunare. Ma NASA non significa solo Uomo sula Luna. L‚Äô Agenzia attraverso i suoi diversi Laboratory e autentiche cittadelle dello Spazio¬† sparse nel territorio nazionale si occupa dello studio e dalla costruzione di diversi materiali da mandare nel Cosmo, si occupa dell‚Äô addestramento dei futuri astronauti, della loro saluta, della loro sicurezza, si occupa dei Vettori¬† che hanno portato e porteranno gli uomini nel Sistema Solare, si occupa dei Razzi necessari a fare uscire le navette dall‚Äô atmosfera terrestre e dei combustibili¬† propellenti. Si occupa dello studio della natura in condizioni estreme, e vi sono Basi in posti estremi, come in Antartide o nell‚Äô Artico, anche la profondit√† degli Oceani viene e verr√† studiata e sfruttata. E via via si sommano una quantit√† di attivit√† importanti o collaterali, come l‚Äô Esobiologia e lo Studio sulla Vita Extraterrestre, lo sviluppo dell‚Äô Intelligenza Artificiale, dei¬† robot e delle sonde da inviare nei nove pianeti del Sistema. E tutto questo richiede specializzazioni e competenze, e soprattutto Fondi, e non sempre il Congresso √® disposto a stanziare denaro ¬†alla NASA per la ricerca. Ma da circa venti anni la NASA √® anche impegnata nello studio del nostro ecosistema che √® attualmente in crisi e nel cercare rimedi ad una situazione che tende a peggiorare. E‚Äô inutile dire qui che l‚Äô esplorazione dello Spazio porter√† conoscenze nuove che potranno rivelarsi utili se non determinanti ¬†a risolvere i problemi del nostro pianeta.

In quanto all‚Äô esplorazione,gli¬† Americani non¬† hanno un piano unico di¬† sviluppo spaziale a lungo termine, √® cosa nota. Ma procedono con progetti a breve, forse per le difficolt√† dell‚Äô impresa, per i fondi necessari e perch√© ancora lo Sviluppo Spaziale √® fortemente dipendente dalle contingenze storiche¬† e politiche del pianeta. La situazione vista in¬† prospettiva potrebbero ribaltarsi nel futuro,¬† quando l‚Äô uomo attinger√† direttamente dal Cosmo le risorse necessarie alla sua esplorazione. Non dimentichiamo che sono passati solo cinquanta anni e che il Cosmo diverr√† nel futuro una necessaria e vitale¬† estensione del pianeta Terra. Ricordo che tutto √® cominciato con le V2 che nella Seconda Guerra Mondiale che ¬†hanno bombardato a tappeto l‚Äô Inghilterra. Von Braun forse sognava altro, sognava il Cosmo come il suo professore il rumeno Hermann ¬†Oberth, o come lo scienziato e scrittore tedesco ¬†Willy Ley. L‚Äô America del dopoguerra offr√¨ a molti di loro l‚Äô opportunit√† di conseguire i loro sogni. Ma il Razzo, come nel romanzo di Ray Bradbury, Cronache Marziane, ¬†era la condizione essenziale per lasciare la Terra, lo aveva intuito nel passato Jules Verne. Cos√¨ la NASA si lanci√≤ nello studio e nella sperimentazione di Booster ed External Tank sempre pi√Ļ potenti e nella realizzazione dei carburanti necessari. Sono i tempi d‚Äô oro di Werner von Braun, e¬† dell‚Äô equipe di tedeschi in America, mentre l‚Äô URSS da parte sua stava percorrendo la stessa strada. Dal Vanguard agli Ares la strada √® stata lunga. E la NASA √® sempre impegnata a trovare Razzi potenti ma anche capaci di risparmiare carburante. Nell‚Äô attesa che una futura navicella o astronave parta per le regioni di Marte o di Giove direttamente dalla Luna. Lo Space Shuttle, l‚Äô attuale astronave capace di trasportare uomini e mezzi fuori dall‚Äô atmosfera terrestre √® oggi quasi un mito o una leggenda ma c‚Äô√® chi pensa di mandarlo in pensione. E‚Äô entrato in azione nel 1970, e attualmente con ulteriori modifiche resta il veicolo pi√Ļ adatto a portare gli uomini di nuovo sulla Luna e su Marte. Allo Shuttle √® dovuto l‚Äô Hubble Space Telescope, il fantastico super telescopio, messo in orbita nel 1990. Nel breve futuro ¬†il ¬†pi√Ļ potente telescopio del Sistema Solare¬† molto probabilmente sar√† situato in territorio lunare. Ma √® nel 1973 che gli americani mettono in orbita lo Skylab, la prima citt√† laboratorio dello Spazio, esso cesser√† di esistere nel 1979. Ma il grande progetto di una Citt√† Spaziale in orbita terrestre viene rilanciato nel 1995 quando i Russi collaborano con l‚Äô America¬† per¬† il progetto di una¬† Stazione Spaziale Internazionale, la I.S.S. progetto che viene varato nel 1998 e che si pensa debba essere ultimato nel 2011, ma in quanto allo Spazio le date sono sempre da rivedere. All‚Äô I.S.S. partecipano sia gli U.S., ma anche il Giappone e la Russia. Un altro grande Progetto portato avanti con l‚Äô aiuto della NASA √® il SETI, il Serche Extraterrestrial Intelligence a cui hanno dato un grande contributo sia l‚Äô astrofisico Frank Drake che l‚Äô altro grande nome dell‚Äô astronomia e della ricerca avanzata in campo esobiologico, che¬† stato il¬† compianto Carl Sagan, uno degli scienziati pi√Ļ di prestigio della NASA. Sagan ha anche ¬†dato un grande contributo all‚Äô esplorazione di Marte, a all‚Äô esplorazione di Venere, e a lui √® dovuto la sonda messaggio mandata fuori dal Sistema Solare alla ricerca di civilt√† extraterrestri. Ed ora due obbiettivi ¬†a breve riaccendono l‚Äô entusiasmo dell‚Äô Agenzia Spaziale, la Luna e Marte. La Luna √® il nostro unico satellite naturale¬† e si trova a relativa breve distanza dalla Terra, cos√¨ appare un vero guardiano o porta del nostro pianeta, un guardiano naturale che non √® possibile che nel futuro non venga sfruttato in tal senso. I progetti ora si fanno pi√Ļ estesi, non si tratta pi√Ļ di mettere piede sulla Luna ma di popolarla o volendo colonizzarla, di fare della Luna un ottimo punto di osservazione della Terra, la breve distanza lo permette, e di farne una vera porta di ingresso o di uscita dal nostro pianeta per i vari pianeti del Sistema. Si √® gi√† trovata dell‚Äô acqua necessaria al popolamento del satellite, e la luna appare come un autentico cantiere estrattivo. Inoltre vi si potranno¬† allocare diversi basi permanenti di ricerca e di esplorazione, oltre che miniere estrattive, un Osservatorio Astronomico capace di darci un‚Äô immagine dell‚Äô Universo che ancora ci √® ignota,e si pensa a Laboratori ¬†Lunari che studiano l‚Äô uomo posto in condizioni estreme, e si pensa anche a collocarvi naturalmente delle armi e dei sistemi di difesa e di offesa. Ci si prepara ad un esercito dello Spazio, ad una Space Force, in barba allo storico << We came in peace for all mankind>>!Ma per il momento Luna e Marte si presentano per l‚Äô Agenzia come una meta unica, e in effetti lo √®. Luna e Marte completeranno la prima fase della Colonizzazione. Alla NASA si parla di venti o trenta anni, di certo le basi permanenti verranno collocate sia sulla Luna che si Marte entro questo secolo, nel prossimo si guarder√† oltre Marte, ossia a alla regione di Giove e dei suoi infiniti satelliti e satelloidi, intanto Marte e Luna si preparano a donarci strane sorprese e rivelazioni. Di sicuro gli Stati Uniti punteranno a questi due nuovi traguardi per rilanciare il loro prestigio, ma io penso che il 1969 √® superato e che lo spirito che dovr√† animare la futura colonizzazione sar√† sotto l‚Äô insegna della collaborazione, i costi sono troppo elevati, e nuove Nazione si stanno aprendo allo Spazio, per ora Cina ed India, nel futuro forse anche l‚Äô Islam. E l‚Äô ESA, l‚Äô Ente Spaziale Europeo stringe sempre pi√Ļ legami con¬† la NASA. Dietro lo sviluppo spaziale si muovono Imprese di Alte tecnologie e business high tech, e lo Spazio pu√≤ diventare una vera miniera d‚Äôoro. Volendo oggi tutti noi viviamo in una dimensione marziana, ossia in una dimensione di alte tecnologie estremamente sofisticate e precise, dire Marte vuol dire Futuro anche della Terra e vuole anche dire trasformazione delle nostre citt√†, delle nostre case, dei nostri servizi, delle nostre auto e dei nostri sistemi di comunicazione. NASA √® tutto questo. Si sa che sta investendo nella riconversione dell‚Äô energia solare ad esempio. Dyson aveva ipotizzato per il nostro futuro delle sfere che accumulassero l‚Äô energia liberata dalla nostra¬†¬† stella per i nostri molteplici usi. E aveva ipotizzato nello Spazio Civilt√† evolute capaci di servirsi in toto dell‚Äô energia della propria stella e poi quella della propria Galassia. La NASA si muove in questa direzione. E infine possiamo anche immaginare o sognare i tempi in cui esister√† un vero turismo interplanetario e un commercio fra pianeti, in cui carghi e navette o grandi astronavi lo attraverseranno e viaggiare nel Cosmo non sar√† un‚Äô avventura di pochi, ma dei pi√Ļ, in cui gente nuova non nascer√† sulla Terra ma altrove, nelle varie Citt√† spaziali o nelle Basi, ma tutto questo richieder√† conoscenza e coraggio, sfida alle condizioni inizialmente avverse del Cosmo, e desiderio di andare oltre, oltre il noto e il conosciuto, forse per chi ci crede una sorta di ritorno a Dio. Io voglio credere che l‚Äô uomo sia fatto per tutto questo. Salvo Gagliardo. Happy New Year.2010.

 

©salvogagliardoproduzione. 2000-2009. All rights reserved

 

 

Pict0051 

Albi di FantastiKa

****************

 

Mistero Marziano

racconto fantastico

di

Salvo Gagliardo

Capitolo 1

 

Nello Spazio

 

 

 L’oscuro e macabro fardello scivolò silenzioso nel gelido Cosmo, allontanandosi lentamente dalla grigia astronave interstellare Fox 25 in viaggio per le regioni celesti di Tau-Betha, un Sistema a due stelle e a cinque anni luce dal Sole. L’ astronauta Inconn era morto alle 21,15, Tempo universale. Il dottor Klam ne aveva diagnosticato il decesso, l’ esplosione di un’ arteria ed il conseguente arresto del cuore,  effetto dell’ inevitabile usura a gravità zero. Molti dell’ equipaggio provenivano dalle colonie di Marte come il tenente della Interplanetary Space Force, George Inconn. Era nato nel Maryland ed aveva 31 anni. Era sposato felicemente con Johan Schindler, ed insieme avevano un bel bambino, David.

La salma restò nella cella frigorifera per il tempo canonico,sigillata nella sua sacca sintetica, con la targhetta metallica, nome e cognome incisi, e tutto il resto,  poi, dopo la rituale benedizione del cappellano luterano, Inconn era luterano cartista, venne espulsa nella notte cosmica. Galleggiò per un po’, poi rotolò comicamente, e si allontanò nello Spazio dove la Fox si trovava in missione esplorativa. Le stelle brillavano fredde e lontane, ma relativamente vicina era la gigante viola assieme ad una piccola stella arancione. Il feretro continuò a roteare in un cielo rosso sangue. Chiuso nella sacca, il cadavere dell’ astronauta aveva gli occhi serrati e cavi che andavano scurendosi, come le labbra già livide. I capelli sottili e di un giallo paglierino aderivano inerti sull’ alta fronte marmorea. Johan ne avrebbe ignorato la morte finché la Fox non fosse tornata a Terra.  Ma quella notte la ragazza ebbe un sogno assai simile ad una visione, George era nella sua camera da letto, avvolto da una luminosità viola e pulsante. In lui c’era qualcosa di strano, ma era sicuramente George, suo era il sorriso che Johan le conosceva. Le disse qualcosa con una voce misteriosamente lontana, le disse che George, il suo George, era morto, che sarebbe presto tornato da lei, ma solo per poco. Il cuore della ragazza pulsò con violenza. L’ immagine di Inconn svanì. Johan si trovò con la faccia sul cuscino rigata di lacrime.

Il triste fardello continuò a ruotare verso la gigante viola, luci esplosero sulla lucida sacca sintetica. Vi si composero strane lettere simili a glifi arcani.

George era di sicuro morto! Era un pensiero terribile che la mente di Jennie quella mattina cercava di scacciare. La ragazza era in cucina e stava preparando la colazione. Con una certa mestizia contemplò gli olo dell’ album di famiglia. Gli occhi le si arrossarono.

La sacca capitombol√≤ nel fulgido cielo viola. Si sform√≤. Si espanse. Si infiamm√≤, colpita dalle radiazioni della stella. Incroci√≤ un meteorite. Spar√¨ e riapparve oltre la calotta ghiacciata di un pianeta. La maschera cerea e mortuaria del volto di Inconn si imporpor√≤, la rigida mascella si mosse, il sangue flu√¨ nelle vene. I suoi occhi si aprirono, e fissarono lo Spazio che filtrava magicamente per le pareti del macabro fardello. Che ruot√≤ sempre pi√Ļ veloce e lontano. E venne inghiottito, divorato dalla ¬†stella viola.

 

 

 

 

©salvogagliardoproduzione. 2000-2009. All rights reserved

 

 

Gentili lettori. Fantastikalbi 2009 vi augura un buon Natale. E in questa notte vuole onorare due artisti del fantastico che hanno segnato la storia dell’ umanità e continuano a far sognare adulti  e bambini. Sto parlando di Charlie Chaplin che moriva proprio in una notte di Natale e di Walt Disney, il mago dell’ animazione, padre di Topolino, Paperino e di  tutta la famiglia di cartoon della Disney. Merry Christmas 2009  da Salvo Gagliardo.

 

Pict0041 

 

 

 

Merry Christmas

by

Charlie & Walt

Charlie  Chaplin and Walt Disney

di

Salvo Gagliardo

 

 

<<Silent night, holy night,

     all is calm, all is bright

     round yon virgin

     mother and child.

     Holy infant, so tender and mild,

     sleep in heavenly peace,

     sleep in heavenly peace.>>

 

 

Omaggio al Re

Charlie Chaplin

by

Salvo Gagliardo

Charlie Chaplin muore la notte di  Natale del 1977 a  Corsier- Sur РVevey, Svizzera

 

 

E’¬† stato attore comico,¬† regista cinematografico, mimo , clown da circo, abile imprenditore ed uomo d’ affari,sceneggiatore e scrittore, musicista e ballerino. Il suo modo di usare la cinepresa, le tecniche e i trucchi della nuova arte cinematografica del XX secolo ha fatto scuola ed √® entrato di diritto¬† nei Manuali Universali della Settima Arte. Charlot che si allontana ¬†in dissolvenza verso un orizzonte carico di promesse e speranze assieme alla sua bella √® diventata un’¬† Icona Universale simile al Logo rosso della Coca Cola e agli scenari incantati di Walt ¬†Disney. Charles Spencer Chaplin era nato nelle periferie di ¬†Londra, nell’ Inghilterra Vittoriana e di fine secolo, il 16 aprile 1889, lo¬† stesso mese e¬† anno in cui nasceva in Austria Adolf Hitler!¬† Nato da piccoli attori ¬†girovaghi di Music Hall. Figlio d’ arte, cominci√≤ a battere il palcoscenico assai presto, a cinque anni. Chaplin racconter√† forse una leggenda, ossia della sua nascita da una lontana ¬†parente rom. Persino la sua attribuzione al popolo di Israele resta una leggenda, forse avvalorata da un pregiudizio nazista nei suoi confronti.¬† Ma la situazione in famiglia non √® rosea per ¬†lui, il padre √® alcolizzato e la madre Hannah soffre di disturbi nervosi. Presto i due si separano. E’ la miseria pi√Ļ nera, e Charlot deve cominciare ad arrangiarsi. Frequenta clown, mimi e teatrini d’ ¬†avanspettacolo. Le notti va a dormire negli asilo di assistenza. La vita gli sta fornendo ¬†gli elementi per ¬†¬†¬†l’ immagine di¬† Charlot the tramp, l’ archetipo ¬†del Vagabondo che si d√† arie di milionario, Icona Universale che ¬†¬†lo consegner√† alla storia per ¬†sempre.

Entrato nella Compagnia di Fred Karno, prima dello scoppio della Grande Guerra, tra il ¬†1910 e il 1912, fa delle ¬†tourn√®e ¬†di lavoro ¬†negli Stati Uniti. ¬†Conosce ¬†Stan Laurel, anche lui diretto in America. Viene notato da Mak Sennet dei ¬†Keynstone Studios, e realizza i suoi primi cortometraggi. Intanto va caratterizzando il ¬†personaggio di Charlot e il suo look ¬†inconfondibile da little tramp ¬†che lo render√† famoso nel mondo. Presto passa alla regia, Chaplin √® un artista ¬†unico , in quanto idea, realizza, scrive le sceneggiature, le scenografie, le musiche di tutti i suoi film. Scoppia la Guerra, e nel 1914 Chaplin realizza Kid Auto Races at¬† Venice. In cui perfeziona ¬†il personaggio del ¬†vagabondo. Sono film muti e al film muto Chaplin rester√† sempre legato, essendo il cinema che meglio pu√≤ rappresentare la sua geniale versatilit√† di mimo e clown e le sue irresistibili trovate. Chaplin porta la risata e l‚Äô ironia di un fanciullo¬† nella Prima Guerra Mondiale con ¬†Shoulder Arms del 1918, la riporta nella Seconda, con ¬†Il Grande Dittatore, The Great Dictator , e aiuta con il ¬†riso l‚Äô America ad uscire dalla Grande Depressione, quasi indifferente come Charlot ai drammi e alle complicazioni della vita, avviandosi verso un orizzonte senza fine¬† per una via sconfinata da solo o con la sua bella, con la buffa bombetta, i pantaloni troppo larghi, l‚Äô andatura da ubriaco e la canna di bamb√Ļ simbolo di un potere che solo i santi, gli sciocchi e i geni hanno. Per la Keynstone realizza 35 film, poi passa agli Essenays Studios. Intanto nella realizzazione √® diventato ¬†totalmente autonomo.¬†¬† Passa ai ¬†Nati0nal Studios. Realizza nel 1917 ¬†The Immigrant ¬†e Easy ¬†Street. I suoi film muti diventano campione di incassi, secondi solo a quelle delle ¬†grandi stelle di Hollywood, come David Griffith, Mary Pickford e Douglas Fairbanks che diverr√† suo grande amico. Il suo strepitoso successo lo porta a fondare l‚Äô United Artists ¬†nel ¬†1919. Nel 1915 escono ¬†The Tramp e The Champion, nel 1917 The Adventurer. ¬†Nel 1921 The Kid, Il Monello, con Jackie Coogan. Nel 1923 The Pilgrim. Nel 1925 La donna di Parigi, l‚Äô unico suo film dove non sar√† attore¬† protagonista. ¬†Nel 1927¬† fa ingresso il sonoro. Chaplin accoglie la sfida, anche se resta fondamentalmente legato al muto che ritiene di qualit√† superiore per capacit√† artistica ed espressiva. Nel 1928 realizza The Circus, in cui trasfigura tutta la sua esperienza da bambino di circhi e di clown. Nel ¬†1931 realizza City Lights¬† e nel 1936 Tempi ¬†Moderni. Modern Times . E‚Äô in questo film che the little tramp ¬†acquista una voce. Ma l‚Äô acquista solo per dirci addio, infatti questo √® l‚Äô ultimo film in cui appare Charlot e la sequenza finale lo vedono ¬†allontanarsi per sempre verso l‚Äô orizzonte. Ma l‚Äô accento fortemente britannico di Chaplin si far√† ¬†molto pi√Ļ sentire ne Il Grande Dittatore, The Great Dictator ¬†del 1940. Il primo vero suo film sonoro. Seguiranno Monsieur Verdoux del 1946, un opera strutturata sulla vita ¬†di Henry Landru e sceneggiata da Orson Wells, e Limelight del 1952, sono ¬†i grandi capolavori¬† sonori di Charlie ¬†Chaplin. Che √® stat0 ¬†¬†anche un geniale creatore di musiche, e una per tutte rester√†¬† Smile, Sorriso, la nota canzone di Modern Times che fa di Chaplin anche un realizzatore di grandi ¬†colonne sonore che identificano ¬†immediatamente il film. Basta ricordare qui Luci della Citt√† e Luci della Ribalta. Ma l‚Äô immediato dopoguerra¬† e dopo¬† Monsieur Verdoux, che conobbe meno successo degli altri,¬† oltre a dare a Chaplin una fama internazionale e a farlo uno dei registi pi√Ļ ricchi del mondo, port√≤ dei problemi nella sua vita personale gi√† resa difficile dalle numerose cause intentate ai suoi danni dalle mogli o dalle ragazze che aveva scritturato nei suoi film. Il Governo americano scopriva di avere un altro nemico oltre quello appena sconfitto, nel Comunismo e nell‚Äô Unione Sovietica, la destra americana iniziava ¬†una sorta di linciaggio morale contro tutti quelli che avevano manifestato simpatie per Carlo Marx, guidata dalla campagna anticomunista creata dal senatore repubblicano ¬†Mc Carty e dal Direttore della FBI, ¬†Edgar Hoower. Chaplin non aveva mai fatto segreto delle sue simpatie per il comunismo e inoltre i pregiudizi razziali mossi contro di lui da Hitler, che lo aveva messo in lista fra gli artisti ebrei, diedero alle destre l‚Äô occasione di accusarlo di antiamericanismo, inoltre Chaplin non aveva mai preso la cittadinanza americana, restava ancora un immigrato con il visto di residenza. L‚Äô attacco fu duro e port√≤ colui che pi√Ļ di tutti aveva messo in ridicolo il fascismo, e il dittatore Adolf Hitler, a lasciare per sempre,gli Stati Uniti. E‚Äô il 1952. I Chaplin lasciano per un viaggio di piacere l‚Äô America per l‚Äô Inghilterra, ma non vi rientreranno pi√Ļ. Chaplin ha ¬†¬†gi√† ¬†realizzato Limelight nel¬†¬† 1951, il film dall‚Äô immortale colonna sonora, tratto da un romanzo di Chaplin stesso ¬†non pubblicato, ¬†e in cui ha avuto anche una parte il collega Buster Keaton. ¬†Luci ¬†della Ribalta √® il suo addio all‚Äô America. Nel 1957 a Londra realizza Un Re a New York, A King¬†in New York,¬†con Marlon Brando. E sempre a Londra esce La contessa di Hong Kong, A countess from Hong Kong,¬†nel 1967, dieci anni dopo. E‚Äô il suo ultimo film. Da Londra si trasferisce in Svizzera dove muore nel 1977, nella notte di Natale, dieci anni dopo il suo ultimo film.

Di Chaplin verr√† ricordato fra l‚Äô altro la ricerca assoluta della perfezione, metri e metri di pellicola verranno¬† bruciati¬† ¬†per girare una singola ¬†scena. Chaplin nella sua lunga carriera artistica ha collezionato una quantit√† infinita di premi e onorificenze. Nel 1999 l‚Äô American Film¬† Institute lo ha eletto a¬† decimo migliore attore protagonista di tutti¬† i tempi. I suoi film conservati come reliquie vengono ogni anno riproposti al pubblico e ottengono ancora successo. L‚Äô Icona¬† di Charlot √® famosa nel mondo quanto quella di Topolino. E le colonne sonore dei suoi film ci commuovono e fanno ancora sognare. Su di lui e sulla sua arte comica¬† sono stati scritti libri che riempiono le pi√Ļ grandi e famose biblioteche del mondo, e ancora ne saranno scritti. Ma ¬†forse Chaplin ha dimostrato che ¬†la genialit√† eccezionale non √® disgiunta dal popolo e che non si pu√≤ essere riconosciuti ¬†geni se non si √® in qualche modo amati dalla gente. Perch√© la gente lo abbia amato ¬†tanto, resta ancora un mistero che non √® riuscito a distruggere neanche¬† Adolf Hitler. Un omino buffo, dalle movenze da¬† ubriaco, che si da ¬†arie di un milionario e che √® invece sempre in bolletta, che difende le ragazze in pericolo in modo maldestro e che pure non √® l‚Äô esempio di un cavaliere, che la fa in barba a tutti e che continua¬† a farci ridere e forse lo far√† ancora per molto tempo, forse un giorno anche le Colonie Umane su Marte proietteranno i suoi film, e forse i suoi film accompagneranno l‚Äô uomo nel suo cammino verso le stelle. ¬†Una curiosit√†. Smile era la canzone amata da Mikael Jackson e alla sua morte √® stata eseguita sul suo feretro.¬† Buon Natale da ¬†Salvo Gagliardo.

 Pict0035

 

 

Gli Universi Fantastici  di zio  Walt

Walt Disney

by

Salvo Gagliardo

 

Walter Elias¬† Disney nasce negli Stati Uniti, il 5 dicembre del 1901,¬† a Chicago, Illinois, da parenti di umili condizioni. Quarto di cinque figli, nel ¬†1903 segue ¬†la sorella Ruth. Nel¬† suo sangue si trova sangue irlandese, normanno, canadese, tedesco, assieme¬† a quello ¬†di antichi contadini e cercatori d‚Äô oro. Presto rivela una vera ¬†passione per le tecnologie e il disegno, ma anche per gli affari.¬† si trasferisce nel Missouri, in una fattoria agricola a Marceline, e nel 1911 a Kansas City assieme al fratello Roy. Kansas City segner√† la sua maturazione, Walter ha nove anni. Segue corsi artistici e di disegno,oltre a contribuire con il suo lavoro alle spese di famiglia. ¬†Si occupa per il padre della vendita di giornali e continuer√† a farlo¬† a bordo dei treni¬† della ¬†Missouri Pacific Railroad, Walt rester√† ¬†famoso per la sua passione per i treni a vapore e per¬† i treni in miniatura, passione che lo porter√† pi√Ļ tardi a realizzare i Grandi Parchi Giochi di Disneyland e ¬†la Carolwood Pacific Railroad¬† nel giardino di casa. Lo ¬†zio √® un ingegnere ferroviario,e sui treni vender√† giornali, dolciumi, frutta e bibite . A Kansas City¬† ¬†diventa pubblicitario assieme al fratello Roy¬†e vende piccoli ¬†spot pubblicitari da lui realizzati, ed ¬†¬†√® qui¬† che Walt incontra ¬†per la prima volta il teatro e il cinema. ¬†Ma la sua vita passa da Kansas City a Chicago, dove ¬†comincia a disegnare vignette per i giornali locali. Scoppia ¬†la Guerra e Disney parte volontario per l‚Äô ¬†Europa, Francia,¬† dove guida le ambulanze della Croce Rossa. Tornato in patria attraversa momenti difficili aiutato dal fratello . Cerca anche di lavorare per il cinema di ¬†Charlie Chaplin, che cominciava allora ad emergere. Riprende la sua attivit√† di pubblicitario. Assieme al vignettista¬† Ubi Iwerks ¬†¬†fonda a Kansas City la sua prima societ√†. E‚Äô affascinato dalle potenzialit√† della cinepresa nel creare cartoni animati. E realizza i suoi primi cortometraggi per i cinema locali di Kansas City. La tecnica seguita √® del tutto originale e ¬†diversa da quella delle normali animazioni pubblicitarie. Continua a produrre cortometraggi¬† che vende a varie Societ√†. Produce il suo primo cartone animato Alice‚Äôs wonderland che porter√† con se e definir√† in California.¬† Sebbene quella di Kansas City ¬†sia per lui ¬†una grande esperienza, economicamente rende poco. Ed √® gi√† una leggenda che lui e il fratello Roy si trasferiscano nel 1923¬† da Kansas City ad Hollywood con pochi dollari in tasca, 40 ¬†vuole la leggenda. E nel 1923 comincia a produrre¬† i suoi primi cartoni animati. E‚Äô qui che¬† crea il suo primo Studio assieme al fratello Roy, che diverr√† nel 1928 la Walt Disney Production. Sposa una collaboratrice, Lillian Bounds. Nel 1927 crea il personaggio di Oskar Rabbit, ma presto ne perde i diritti, sottrattigli ¬†dal¬†famoso ¬†Charles ¬†Mintz di New York, il creatore di Felix the Cat e della Universal Pictures, che gli toglier√† anche i suoi migliori collaboratori. Ma non ¬†molto dopo Disney idea e crea ¬†l‚Äô indimenticabile Topolino, Mickey Mouse, inizialmente chiamato Mortimer Mouse che pi√Ļ tardi diverr√† l’avversario del topo pi√Ļ famoso del mondo. La leggenda vuole che il¬†celebre personaggio ¬†sia stato disegnato in treno da Walt Disney. Sar√† Lillian Disney, la moglie, a dargli il nome che lo render√† famoso in tutto il mondo, e fino ¬†al 1947 la sua voce ¬†sar√† quella di Walt in persona. Plane Crazy e The Gallopin‚Äô Gaucho sono¬† ¬†i suoi primi cortometraggi su ¬†¬†Topolino, muti. Ma in ¬†Steamboat Willie, proiettato a New York nel ¬†1928, Topolino diventa sonoro, si tratta di un sonoro sincronizzato il cui sistema Walt aveva acquistato per gli Studios. Con Topolino recitano anche Minnie Mause e Gambadilegno. In Silly Sinphony Disney mischia cartoon e musiche in modo fantastico, √® una trovata di grande successo che potenzier√† enormemente gli Studios. Fanno la sua comparsa i¬† Tre Porcellini. E presto ¬†Topolino ¬†acquista ¬†nuovi ¬†amici, come ¬†il cane Pluto, Pippo e Paperino,oltre alla ¬†graziosa Minnie, ¬†Topolino prende il colore. Walt lavora per la Columbia Pictures, ma presto passa alla Universal. E‚Äô ¬†nel 1937 che Disney realizza il suo primo lungometraggio, una splendida storia in cartoni animati che rester√† quasi immortale, nasce Biancaneve e i Sette nani. Walt crea la perfezione nel disegno animato che rester√† insuperata fino all‚Äô entrata dei Giapponesi nel mercato ¬†e delle nuove tecniche di disegno. La sua √® una vera magia e il mondo degli animali si anima come quello umano, tutto questo richiede un gran numero di collaboratori altamente professionali e specializzati. Sebbene Disney fosse stato sconsigliato nel realizzarlo, il film viene proiettato al Hollywood il 21 dicembre del 1937, ed ¬†√® subito un capolavoro e riscuote un grande successo di pubblico, oltre a diventare un campione di incassi. Walt¬† realizzer√†¬† con il ricavato a Burbank, California,¬† i nuovi Walt Disney Studios il 24 dicembre del 1939. Eterne resteranno le canzoni della sua colonna sonora. Ma gli anni Trenta vedono anche Topolino in carta stampata nelle edicole. ¬†E la Disney comincia ad accumulare Premi e Riconoscimenti. Ma la guerra √® alle porte. Disney realizza Pinocchio e ¬†Fantasy. E‚Äô il 1940 e l‚Äô Europa √® in guerra, ¬†gli Studios ne soffrono e ¬†¬†producono propaganda americana. ¬†Disney diviene un mito per ¬†i soldati in guerra, realizza documentari e distintivi con i personaggi cari ormai al pubblico mondiale. Nel 1941 esce Dumbo ed √® di nuovo un successo.¬† Gli impegni nel conflitto della Walt Disney Production ¬†si infittiscono con l‚Äô entrata in guerra degli Stati Uniti.¬† E assieme alle truppe americane, in Normandia sbarca anche Topolino che diviene simbolo di quella ¬†globalizzazione che uscir√† vincitrice dal¬†¬† conflitto. Nel 1942 esce Bambi. Ma Disney d√† vita anche ¬†a qualcosa che rester√† una tradizione in America, quella di riproporre ogni 7 anni i suoi successi nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti. Vengono realizzate ¬†nuove serie di cartoni animati per l‚Äô America Latina, e nel dopoguerra¬† Disney produce ¬†Alice nel Paese delle Meraviglie e¬† Le avventure di Peter Pan, comincia a lavorare a Cenerentola e manda nelle sale una serie di Documentari sul mondo animale e naturale, che hanno un buon successo e che restano nella storia del cinema, come ¬†La natura e le sue Meraviglie e Alaska. Ma come per Charlie Chaplin, ¬†il dopoguerra porta a ¬†Walt Disney anche dei problemi col Governo e come Charlot, Disney viene accusato di filocomunismo¬†¬† e di attivit√† antiamericana dal senatore Mac Carty e dall‚Äô FBI. Ma ovviamente si tratta di manovre oscure¬† contro la Disney perch√© Walt ha sempre dimostrato il suo americanismo durante la Guerra e in tutto il suo lavoro. E‚Äô nota La sua passione per gli sport nazionali, dal baseball, al golf, all‚Äô equitazione, al polo. Walt Disney ormai si avvia a gestire un impero e a diventare il suo assoluto imperatore, un impero economico dal fatturato fantastico. Fonda la Buena Vista Distribution Company. Negli Anni Cinquanta si avventura nel regno fantastico ¬†di Jules Verne, realizzando 20.000 ¬†Leghe Sotto i Mari in¬† Cinemascope, un film d‚Äô avventura¬† che non √® un cartoon e ¬†L‚Äô Isola del Tesoro di Stevenson. Nel 1954 Disney √® in televisione con la serie Disneyland, poi ¬†¬†Walt Disney Presents per l‚Äô ABC e che verr√† riproposta per molti anni,divenendo presto a colori, e Mickey Mouse Club. Nascono i grandi parchi Disneyland¬† in ¬†California e Florida, seguiranno Francia e Giappone. Ormai gli Studios sono un colosso mondiale e continueranno a produrre cartoni animati come¬† Lilli il Vagabondo, La Carica dei Cento e Uno, La Spada nella Roccia, La Bella Addormentata in Super Tecnirama. Il primo Disneyland apre i battenti il 17 luglio del 1955. Ma Disney grande appassionato di tecnologie non pu√≤ restare estraneo all‚Äô avventura spaziale di quegli anni e¬† con la NASA e Werner von Braun, il suo direttore, produce documentari sull‚Äô astronautica e il volo spaziale. Disney √® ormai all‚Äô apice del successo, il suo √® un Impero dell‚Äô Intrattenimento. Produce nel 1964 Mary Poppins e Disney diviene il maestro indiscusso mondiale dei ¬†film che coniugano animazione e live action. La Ditta Walt Disney Production ¬†sommer√† nel tempo Premi, Riconoscimenti e Nomination¬† a mai finire per animazioni, musiche, gadget, dialoghi. Ventinove Oscar pi√Ļ una quantit√† strepitosa di altri premi fanno di questo piccolo uomo nato nell‚Äô Illinois da umili origini, il Re dell‚Äô intrattenimento e dei bambini, e nel 1964 Walt Disney ricever√† da Lindon B. Johnson la Medaglia presidenziale della libert√†. ¬†La Walt¬† Disney Production e la Walt Disney Word diverranno ¬†icone del nostro tempo, come ¬†Mc Donald e Coca Cola, e non √® un caso che un altro grande della Globalizzazione e dell‚Äô Intrattenimento, il regista Steven Spielberg trover√† nel pi√Ļ anziano Willie ¬†un modello da seguire. Oggi la multinazionale societ√† disneyana realizza 35 miliardi di dollari all‚Äô anno. Nel 1965 esce nelle sale cinematografiche Mary Poppins. Il Parco in Florida ad Orlando per√≤ ¬†viene¬† realizzato definitivamente dal fratello Roy ¬†dopo che Walt muore il 15 dicembre del 1966 ¬†di infarto a Burbank, Los Angeles, dopo che i medici gli avevano diagnosticato un cancro ai polmoni. Il 19 settembre del 1966 era stata l‚Äô ultima conferenza e comparsa in pubblico di Disney e ¬†in cui aveva fatto il ¬†punto dei suoi sogni grandiosi sull‚Äô Intrattenimento e i Parchi Tematici che non riuscir√† a vedere totalmente realizzati, il ¬†grande sogno di una Citt√† delle Meraviglie, di un¬† Universo Disney¬† da abitare come una citt√† ¬†e da vivere. ¬†Sar√† ¬†il fratello Roy a continuare questo sogno fino al 1971, quando anche lui morir√† a dicembre. Alla morte¬† di Walt ¬†Disney¬† si scrissero ¬†e pronunciarono ¬†parole storiche come ¬†<< Da oggi il mondo √® pi√Ļ povero>>. Il corpo di Disney, ¬†si trova forse ibernato, o forse √® solo un’ altra leggenda sul fantastico mago dei cartoons , ma la sua Mega Societ√† continua a produrre capolavori di grande successo, come ¬†Il Re Leone, Il gobbo di Notre Dame, La Bella e la Bestia ed altri. Di sicuro Disney seppe sfruttare al massimo quello che andavano offrendo le tecnologie in fatto di suono e riprese cinematografiche, e di colori, e di televisione.¬† Inser√¨ ¬†abilmente il sonoro quando esso fece la sua comparsa nelle sale cinematografiche, e introdusse il Technicolor nelle sue pellicole. Si apr√¨ con abilit√† alla Tv quando questa divenne il mezzo di intrattenimento preferito dagli ¬†Americani e dal ¬†Mondo intero,¬† ed ancora oggi resta ¬†all‚Äô avanguardia tecnologica sia nel campo dell‚Äô intrattenimento che dell‚Äô informazione scientifica e tecnologica. In quanto ai generi la Walt Disney spazia dalla commedia, alle¬† storie di avventura, alla fantascienza al Music Hall , al fantasy ai ¬†generi pi√Ļ¬† diversi e innovativi¬† e quasi tutti producenti¬†¬† spettacoli di grande successo ¬†e vendite sicure. Per tutto ¬†il mondo Disney √® sempre rimasto ¬†sinonimo di Natale ¬†e di Grandi Feste, una sorta di Babbo Natale del mondo dei piccoli. E con il fantastico ¬†Walt Disney , Salvo¬† Gagliardo vi augura Buone Feste e Buon Anno.

 

©salvogagliardoproduzione 1999-2009.All rights reserved.

 

 

 

 

Merry Christmas da Charlie & Walt

venerdì, 25 dicembre 2009

  

  

Pict0041

  

  

 

 

Merry Christmas

By

Charlie & Walt

Charlie  Chaplin and Walt Disney

di

Salvo Gagliardo

 

 

<<Silent night, holy night,

     all is calm, all is bright

     round yon virgin

     mother and child.

     Holy infant, so tender and mild,

     sleep in heavenly peace,

     sleep in heavenly peace.>>

 

 

 

Hollywood  Fiction

***************************************

Charlie Chaplin

Omaggio al Re

By

Salvo Gagliardo

Charlie Chaplin muore la notte di  Natale del 1977 a  Corsier- Sur РVevey, Svizzera

 

 

E’¬† stato attore comico,¬† regista cinematografico, mimo , clown da circo, abile imprenditore ed uomo d’ affari,sceneggiatore e scrittore, musicista e ballerino. Il suo modo di usare la cinepresa, le tecniche e i trucchi della nuova arte cinematografica del XX secolo ha fatto scuola ed √® entrato di diritto¬† nei Manuali Universali della Settima Arte. Charlot che si allontana ¬†in dissolvenza verso un orizzonte carico di promesse e speranze assieme alla sua bella √® diventata un’¬† Icona Universale simile al Logo rosso della Coca Cola e agli scenari incantati di Walt ¬†Disney. Charles Spencer Chaplin era nato nelle periferie di ¬†Londra, nell’ Inghilterra Vittoriana e di fine secolo, il 16 aprile 1889, lo¬† stesso mese e¬† anno in cui nasceva in Austria Adolf Hitler!¬† Nato da piccoli attori ¬†girovaghi di Music Hall. Figlio d’ arte, cominci√≤ a battere il palcoscenico assai presto, a cinque anni. Chaplin racconter√† forse una leggenda, ossia della sua nascita da una lontana ¬†parente rom. Persino la sua attribuzione al popolo di Israele resta una leggenda, forse avvalorata da un pregiudizio nazista nei suoi confronti.¬† Ma la situazione in famiglia non √® rosea per ¬†lui, il padre √® alcolizzato e la madre Hannah soffre di disturbi nervosi. Presto i due si separano. E’ la miseria pi√Ļ nera, e Charlot deve cominciare ad arrangiarsi. Frequenta clown, mimi e teatrini d’ ¬†avanspettacolo. Le notti va a dormire negli asilo di assistenza. La vita gli sta fornendo ¬†gli elementi per ¬†¬†¬†l’ immagine di¬† Charlot the tramp, l’ archetipo ¬†del Vagabondo che si d√† arie di milionario, Icona Universale che ¬†¬†lo consegner√† alla storia per ¬†sempre.

Entrato nella Compagnia di Fred Karno, prima dello scoppio della Grande Guerra, tra il ¬†1910 e il 1912, fa delle ¬†tourn√®e ¬†di lavoro ¬†negli Stati Uniti. ¬†Conosce ¬†Stan Laurel, anche lui diretto in America. Viene notato da Mak Sennet dei ¬†Keynstone Studios, e realizza i suoi primi cortometraggi. Intanto va caratterizzando il ¬†personaggio di Charlot e il suo look ¬†inconfondibile da little tramp ¬†che lo render√† famoso nel mondo. Presto passa alla regia, Chaplin √® un artista ¬†unico , in quanto idea, realizza, scrive le sceneggiature, le scenografie, le musiche di tutti i suoi film. Scoppia la Guerra, e nel 1914 Chaplin realizza Kid Auto Races at¬† Venice. In cui perfeziona ¬†il personaggio del ¬†vagabondo. Sono film muti e al film muto Chaplin rester√† sempre legato, essendo il cinema che meglio pu√≤ rappresentare la sua geniale versatilit√† di mimo e clown e le sue irresistibili trovate. Chaplin porta la risata e l‚Äô ironia di un fanciullo¬† nella Prima Guerra Mondiale con ¬†Shoulder Arms del 1918, la riporta nella Seconda, con ¬†Il Grande Dittatore, The Great Dictator , e aiuta con il ¬†riso l‚Äô America ad uscire dalla Grande Depressione, quasi indifferente come Charlot ai drammi e alle complicazioni della vita, avviandosi verso un orizzonte senza fine¬† per una via sconfinata da solo o con la sua bella, con la buffa bombetta, i pantaloni troppo larghi, l‚Äô andatura da ubriaco e la canna di bamb√Ļ simbolo di un potere che solo i santi, gli sciocchi e i geni hanno. Per la Keynstone realizza 35 film, poi passa agli Essenays Studios. Intanto nella realizzazione √® diventato ¬†totalmente autonomo.¬†¬† Passa ai ¬†Nati0nal Studios. Realizza nel 1917 ¬†The Immigrant ¬†e Easy ¬†Street. I suoi film muti diventano campione di incassi, secondi solo a quelle delle ¬†grandi stelle di Hollywood, come David Griffith, Mary Pickford e Douglas Fairbanks che diverr√† suo grande amico. Il suo strepitoso successo lo porta a fondare l‚Äô United Artists ¬†nel ¬†1919. Nel 1915 escono ¬†The Tramp e The Champion, nel 1917 The Adventurer. ¬†Nel 1921 The Kid, Il Monello, con Jackie Coogan. Nel 1923 The Pilgrim. Nel 1925 La donna di Parigi, l‚Äô unico suo film dove non sar√† attore¬† protagonista. ¬†Nel 1927¬† fa ingresso il sonoro. Chaplin accoglie la sfida, anche se resta fondamentalmente legato al muto che ritiene di qualit√† superiore per capacit√† artistica ed espressiva. Nel 1928 realizza The Circus, in cui trasfigura tutta la sua esperienza da bambino di circhi e di clown. Nel ¬†1931 realizza City Lights¬† e nel 1936 Tempi ¬†Moderni. Modern Times . E‚Äô in questo film che the little tramp ¬†acquista una voce. Ma l‚Äô acquista solo per dirci addio, infatti questo √® l‚Äô ultimo film in cui appare Charlot e la sequenza finale lo vedono ¬†allontanarsi per sempre verso l‚Äô orizzonte. Ma l‚Äô accento fortemente britannico di Chaplin si far√† ¬†molto pi√Ļ sentire ne Il Grande Dittatore, The Great Dictator ¬†del 1940. Il primo vero suo film sonoro. Seguiranno Monsieur Verdoux del 1946, un opera strutturata sulla vita ¬†di Henry Landru e sceneggiata da Orson Wells, e Limelight del 1952, sono ¬†i grandi capolavori¬† sonori di Charlie ¬†Chaplin. Che √® stat0 ¬†¬†anche un geniale creatore di musiche, e una per tutte rester√†¬† Smile, Sorriso, la nota canzone di Modern Times che fa di Chaplin anche un realizzatore di grandi ¬†colonne sonore che identificano ¬†immediatamente il film. Basta ricordare qui Luci della Citt√† e Luci della Ribalta. Ma l‚Äô immediato dopoguerra¬† e dopo¬† Monsieur Verdoux, che conobbe meno successo degli altri,¬† oltre a dare a Chaplin una fama internazionale e a farlo uno dei registi pi√Ļ ricchi del mondo, port√≤ dei problemi nella sua vita personale gi√† resa difficile dalle numerose cause intentate ai suoi danni dalle mogli o dalle ragazze che aveva scritturato nei suoi film. Il Governo americano scopriva di avere un altro nemico oltre quello appena sconfitto, nel Comunismo e nell‚Äô Unione Sovietica, la destra americana iniziava ¬†una sorta di linciaggio morale contro tutti quelli che avevano manifestato simpatie per Carlo Marx, guidata dalla campagna anticomunista creata dal senatore repubblicano ¬†Mc Carty e dal Direttore della FBI, ¬†Edgar Hoower. Chaplin non aveva mai fatto segreto delle sue simpatie per il comunismo e inoltre i pregiudizi razziali mossi contro di lui da Hitler, che lo aveva messo in lista fra gli artisti ebrei, diedero alle destre l‚Äô occasione di accusarlo di antiamericanismo, inoltre Chaplin non aveva mai preso la cittadinanza americana, restava ancora un immigrato con il visto di residenza. L‚Äô attacco fu duro e port√≤ colui che pi√Ļ di tutti aveva messo in ridicolo il fascismo, e il dittatore Adolf Hitler, a lasciare per sempre,gli Stati Uniti. E‚Äô il 1952. I Chaplin lasciano per un viaggio di piacere l‚Äô America per l‚Äô Inghilterra, ma non vi rientreranno pi√Ļ. Chaplin ha ¬†¬†gi√† ¬†realizzato Limelight nel¬†¬† 1951, il film dall‚Äô immortale colonna sonora, tratto da un romanzo di Chaplin stesso ¬†non pubblicato, ¬†e in cui ha avuto anche una parte il collega Buster Keaton. ¬†Luci ¬†della Ribalta √® il suo addio all‚Äô America. Nel 1957 a Londra realizza Un Re a New York, A King¬†in New York,¬†con Marlon Brando. E sempre a Londra esce La contessa di Hong Kong, A countess from Hong Kong,¬†nel 1967, dieci anni dopo. E‚Äô il suo ultimo film. Da Londra si trasferisce in Svizzera dove muore nel 1977, nella notte di Natale, dieci anni dopo il suo ultimo film.

Di Chaplin verr√† ricordato fra l‚Äô altro la ricerca assoluta della perfezione, metri e metri di pellicola verranno¬† bruciati¬† ¬†per girare una singola ¬†scena. Chaplin nella sua lunga carriera artistica ha collezionato una quantit√† infinita di premi e onorificenze. Nel 1999 l‚Äô American Film¬† Institute lo ha eletto a¬† decimo migliore attore protagonista di tutti¬† i tempi. I suoi film conservati come reliquie vengono ogni anno riproposti al pubblico e ottengono ancora successo. L‚Äô Icona¬† di Charlot √® famosa nel mondo quanto quella di Topolino. E le colonne sonore dei suoi film ci commuovono e fanno ancora sognare. Su di lui e sulla sua arte comica¬† sono stati scritti libri che riempiono le pi√Ļ grandi e famose biblioteche del mondo, e ancora ne saranno scritti. Ma ¬†forse Chaplin ha dimostrato che ¬†la genialit√† eccezionale non √® disgiunta dal popolo e che non si pu√≤ essere riconosciuti ¬†geni se non si √® in qualche modo amati dalla gente. Perch√© la gente lo abbia amato ¬†tanto, resta ancora un mistero che non √® riuscito a distruggere neanche¬† Adolf Hitler. Un omino buffo, dalle movenze da¬† ubriaco, che si da ¬†arie di un milionario e che √® invece sempre in bolletta, che difende le ragazze in pericolo in modo maldestro e che pure non √® l‚Äô esempio di un cavaliere, che la fa in barba a tutti e che continua¬† a farci ridere e forse lo far√† ancora per molto tempo, forse un giorno anche le Colonie Umane su Marte proietteranno i suoi film, e forse i suoi film accompagneranno l‚Äô uomo nel suo cammino verso le stelle. ¬†Una curiosit√†. Smile era la canzone amata da Mikael Jackson e alla sua morte √® stata eseguita sul suo feretro.¬† Buon Natale da ¬†Salvo Gagliardo.

 Pict0035

 

 

Gli Universi Fantastici  di zio  Walt

Walt Disney

 

Walter Elias¬† Disney nasce negli Stati Uniti, il 5 dicembre del 1901,¬† a Chicago, Illinois, da parenti di umili condizioni. Quarto di cinque figli, nel ¬†1903 segue ¬†la sorella Ruth. Nel¬† suo sangue si trova sangue irlandese, normanno, canadese, tedesco, assieme¬† a quello ¬†di antichi contadini e cercatori d‚Äô oro. Presto rivela una vera ¬†passione per le tecnologie e il disegno, ma anche per gli affari.¬† si trasferisce nel Missouri, in una fattoria agricola a Marceline, e nel 1911 a Kansas City assieme al fratello Roy. Kansas City segner√† la sua maturazione, Walter ha nove anni. Segue corsi artistici e di disegno,oltre a contribuire con il suo lavoro alle spese di famiglia. ¬†Si occupa per il padre della vendita di giornali e continuer√† a farlo¬† a bordo dei treni¬† della ¬†Missouri Pacific Railroad, Walt rester√† ¬†famoso per la sua passione per i treni a vapore e per¬† i treni in miniatura, passione che lo porter√† pi√Ļ tardi a realizzare i Grandi Parchi Giochi di Disneyland e ¬†la Carolwood Pacific Railroad¬† nel giardino di casa. Lo ¬†zio √® un ingegnere ferroviario,e sui treni vender√† giornali, dolciumi, frutta e bibite . A Kansas City¬† ¬†diventa pubblicitario assieme al fratello Roy¬†e vende piccoli ¬†spot pubblicitari da lui realizzati, ed ¬†¬†√® qui¬† che Walt incontra ¬†per la prima volta il teatro e il cinema. ¬†Ma la sua vita passa da Kansas City a Chicago, dove ¬†comincia a disegnare vignette per i giornali locali. Scoppia ¬†la Guerra e Disney parte volontario per l‚Äô ¬†Europa, Francia,¬† dove guida le ambulanze della Croce Rossa. Tornato in patria attraversa momenti difficili aiutato dal fratello . Cerca anche di lavorare per il cinema di ¬†Charlie Chaplin, che cominciava allora ad emergere. Riprende la sua attivit√† di pubblicitario. Assieme al vignettista¬† Ubi Iwerks ¬†¬†fonda a Kansas City la sua prima societ√†. E‚Äô affascinato dalle potenzialit√† della cinepresa nel creare cartoni animati. E realizza i suoi primi cortometraggi per i cinema locali di Kansas City. La tecnica seguita √® del tutto originale e ¬†diversa da quella delle normali animazioni pubblicitarie. Continua a produrre cortometraggi¬† che vende a varie Societ√†. Produce il suo primo cartone animato Alice‚Äôs wonderland che porter√† con se e definir√† in California.¬† Sebbene quella di Kansas City ¬†sia per lui ¬†una grande esperienza, economicamente rende poco. Ed √® gi√† una leggenda che lui e il fratello Roy si trasferiscano nel 1923¬† da Kansas City ad Hollywood con pochi dollari in tasca, 40 ¬†vuole la leggenda. E nel 1923 comincia a produrre¬† i suoi primi cartoni animati. E‚Äô qui che¬† crea il suo primo Studio assieme al fratello Roy, che diverr√† nel 1928 la Walt Disney Production. Sposa una collaboratrice, Lillian Bounds. Nel 1927 crea il personaggio di Oskar Rabbit, ma presto ne perde i diritti, sottrattigli ¬†dal¬†famoso ¬†Charles ¬†Mintz di New York, il creatore di Felix the Cat e della Universal Pictures, che gli toglier√† anche i suoi migliori collaboratori. Ma non ¬†molto dopo Disney idea e crea ¬†l‚Äô indimenticabile Topolino, Mickey Mouse, inizialmente chiamato Mortimer Mouse che pi√Ļ tardi diverr√† l’avversario del topo pi√Ļ famoso del mondo. La leggenda vuole che il¬†celebre personaggio ¬†sia stato disegnato in treno da Walt Disney. Sar√† Lillian Disney, la moglie, a dargli il nome che lo render√† famoso in tutto il mondo, e fino ¬†al 1947 la sua voce ¬†sar√† quella di Walt in persona. Plane Crazy e The Gallopin‚Äô Gaucho sono¬† ¬†i suoi primi cortometraggi su ¬†¬†Topolino, muti. Ma in ¬†Steamboat Willie, proiettato a New York nel ¬†1928, Topolino diventa sonoro, si tratta di un sonoro sincronizzato il cui sistema Walt aveva acquistato per gli Studios. Con Topolino recitano anche Minnie Mause e Gambadilegno. In Silly Sinphony Disney mischia cartoon e musiche in modo fantastico, √® una trovata di grande successo che potenzier√† enormemente gli Studios. Fanno la sua comparsa i¬† Tre Porcellini. E presto ¬†Topolino ¬†acquista ¬†nuovi ¬†amici, come ¬†il cane Pluto, Pippo e Paperino,oltre alla ¬†graziosa Minnie, ¬†Topolino prende il colore. Walt lavora per la Columbia Pictures, ma presto passa alla Universal. E‚Äô ¬†nel 1937 che Disney realizza il suo primo lungometraggio, una splendida storia in cartoni animati che rester√† quasi immortale, nasce Biancaneve e i Sette nani. Walt crea la perfezione nel disegno animato che rester√† insuperata fino all‚Äô entrata dei Giapponesi nel mercato ¬†e delle nuove tecniche di disegno. La sua √® una vera magia e il mondo degli animali si anima come quello umano, tutto questo richiede un gran numero di collaboratori altamente professionali e specializzati. Sebbene Disney fosse stato sconsigliato nel realizzarlo, il film viene proiettato al Hollywood il 21 dicembre del 1937, ed ¬†√® subito un capolavoro e riscuote un grande successo di pubblico, oltre a diventare un campione di incassi. Walt¬† realizzer√†¬† con il ricavato a Burbank, California,¬† i nuovi Walt Disney Studios il 24 dicembre del 1939. Eterne resteranno le canzoni della sua colonna sonora. Ma gli anni Trenta vedono anche Topolino in carta stampata nelle edicole. ¬†E la Disney comincia ad accumulare Premi e Riconoscimenti. Ma la guerra √® alle porte. Disney realizza Pinocchio e ¬†Fantasy. E‚Äô il 1940 e l‚Äô Europa √® in guerra, ¬†gli Studios ne soffrono e ¬†¬†producono propaganda americana. ¬†Disney diviene un mito per ¬†i soldati in guerra, realizza documentari e distintivi con i personaggi cari ormai al pubblico mondiale. Nel 1941 esce Dumbo ed √® di nuovo un successo.¬† Gli impegni nel conflitto della Walt Disney Production ¬†si infittiscono con l‚Äô entrata in guerra degli Stati Uniti.¬† E assieme alle truppe americane, in Normandia sbarca anche Topolino che diviene simbolo di quella ¬†globalizzazione che uscir√† vincitrice dal¬†¬† conflitto. Nel 1942 esce Bambi. Ma Disney d√† vita anche ¬†a qualcosa che rester√† una tradizione in America, quella di riproporre ogni 7 anni i suoi successi nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti. Vengono realizzate ¬†nuove serie di cartoni animati per l‚Äô America Latina, e nel dopoguerra¬† Disney produce ¬†Alice nel Paese delle Meraviglie e¬† Le avventure di Peter Pan, comincia a lavorare a Cenerentola e manda nelle sale una serie di Documentari sul mondo animale e naturale, che hanno un buon successo e che restano nella storia del cinema, come ¬†La natura e le sue Meraviglie e Alaska. Ma come per Charlie Chaplin, ¬†il dopoguerra porta a ¬†Walt Disney anche dei problemi col Governo e come Charlot, Disney viene accusato di filocomunismo¬†¬† e di attivit√† antiamericana dal senatore Mac Carty e dall‚Äô FBI. Ma ovviamente si tratta di manovre oscure¬† contro la Disney perch√© Walt ha sempre dimostrato il suo americanismo durante la Guerra e in tutto il suo lavoro. E‚Äô nota La sua passione per gli sport nazionali, dal baseball, al golf, all‚Äô equitazione, al polo. Walt Disney ormai si avvia a gestire un impero e a diventare il suo assoluto imperatore, un impero economico dal fatturato fantastico. Fonda la Buena Vista Distribution Company. Negli Anni Cinquanta si avventura nel regno fantastico ¬†di Jules Verne, realizzando 20.000 ¬†Leghe Sotto i Mari in¬† Cinemascope, un film d‚Äô avventura¬† che non √® un cartoon e ¬†L‚Äô Isola del Tesoro di Stevenson. Nel 1954 Disney √® in televisione con la serie Disneyland, poi ¬†¬†Walt Disney Presents per l‚Äô ABC e che verr√† riproposta per molti anni,divenendo presto a colori, e Mickey Mouse Club. Nascono i grandi parchi Disneyland¬† in ¬†California e Florida, seguiranno Francia e Giappone. Ormai gli Studios sono un colosso mondiale e continueranno a produrre cartoni animati come¬† Lilli il Vagabondo, La Carica dei Cento e Uno, La Spada nella Roccia, La Bella Addormentata in Super Tecnirama. Il primo Disneyland apre i battenti il 17 luglio del 1955. Ma Disney grande appassionato di tecnologie non pu√≤ restare estraneo all‚Äô avventura spaziale di quegli anni e¬† con la NASA e Werner von Braun, il suo direttore, produce documentari sull‚Äô astronautica e il volo spaziale. Disney √® ormai all‚Äô apice del successo, il suo √® un Impero dell‚Äô Intrattenimento. Produce nel 1964 Mary Poppins e Disney diviene il maestro indiscusso mondiale dei ¬†film che coniugano animazione e live action. La Ditta Walt Disney Production ¬†sommer√† nel tempo Premi, Riconoscimenti e Nomination¬† a mai finire per animazioni, musiche, gadget, dialoghi. Ventinove Oscar pi√Ļ una quantit√† strepitosa di altri premi fanno di questo piccolo uomo nato nell‚Äô Illinois da umili origini, il Re dell‚Äô intrattenimento e dei bambini, e nel 1964 Walt Disney ricever√† da Lindon B. Johnson la Medaglia presidenziale della libert√†. ¬†La Walt¬† Disney Production e la Walt Disney Word diverranno ¬†icone del nostro tempo, come ¬†Mc Donald e Coca Cola, e non √® un caso che un altro grande della Globalizzazione e dell‚Äô Intrattenimento, il regista Steven Spielberg trover√† nel pi√Ļ anziano Willie ¬†un modello da seguire. Oggi la multinazionale societ√† disneyana realizza 35 miliardi di dollari all‚Äô anno. Nel 1965 esce nelle sale cinematografiche Mary Poppins. Il Parco in Florida ad Orlando per√≤ ¬†viene¬† realizzato definitivamente dal fratello Roy ¬†dopo che Walt muore il 15 dicembre del 1966 ¬†di infarto a Burbank, Los Angeles, dopo che i medici gli avevano diagnosticato un cancro ai polmoni. Il 19 settembre del 1966 era stata l‚Äô ultima conferenza e comparsa in pubblico di Disney e ¬†in cui aveva fatto il ¬†punto dei suoi sogni grandiosi sull‚Äô Intrattenimento e i Parchi Tematici che non riuscir√† a vedere totalmente realizzati, il ¬†grande sogno di una Citt√† delle Meraviglie, di un¬† Universo Disney¬† da abitare come una citt√† ¬†e da vivere. ¬†Sar√† ¬†il fratello Roy a continuare questo sogno fino al 1971, quando anche lui morir√† a dicembre. Alla morte¬† di Walt ¬†Disney¬† si scrissero ¬†e pronunciarono ¬†parole storiche come ¬†<< Da oggi il mondo √® pi√Ļ povero>>. Il corpo di Disney, ¬†si trova forse ibernato, o forse √® solo un’ altra leggenda sul fantastico mago dei cartoons , ma la sua Mega Societ√† continua a produrre capolavori di grande successo, come ¬†Il Re Leone, Il gobbo di Notre Dame, La Bella e la Bestia ed altri. Di sicuro Disney seppe sfruttare al massimo quello che andavano offrendo le tecnologie in fatto di suono e riprese cinematografiche, e di colori, e di televisione.¬† Inser√¨ ¬†abilmente il sonoro quando esso fece la sua comparsa nelle sale cinematografiche, e introdusse il Technicolor nelle sue pellicole. Si apr√¨ con abilit√† alla Tv quando questa divenne il mezzo di intrattenimento preferito dagli ¬†Americani e dal ¬†Mondo intero,¬† ed ancora oggi resta ¬†all‚Äô avanguardia tecnologica sia nel campo dell‚Äô intrattenimento che dell‚Äô informazione scientifica e tecnologica. In quanto ai generi la Walt Disney spazia dalla commedia, alle¬† storie di avventura, alla fantascienza al Music Hall , al fantasy ai ¬†generi pi√Ļ¬† diversi e innovativi¬† e quasi tutti producenti¬†¬† spettacoli di grande successo ¬†e vendite sicure. Per tutto ¬†il mondo Disney √® sempre rimasto ¬†sinonimo di Natale ¬†e di Grandi Feste, una sorta di Babbo Natale del mondo dei piccoli. E con il fantastico ¬†Walt Disney , Salvo¬† Gagliardo vi augura Buone Feste e Buon Anno.

 

©salvogagliardoproduzione 1999-2009.All rights reserved.

 

 

 

 

Il Mio Amico Hans Christian Andersen

sabato, 19 dicembre 2009

 

Pict0048

 

 

Albi di Fantastika

********************** 

Tre Passi Fra le Nuvole

trilogia fantastica

Il Mio Amico Hans Christian Andersen

fiaba fantastica

by

Salvo Gagliardo 

“Quel giorno, l’ ufficiale di polizia

Lonnie Zamora ispezionava quel  luogo

Idilliaco, quando una specie di ruggito,

dilaniò l’ aria, mentre un’ alta fiamma blu e

aranciata si abbassava dietro ad una collina‚ÄĚ

Jean Pottier-UFO

Una vecchia  Rover rossa sfida faticosamente le accecanti luci infuocate, sotto una sonora pioggia di raggi per le lunghe e polverose strade del New Mexico,  nell’ arido pomeriggio di un luglio di fuoco. Attorno  giganteggiano solitari i cactus spinosi fra arbusti e canon rossastri. Fra le ciclopiche gole si occultano le mura sbrecciate di antichi villaggi, gli antichi bivacchi, gli scheletri pietrificati delle maledette città dell’ oro. I grandiosi scenari sono simili a quelli da cui la Rover ha preso il via con qualche colpo di tosse in un’ alba dura e paurosa fra montagne ciclopiche di pietra e rame. Le mani sudate stringono il grosso sterzo, gli stivali premono sul duro pedale.

Mi chiamo Virgil McMahannan, e possiedo una piccola impresa elettrica a San Francisco: << Luce Ogni dove. Riparazioni e Manutenzione Impianti Elettrici>> Sono alle prese con il solito giro di lavoro e mi aspetta un viaggio faticoso da Phoenix a Salt Lake¬† city, migliaia di chilometri da macinare per le terre pi√Ļ calde degli States. San Francisco √® la mia citt√† e l√† mi aspetta una ragazza che sta per darmi un pargolo. E‚Äô questo il mio unico pensiero, mentre da ore mi scorre davanti monotono e accecante, un panorama¬† quasi marziano, di certo preistorico. Mi ¬†piacerebbe un bel maschietto, rimugino. Diavolo! Che combina quella bestia! Un tir ciclopico mi supera con arroganza e mi costringe ad una manovra pericolosa. Con tristezza ripenso al feto nato morto che mi √® stato mostrato in clinica quella volta! Il primo parto di Elizabeth, andato a male. Qualcosa mi barbaglia davanti. Il sole! Il maledetto sole. Annaspo nel cruscotto in cerca dei miei occhiali scuri. OK! Ma c‚Äô√® un altro sole dall‚Äô altra parte‚Ķ‚Ķ.! Due soli? Mi piego davanti al parabrezza per guardare meglio. Un cilindro¬† accecante simile ad un neon mostruoso levita in alto sulla mia testa. L‚Äô avevo gi√† visto al Barringer, gi√Ļ al Meteor Crater. Ricordo che quella cosa si era alzata dal cratere. L‚Äô avevo seguita per un po‚Äô, poi me ne ero dimenticato. Meteore! Avevo pensato. Scherzi della natura.

Sono stanco ed affamato. Mi conviene fermarmi alla prima stazione di servizio. Guardo la mappa. Per Santa Fè mancano pochi chilometri. La Rover comincia a salire.

Si scia bene da queste parti d‚Äô inverno. Penso. Non manca molto per gli impianti di ¬†Los Alamos, ecco i cartelli e i posti di sbarramento. Il sole √® al tramonto in un cielo rosso fiamma. Di nuovo quelle strane luci! ¬†Che diamine ¬†sta succedendo! Piogge di meteore in un cielo di luglio? Una palla infuocata attraversa l‚Äô orizzonte. Le macchine sfrecciano senza accorgersene. A parte un contadino dallo steccato di una vecchia fattoria al tramonto.¬† La cosa sta precipitando oltre la collina. Il contadino √® scomparso, inghiottito dalla sua vecchia fattoria cadente. Per seguire le giravolte di quella stranezza ¬†ho imbroccato una strada secondaria e pietrosa e del tutto deserta. Mi sento diabolicamente attratto da quella bizzarria. Le vado incontro verso le mura calcinate in alto ¬†sulla collina. Dal finestrino entra un vento gelido. Questo tramonto √® davvero strano! Raggi di luce e aurore rosate splendono oltre la collina. Tutto √® deserto e stranamente silenzioso. Mi sembra di vedere una nebbiolina azzurrata che levita sulla¬† strada. La Rover si ferma, fa le bizze, scoppietta, arranca, non ne vuole sapere di andare avanti. Vicino c‚Äô√® una vecchia miniera abbandonata, trave marce, carrelli arrugginiti, rotaie divelte, macerie, un ingresso scuro e inquietante. Le batterie sono andate! Maledizione e tre volte dannazione! Davvero strano! Mi guardo attorno, il sole √® quasi ¬†tramontato e in cielo le costellazioni cominciano a risplendere. Quello strano sfavillio di luci oltre la collina sembra essersi spento. Dalla vecchio villaggio abbandonato soffia un vento gelido. Mi avvio a piedi come chiamato da un appuntamento verso le prime case di legno marcito del villaggio. La nebbiolina bluastra mi scivola fra i piedi in modo repellente. Sembra uscita sinistra, vomitata fuori dalla marcita citt√† fantasma dei cercatori d‚Äôoro. Ricontrollo la mappa alla luce della torcia. La Federale non dovrebbe distare molto, pi√Ļ in basso. Ma quel putrescente cadavere notturno di pietre e legno fradicio mi incanta come un vascello fantasma fra le tenebre. I mie passi risuonano secchi nel silenzio. Il fascio giallo della torcia illumina la fluorescente nebbia dentro cui affondano i miei stivali e le mie gambe fino a sparirvi. Ovunque assi divelte, finestre scardinate, vetri infranti dietro cui guizzano fiammelle aranciate come ceppi di camino, ombre, vortici di stelle, suoni e musiche. Passo davanti all‚Äô insegna di un vecchio saloon. Mi giungono alle orecchie le note di una sgangherata pianola, le due bussole sbattono cigolanti sui cardini di ferro arrugginito. C‚Äô√® gente dentro che fa baldoria.¬† Sul portico di legno risuonano i passi di stivali speronati. Alzo gli occhi verso i cielo, √® pieno di stelle come non ne avevo mai viste. Un‚Äô ombra scura l‚Äô attraversa simile ad un vascello cosmico a luci spente. Sento lo scampanellio di migliaia di biciclette, simile ad un carillon galattico. Qualcuno mi chiama da dentro il saloon. Mi avventuro, entro, supero lo zoccolo e spingo i battenti. Dannazione! Dalle tenebre della sera alla luce di un impensabile paradiso! C‚Äô√® un denso fumo di pipe e di sigari, gente che si diverte. Tutti indossano gli abiti impolverati¬† del vecchio West. Ci sono pellerossa, yankee, indios. Un prosperosa biondina¬†acqua e sapone storpia una vecchia ballata agitando le piume di un vecchio cappello. Un pianista negro strimpella sulla tastiera e un barista al banco, un tipo baffuto e duro, mi invita a bere una bevanda verdastra che subito mi brucia maledettamente nello stomaco. Ne chiedo un altro bicchiere e poi un altro ancora, fin quando mi ritrovo a fare l‚Äô equilibrista su due gambe incerte nuovamente sulla strada polverosa del vecchio West, ancora una volta con le gambe sprofondate in quel magma azzurrato.

E’ così che faccio la conoscenza del mio bizzarro amico  Hans Christian Andersen!

Perch√© io l‚Äô abbia chiamato cos√¨, √® presto chiaro. Steso sul bianco lettino di una clinica psichiatrica, ¬†sono trascorsi diversi giorni dagli avvenimenti della collina. Il dottor Blockead, quel verme, dice di averci capito poco, stress, o forse i cattivi pensieri per la creatura nata morta, o forse quel maledetto sole del Colorado. Panzane! Il fatto √® che sono stato trovato senza la pi√Ļ piccola coscienza, riverso sul volante della mia auto, alle prime luci dell‚Äô alba quasi sul ciglio dell‚Äô imponente cratere meteorico. E‚Äô ci√≤ che ha detto Tony Beaster alla polizia, il vecchio camionista che mi ha soccorso. Intanto Elizabeth ¬†ha partorito un bel maschietto, grassoccio e latteo come un maialetto. Ho ruminato a lungo la faccenda ¬†ed ho immaginato che il mio ¬†marmocchio ¬†sia nato proprio nell‚Äô attimo in cui la cosa se ne ritornava nel suo ¬†pianeta .Cos√¨ ho finito per chiamare ¬†Hans Christian Andersen anche lui. Il marmocchio ha gli occhi di un celeste impressionante ed √® grande e grosso in modo inusuale. Ma andiamo con ordine. Robot, androide, alieno, raccapricciante creatura stellare, paradossale viaggiatore galattico, feci la sua esaltante¬† conoscenza proprio in quella notte di prodigi. Tutta quella fantastica baldoria di quella magica notte di luglio che mi si confonde in testa, ¬†oggi qui in clinica fanno¬† di tutto per farmela dimenticare.

 Pict0045

Eccomi malfermo sul buio ¬†sentiero azzurrato, attratto l√¨ dalla maledetta citt√† senza nome, dopo avere mandato gi√Ļ diversi bicchieri, quanti non saprei, di quell‚Äô intruglio verdastro del barista coi ¬†baffoni e dal sorriso sinistro. Ricordo che anche lui aveva assunto il colore di quell‚Äô intruglio bomba. Tutto per√≤ qui , nella clinica di San Francisco, mi si confonde nella testa. E‚Äô certo, lo giuro, che dentro quella stomachevole nebbia, in una notte senza tempo, fra le carcasse marcite di una citt√† fantasma, sotto un codazzo di stelle a nozze, sopra una collina del tutto solitaria e abbandonata, vidi‚Ķ..C‚Äô√® da uscire davvero matti‚ĶB√® gente, devo pur dirlo! Vidi‚Ķun bisonte!

Sgranai ¬†gli occhi, come se la luce di tutte quelle stelle non fosse sufficiente a farmi notare ¬†l‚Äô assurdit√† della cosa. C‚Äôera davanti a me un gigantesco paio di corna, arcuate come un croissant lunare, che si allungavano da ¬†un gigantesco cranio taurino e lanuto come un bufalo delle praterie, un fantastico incrocio tra un mammut e un dinosauro. Splendeva nella notte come un idolo antico, totalmente coperto da una lanugine rossiccia. E come se non bastasse, cosa da ¬†farmi cadere a terra stecchito per la meraviglia, sulla sua groppa maledettamente alta, troppo alta per essere di questo mondo, se ne stava appollaiato come un principe indiano una creatura davvero singolare e beffarda, ma¬† anche dolce ed in estasi come un guru in meditazione. Per prima notai il suo buffo cilindro, pi√Ļ alto che largo, e dalle sue strette falde uscivano ciuffi di capelli argentati pieni di giocosi luccichii. E sotto quel cappello c‚Äôera¬†il ¬†viso pi√Ļ strano che avessi mai visto, una faccia bianca e luminosa come la luna o come un neon. Pi√Ļ tardi quando potei guardarlo senza quel buffo cilindro vidi che aveva una fronte arcuata, la fronte pi√Ļ grande che avessi mai visto, che cadeva a strapiombo e sul cocuzzolo leggermente a punta riposavano in disordine ¬†ciuffi di capelli nivei e argentati. La faccia in basso terminava con un piccolo mento quasi infantile, da bambino, e un nasetto altrettanto piccolo ed infantile arrossato come una ciliegia. La sua bocca era una fessura lunga¬† e curva che dava al volto l‚Äô impressione di un eterno sorriso. Due piccole lenti rotonde, scure e impenetrabili ne nascondevano gli occhi.

Quel¬† coso ¬†dal nasetto da Biancaneve sembrava uscito da una pagina di Dickens, anche per l‚Äô abito assolutamente inconsueto e fuori tempo. Dei pantaloni aderentissimi tornivano una coppia straordinaria di gambe da trampoliere e che nella posizione in cui si trovavano si attorcigliavano come serpenti. Avrei giurato che fossero prive di scheletro, elastiche come il corpo di un topo. Anche se quei pantaloni a scacchetti lo facevano somigliare al filosofo Kierkegaard, ben presto mi¬† accorsi che tutto quello che vedevo era in realt√† qualcosa d‚Äô altro! Dai pantaloni stretti alle caviglie usciva un paio di calzini buffi e multicolori. Ma quelle paia di scarpe era impossibile dimenticarle! Anzi, fu la prima cosa che mi si present√≤ davanti agli occhi della mente quando imbottito di tranquillanti mi svegliai nel lettuccio bianco della clinica a San Francisco, fra medici che mi guardavano con facce beffarde e incredule. Erano scarpe grandi, rotonde, pi√Ļ simili a racchette da neve, che a scarpe da tennis, ma di queste ne avevano l‚Äô elasticit√†, sembravano un singolare incrocio fra una scarpa da tennis e una calzatura di astronauta. E che dire della giacca? Una vecchia palandrana bisunta, una finanziera lunga e d‚Äô altri tempi, un cencio raccattato chiss√† dove! Aderiva al busto strettamente come i pantaloni, e il busto sembrava un tozzo cilindro corto rispetto ai trampoli. A raccontarlo ho rischiato di fare ammattire per davvero i pazienti della clinica!

In quei mesi di forzata inattività, nella Stanza 28 della clinica Riposo Sicuro, ho sempre rimuginato sui frammenti a flash di memoria di quella incredibile notte, estratti a fatica da una mente addormentata dai farmaci e dalle chiacchiere dei medici. Spesso ne ho parlato con Blockead e la sua infermiera, strappandogli risolini di compiaciuta superiorità. Ma quando gli ho presentato condita alla meglio, come un piatto prelibato,  la storia delle nubi e del cilindro, allora e solo allora mi hanno schiaffato  sulla faccia un sarcastico disprezzo che mi ha costretto a richiudermi nella mia conchiglia come un’ ostrica strapazzata.

Fu forse quell‚Äô intruglio bevuto quella notte in quel saloon sgangherato fra gli allegri fantasmi di ¬†una citt√† defunta, ma vi assicuro che attorno a quel cilindro incredibile sulla cui vera natura ho pi√Ļ volte fantasticato, levitava una soffice nuvoletta che alla luce dell‚Äô alba nascente mi parve di un delizioso color rosa pesco, uno sbuffo di nuvole¬† simili a quelle ¬†che circondano ¬†i visi paffuti¬† dei rosei amorini settecenteschi nei quadri dei nostri venerati maestri. Avr√≤ modo di far notare come ¬†quella delicata nuvoletta si comportasse da autentica nube, rabbuiandosi e schiarendosi, e persino¬† generando vistosi scrosci temporalizi, con piccole saette¬† argentate , e rapidi lampi che esplodevano e si scatenavano, secondo gli umori di quel cappellaio impossibile o di quel rigattiere intergalattico. E aggiungo che le poche volte che ho visto Hans assopito, la nuvoletta √® scesa nascondendolo teneramente e beatamente!

………continua

©All rights reserved. salvogagliardoproduzione. 1999-2009.

 

 

Se a qualcuno interessa l’ intero racconto o addirittura l’ intera trilogia di racconti fantastici non ha che da  contattarmi nel  sito Fantastikalbi,  o inviarmi una sua email al mio  indirizzo di posta. Grazie e Buon  Natale.

info@fantastikalbi.it

fantastikalbi@yahoo.it