di Salvo Gagliardo

I Capolavori. Lo Strano Caso del dottor Jekyll e mr. Hyde

 

 

 

I Capolavori

The Strange Case of doctor Jekyll and mister Hyde

di

Robert Louis Stevenson

 

by

Salvo Gagliardo

 

 

Il romanzo di Robert. L. Stevenson è stato letto, studiato e classificato diversamente nel tempo, come  romanzo tardo gotico del secondo Ottocento, come detective story, come romanzo scientifico o  avventura scientifica per l’ esperimento off limits condotto dal medico e scienziato londinese Edward Jekyll, come romanzo metafisico e del sovrannaturale, ed effettivamente l’ opera, non eccessivamente lunga e condotta secondo una certa economia di spazi, si presta a queste diverse classificazioni, e nessuna di queste le è estranea. Siamo nel tardo Ottocento e in Inghilterra domina la Regina Vittoria, l’ opera è quindi del periodo tardo vittoriano dominato dalle scienze biologiche e darwiniane. Siamo lontani di mezzo secolo e passa dal Frankenstein della giovane Mary Shelley e l’ Impero inglese  comincia a segnare qualche vago cedimento. La borghesia è all’ apice, ma giunta nel suo livello più alto presagisce la sua  fine. Fra qualche anno Herbert George Wells darà alle stampe i suoi disperati  ed allarmanti   romanzi futuristici e Conan Doyle, anche lui scozzese di Edimburgo come Stevenson un po’ forse rifacendosi a certe atmosfere del romanzo del suo concittadino creerà una Londra olografica e di maniera dove i nuovi Jekyll potranno germinare ,crescere, e   vivere le loro vite di crimini e di libertà assoluta, studiati, scovati e mostrati al pubblico dall’ abile e contraddittorio Sherlock Holmes. Insomma l’ Impero Inglese domina ancora i commerci tallonato dalla potente e crescente America, ma comincia anche a chiedersi quali sono i confini di questa espansione e quale è il prezzo da pagare in nome di una certa umanità e contegno che diventa sempre più di facciata. Le scienze stanno facendo miracoli e bacchettoni come il dottor Layon è giusto che  diventino le vittime di un piccolo mostro terribile nato dal seno dell’ augusto e rispettato Edward Jekyll, dottore in medicina, le generazioni si susseguono e il futuro di Hyde sembra sorridere tenebrosamente  e anticipare ciò che di mostruoso e terribile riserverà all’ uomo il XX secolo. Sono timidi tentativi ancora, non si parla di ecatombi e di genocidi o di omicidi plurimi. Tutto sommato Hyde è ancora un bambino che deve provarsi in un mondo che ancora lo rifiuta e per questo deve agire di nascosto, come vuole il suo cognome. Nel romanzo si parla solo di qualche sua malefatta, una ragazzina strapazzata in una via di notte,  e un vecchio trombone universitario ucciso, anche se  selvaggiamente, niente di più, il resto Stevenson forse ce lo suggerisce. Oggi sorrideremmo visto che ogni giorno siamo testimoni di crimini efferati veri o ricreati in  fiction che vanno ben oltre la recuperata selvaggia potenza distruttiva del giovane  alter ego del dottore. Ma il piccolo e mostruoso Hyde appare  già  a creature sensibili come Utterson dai modi e dalle idee di antico puritano e a Stevenson lo scrittore, creatore, e demiurgo, già contornato dalla sua aura di metafisico orrore agghiacciante, questo forse è il lato più interessante dell’ opera dello scrittore inglese e in questo consiste  forse  la sua intensa goticità. Hyde è il Male o meglio è Il Male  che fa  il suo ingresso nel mondo in attesa di potenziarsi e divenire più spettacolare ed esplosivo. Io penso che il punto di vista più interessante per uno scrittore di fantastico sia l’ aspetto sovrannaturale della storia, che  potrebbe anche diventare fantasy più tardi, ed è quello che ha  affascinato di più lettori ed estimatori come HP. Lovecraft. L’ aspetto  sociale o psicologico del racconto, i suo innesto nella moderna e nascente psicoanalisi, l’ alienazione inevitabile dell’ uomo sempre più dentro meccanismi gelidi e tecnologico e sempre più costretto a portare maschere di convenienza in una società sempre più complessa ed intimamente spietata, è cosa che è stata ampiamente sceverata, anche l’ ormai classico richiamo al  Doppelganger è oggi cosa trita e ritrita, sappiamo tutti l’ apporto a questo tema di Edgar Allan Poe, di Stevenson, di Oskar Wilde e di vari altri, e conosciamo oggi un po’ tuti le sintomatologie di schizoidismo o le diverse schizofrenie della personalità, tutte cose che si potevano acquistare a peso nelle edicole ed oggi trovare su Internet,. Ma forse nessuno oggi fra tutti coloro che ogni giorno ci propinano spettacoli di scissioni, o alterazioni patologiche della personalità, di killer seriali sempre più in gara nelle fiere dell’ atrocità, forse nessuno è riuscito letterariamente a rendere quanto Stevenson il Mistero del Male e della sua esistenza, bisognerebbe fare molti passi indietro per trovare qualcuno o qualcosa capace di rendercene la forza e l’ orrore. Io penso che fra  gli scrittori del XX secolo, solo Howard Phillips  Lovecraft ci si è provato. Forse ancora   in America, Melville ci ha provato. Hyde non è Jekyll, non lo è fisicamente altrimenti i suoi amici lo avrebbero riconosciuti, Hyde è qualcosa d’ altro, una Alieno forse o un Mistero che si sta servendo del corpo di Jekyll la cui curiosità scientifica lo ha spinto a quell’ esperimento andato a male. Hyde è tutti noi, Hyde è la liberazione dell’ energia di un atomo scisso, Hyde è l’effetto della distruzione di quella unità anche se fittizia con cui tutti noi ci presentiamo al mondo, Hyde è l’ orrore della Molteplicità libera di manifestarsi nel caos e nella violenza, è insomma l’ antico  pandemonio. E’ la molteplicità che è sottesa ad ogni  Unità voluta da Dio ma debole e facilmente distruttibile se non è tenuta da ferree leggi morali e quasi bibliche. E’ il ritorno allo stato pagano libero e selvaggio, è il recupero del notturno e delle sfere selvagge che  vanno di notte a caccia sotto la complicità della Luna piena, Hyde è tutto questo. Si direbbe, come è stato anche  detto, il piacere della regressione generata  da una  trasgressione alle leggi di Dio. E Utterson che rappresenta un indagatore distaccato che sebbene puritano e cittadino del Bene nel male è di casa, Utterson ne percepisce con agghiacciante terrore la presenza. Hyde anticipa Hitler, anticipa la bomba di Hiroshima, anticipa le pulizie etniche e tanto altro, in qualche  modo Hyde apre la strada a Jack lo Squartatore, ai pagliacci assassini di Stephen King , a Norman Bates  di Psyco, ad  Hannibal  Lecter  de Il   Silenzio degli  Innocenti, è Patrick Bateman il  serial killer di American Psyco.  Ma è ancora qualcosa di più e Stevenson da ottimo scrittore non svela tutto  il  suo mistero,  ma lo lascia vivere come simbolo irriducibile, come incubo notturno che continua a terrorizzarci, con una forza maggiore di quella di Freddy Kruger,  come  l’ archetipo di un  personaggio eterno simile al Vampiro  o all’ Ebreo Errante. L’ arte consumata di R.L.  Stevenson  sta proprio in questo, nel fatto che ha messo in giro un archetipo intramontabile. La grandezza negativa di Hyde e quella artistica del suo creatore stanno proprio qui, ancora oggi  leggiamo questo romanzo che dovrebbe sembrarci  superato da misfatti ed orrori ben più grandi. Ma i capolavori hanno  da sempre fatto questo nel dar vita a personaggi intramontabili e non resi vani dal tempo.

 

©salvogagliardoproduzione.2000-2009.all rights reserved.

 

 

 

 

Tags: ,


Commenti all'articolo

  1. Olen Schappert il 27 maggio, 2011 alle 20:13

    This domain seems to recieve a large ammount of visitors. How do you promote it? It gives a nice unique twist on things. I guess having something real or substantial to give info on is the most important factor.

  2. partybingo bonus code il 6 settembre, 2011 alle 22:02

    I am not rattling superb with English but I come up this really leisurely to understand.

  3. credit card payoff goal calculator il 10 settembre, 2011 alle 21:42

    One of the things I like most regarding the blog post on Page 2 I Capolavori. Lo Strano Caso del dottor Jekyll e mr. Hyde Gli Albi di Fantastika is how well you outlined the details in easy to understandlaymens terms. Thank you for making it very easy to get.

  4. sports authority code il 15 settembre, 2011 alle 00:34

    It is the best time to make some plans for the future and it’s time to be happy. I have read this post and if I could I desire to suggest you some interesting things or suggestions. Maybe you could write next articles referring to this article. I want to read more things about it!

  5. crork il 7 novembre, 2012 alle 16:58

    NUn5us I appreciate you sharing this blog post.Thanks Again. Cool.

    Lascia un commento