di Salvo Gagliardo

AbyssHollywMovie

    HollyFiction Page

    by

    Sal G.

    Abyss Hollywood Movies

    Photosource reflectionsonfilmandtelevision.blogspot.com

    Sourcephoto filmindustrynetwork

    James Cameron

    and

    The Abyss

    1989

    Youtube video

    The abyss 1989.Trailer

    Editing software: Adobe Premiere Pro CS5.5

    uploaded by Bogdan Caraman june 9,2011

    Connection to

    http://www.salgagliardo.it/?p=1242

    note by Sal G.

    Un altro film sugli  abissi, dopo quello di Levinson, The Sphere, film del 1989, anni di crisi petrolifere e di crollo dell’ Unione Sovietica, ma la guerra fredda era ancora in atto. E stavolta a realizzarlo è stato il prestigioso e molto accreditato ad Hollywood Rod Cameron, il regista di Terminator, Titanic ed Avatar, che ha ricevuto un riconoscimento per la sua ottima sceneggiatura. Un film di avventura, di mare e di fantascienza ad alto budget, che sarebbe dovuto uscire il 4 luglio, giorno sacro negli USA, e che è uscito ad agosto. Film dalla trama travolgente con molte scene d’ azione con gli effetti speciali di Joe Letteri noto per King Kong e Il signore degli Anelli. Il film che ha richiesto più di un anno di lavoro sul campo e che è costato moltissimo, ha conosciuto varie disavventure e molteplici incidenti, mentre il carattere dittatoriale del  suo creatore, ha pesato sull’ equipe e sugli attori che  ne sono usciti particolarmente stressati come Ed Harris che ha dovuto ricorrere quotidianamente per tutto il film alla camera di decompressione.
    Sono passati diversi anni da quando la New HollyWood ha cominciato produrre film ad alto budget e il film di Cameron chiaramente risente dello stesso spirito, offrire grandi spettacoli costosi pieni di storie mozzafiato, di effetti speciali, e di belle immagini,e di sentimenti forti, ha cominciato Spielberg e poi Lucas, e Cameron già collaudato con Titanic e Terminator non tradisce la lezione  dei maestri, molte sequenze del suo film richiamano da vicino  Incontri Ravvicinati soprattutto da quando lo strano  popolo degli abissi ha cominciato a farsi vedere dagli umani.
    La storia può essere divisa in vari episodi,  in apertura e vita nel fondo marino , primo incontro con le creature degli abissi,  fino allo tsunami annunciato e  all’ incidente che fa precipitare il laboratorio negli abissi, la ricomparsa delle creature marine, il tentacolo di color acqua e metallo, la follia di Hyram Coffey e il furto della bomba, l’ ammutinamento di Coffey e la guerra interna, la battaglia dei batiscafi, la morte di Coffey, l’ apparente morte di Lindsey e la sua resurrezione, la bomba disinnescata e l’ incontro di Bud con le civiltà degli abissi,quest’ultimo è stato rivisto ed arricchito in una versione più recente,  risalita in superficie e fine della storia. Così i temi centrali del film, come altri dello stesso tipo, sono come salvare il pianeta  dall’ instabilità  ed aggressività della specie umana, incontro con l’ Altro, in questo caso è incerto che la civiltà e il misterioso popolo degli abissi marini siano di origine aliena,la minaccia di una civiltà superiore di distruggere il pianeta, l’ amore fra un uomo e una donna. Molto bravo Ed Harris che abbiamo già visto in ruoli simili, come Apollo 13 e Armageddon.
    Una squadra ben addestrata di operai fra cui una donna, vengono mandati dal governo in fondo all’ oceano, nel Mare dei Caraibi a recuperare la bomba di un sommergibile atomico inabissatosi in quelle acque per un incidente, fra questi vi è anche un uomo della sicurezza nazionale  che ha il compito che la bomba sia veramente messa in salvo e che non cada in mano ai russi. Siamo  ancora in tempi di guerra fredda. Nella squadra fra gli altri ci sono Lindsey-Mary Elizabeth Mastrantonio, una donna che è stata sposata a Bud,  Bud Brignam-Ed Harris,  con una storia matrimoniale con Lindsey  andata a male, e Hyram  Coffey che alla fine si rivelerà un autentico problema per tutta la squadra. Ci sono splendide immagini dei fondali marini non estranei ad un appassionato di mare come Cameron, il Titanic ci darà altrettanti splendidi scenari. Cameron ha lavorato ed ha fatto lavorare duramente l’ equipe per ottenere quello che desiderava avendo anche un capitale sostanzioso in dollari da spendere.
    Lindsey piano piano  si riavvicina sentimentalmente a Virgil Bud ottimamente interpretato da Ed Harris. Finchè  Lindsey non incontra per la prima volta la strana creatura luminosa degli abissi. Ancora una volta in quanto a questa civiltà quasi aliena dei fondali marini Incontri Ravvicinati ha fatto enormemente scuola, soprattutto alla fine come non pensare all’ arrivo del corteo di astronavi e globi luminosi sullo spazioporto della Devil Tower nel Wyoming. Seconda apparizione stavolta dentro il laboratorio di una creatura degli abissi stavolta a forma di un gigantesco tentacolo serpentino di color acqua e acciaio che riproduce il viso di Lindsey segno di un primo contatto. E anche qui come non pensare ad Incontri Ravvicinati. E’ con il tornado in arrivo le cui immagini sono diffuse per televisione che la storia si avvia a diventare drammatica. Poi veniamo a conoscenza che quel tornado è stato generato dal popolo degli abissi che si prepara a distruggere l’ umanità.  Il cavo del laboratorio viene tranciato da una gru precipitata dalla superficie del mare e il laboratorio viene trascinato verso la voragine che si apre sotto, gli uomini cominciano a morire, Coffey che deve portare  a termine la sua missione segreta  impazzisce, si ammutina e con altri due tiene prigioniero il resto dell’ equipe e minaccia di voler fare esplodere la bomba contro le creature del mare che pensa si trovino in fondo alla voragine e che crede trattarsi di alleati dell’ Unione Sovietica. Poi la  situazione precipita in una serie di sequenze emozionanti, in battaglie nel fondo del mare, in inseguimenti e lotte fra  scenari da 2000 Leghe Sotto i Mari, ed  infine nella morte di Coffey dopo una battaglia tra batiscafi. Lindsey però ha la peggio e viene condotta sul laboratorio quasi morta. Ed è dovuto allo sforzo ostinato di Virgil se riprende vita. E infine Virgil si lascia andare nel fondo della voragine per disinnescare la bomba che Coffey vi ha fatto cadere. E qui si innesta l’ episodio precedente del topo, è infatti per l’ esperimento sul topo che Virgil può scendere in quelle profondità in tuta, scafandro e respiratore, esperimento che impedisce al casco ermetico di Virgil di essere polverizzato  dalla pressione, ma è anche per questo che Bud rischia di morire dopo avere disinnescato la bomba. Qui Cameron  fa uso di computer e di comunicazioni col computer. E infine Bud viene salvato dalle creture che lo portano nella loro straordinaria città degli abissi e gli mostrano quello che stavano per fare, distruggere l’ uomo per impedire che possa distruggere la Terra, distruggere i pianeta con una serie di potenti tsunami. Ma il progetto viene fermato grazie all’ atto eroico di Virgil che è pronto a sacrificarsi per la Terra e per la sua amata. Per cui il messaggi sembra dire che ancora sull’ uomo si può fare affidamento e che la distruzione è rimandata. Splendide le sequenze finali che ancora una volta richiamano anche Incontri Ravvicinati di Spielberg. La fine aqcuista un tono di favola e di space e di fantasy opera, di cui Rod Cameron sembra esperto.

    ©SalGagliardoproduction. All rights reserved. March 2013.


    Lascia un commento