di Salvo Gagliardo

HollyFiction Biomovies 3

    This Page is under contruction

    HollyFiction Biomovie

    by

    Sal G.

     

    G 

    Youtube Marilyn Monroe uploaded by gowiththewind1 June 12,2010

     

     

     Sourcephoto vitalowcost.it  film mar
    Sourcephoto teladoiofirenze.it  mary
    Sourcephoto screenweek.it
    Sourcephoto zimbio.com
    Sourcephoto mardecortesbaja.com

    Marilyn Monroe

    Source photo purehistory.org

    Link

    Note by SalG.

    Estate 1956, Marylin Monroe assieme ad Arthur Miller, giunge a Londra per interpretare la parte di una show girl nel musical comedy The Prince of Show girl accanto  a Laurence Olivier e  diretto dallo stesso. Fra i suoi assistenti alla regia c’è il giovane Colin Clark alle  sue  prime armi nel mondo del cinema, giovane rampollo di una facoltosa e influente famiglia inglese. La vecchia Inghilterra gelosa delle sue tradizioni riceve una Yankee purosangue, la più famosa yankee girl d’ America. Sembrerebbe  una storia da Little  Lord Fauntleroy, se ad interpretare la parte di una giovane americana  priva di inibizioni non fosse la ragazza più sexi del mondo. La fama di Marilyn è già alle stelle quando giunge nel paese delle Rolls Royce  e di Buckingham Palace assieme al suo nuovo occhialuto compagno  americano che dall’  austerità del popolo britannico è ritenuto un bolscevico, lo scrittore ebreo di New York Arthur Miller. Sembra una scena tolta alla Dolce Vita di Federico Fellini quando la bionda Marilyn e il ben messo  Arthur giungono all’ aeroporto internazionale della capitale  inglese con un volo New York – Londra, e naturalmente anche in Inghilterra come a Roma ci sono i soliti paparazzi ad attendere la coppia americana presente sulle prime pagine dei giornali. Con loro c’è anche il  giovane fotografo e produttore Milton Green, l’ uomo che ha reso famose le immagini di Marilyn, produttore del film che sta per girare e socio in affari dell’ attrice. All’ aeroporto non c’è il giovane Colin Clark che vedrà l’ attrice negli studi del set assieme a sir Olivier, insignito con il titolo di baronetto dalla regina, e a Vivien Leigh, ancora bella e compagna dell’ attore inglese.

     

    G

    The Prince and the Showgirl Trailer
    Youtube uploaded by Michael  november,2,2010

    Il film di Simon Curtis del 2011, il primo suo lungometraggio, è stato realizzato sui diari di Colin Clark che per una settimana è stato in intimità con l’ attrice americana durante il set di Londra. In realtà il film ha un secondo protagonista principale, appunto lui, il giovane inglese Clark, figlio e nipote di persone autorevoli a Londra e vicini alla Corona,  che era appena entrato nell’ organizzazione cinematografica di Laurence  Olivier come aiuto regista. Anzi, a dire il vero sembra lui il vero protagonista della storia che può anche essere letta come la storia dell’ iniziazione di un giovane alla vita. Olivier è un attore teatrale e filmico molto noto non solo in Inghilterra, ma anche molto stimato ad Hollywood, è già un mito quando la bella, provocante e svampita Marylin fa il’ ingresso per la prima volta sul set del futuro film diretto dallo stesso Olivier. Nel  film  di Curtis la parte di Marylin è affidata a Michelle Williams, quella di Olivier, un po’ forzata, al bravo attore britannico multiforme Kenneth Branagh che abbiano cominciato ad appezzare già con Frankenstein, mentre Eddie Redmayne fa il giovane Colin ancora alle prime armi non solo professionalmente ma anche in amore.

    G

    My Week With Marilyn Trailer 2011 – Official [HD
    Youtube uploaded by nogoodflix october 6,2011
    My Week With Marilyn Trailer 2011 – Official Movie Trailer HD – starring Michelle Williams as Marilyn Monroe. The film also stars Kenneth Branagh, Eddie Redmayne, Dame Judi Dench and Emma Watson!

    Il principe e la show girl è una classica commedia musicale alla Broadway con la ragazza americana disinibita a corte, ed è il film giusto per una americana come Marilyn cresciuta nei quartieri poveri di Los Angeles, e che sbarca a Londra in una estate del 1956. E il principe è Olivier/Branagh con la caramella all’ occhio, fiero della sua anglicità britannica, e del suo talento riconosciuto da molti film di successo. Ed Olivier che viene fuori da una scuola di recitazione di alto livello guarda con apprensione, o anche con ammirazione la giovane e bionda yankee che fa le bizze, che ha dei capricci e che si allontana dal set per ore o per giorni preda delle sue crisi. Di tutto questo è testimone il giovane Clark/Redmayne, che finisce per innamorarsi dell’ attrice super dotata, mamma America come viene chiamata. Il film di Curtis è quindi la storia di questo giovane cadetto alle prime armi con il cinema e la vita. E’ Clark ad accompagnare Marilyn in giro per Londra, a tenergli compagnia a corte,a Buckingham Palace, introdotto da uno zio influente, è lui che cerca una casa a Londra all’ attrice, ed è lui a farle in quei giorni quasi da segretario, suscitando l’ ira del giovane Milton Green, fotografo, produttore  e socio in affari di Marilyn. E da tutto questo emerge la fragilità della donna costretta a recitare la parte di stupida bambinona super sexi, ma in realtà destinata al successo per le sue inspiegabili doti di attrice che piace, come una bella canzone frizzante., Marilyn dalla vita inquieta, da una identità fragile resa più fragile dalla vita a cui la carriera la costringe, tormentata ed assistita dalle sue anfetamine e tranquillanti o dall’ alcool e dai numerosi psichiatri che il conto in banca le permette di avere. E’ il prezzo del successo, un vino troppo forte per una ragazza cresciuta negli orfanotrofi di Los Angeles, ed emotivamente instabile,E in quei giorni londinesi il giovane Clark riesce a mitigarne le sofferenze, e ad esserne testimone. E sebbene si faccia fatica a liberarsi e lei stessa  a liberarsi del cliché di una Marilyn come una bomba sessuale, alla fine del film le sue vere doti di attrice e icona le vengono riconosciute dallo stesso direttore di scena, sir Olivier che di teatro e di cinema se ne intende, e che forse vuole dirci che il talento è un dono, pagato spesso a duro prezzo, ed un mistero quasi divino di cui spesso non si è consapevoli. E questa dote  nel film di Curtis opera dei veri miracoli e delle trasformazioni, in Clark che ne esce trasformato e maturo, in Olivier che vede raggiunta la perfezione richiesta nel suo film, e negli altri che hanno vissuto una appassionante esperienza vivendo qualche giorno gomito a gomito con Marilyn, il cui vero nome era Norma Jeane Mortenson nata a Los Angeles l’ 1 giugno del 1926.

    Nota interamente scritta da Sal Gagliardo. ©SalG.production 2013. All rights reserved.


    Lascia un commento